MENDRISIO D'ORO, PREMIATO VAN AVERMAET. GALLERY

PROFESSIONISTI | 18/06/2018 | 16:48

La cerimonia di consegna del prestigioso “Mendrisio d’Oro”, manifestazione di lunga storia giunta alla 46^ edizione e caratterizzata da un albo d’oro nel quale figurano i massimi protagonisti delle due ruote degli ultimi cinquant’anni, si è svolta, come da tradizione, al Centro Manifestazioni del Mercato Coperto di Mendrisio, nel Canton Ticino, la sera di domenica 17 giugno.


Renzo Bordogna, il fondatore del premio, personaggio di peculiare carisma sempre affezionato al ciclismo e per il quale il tempo sembra essersi fermato, unitamente ai suoi collaboratori e con il figlio Massimiliano, quasi con doti di preveggenza, ha sfidato la concomitanza dell’incontro di calcio mondiale fra la Svizzera e il Brasile vivendo – e godendo con tutti i suoi connazionali, in contemporanea - la soddisfazione del risultato oltremodo positivo ottenuto sul campo dai rossocrociati.


Il riconoscimento del Mendrisio d’Oro è stato attribuito dalla giuria del premio al belga Greg Van Avermaet, la medaglia d’oro della prova su strada alle Olimpiadi di Rio de Janeiro (ancora ricorrente il Brasile….) e vincitore di  classiche “monumento” e altre importanti gare anche a tappe, fresco reduce del Giro della Svizzera terminato poco prima nella vicina Bellinzona. Il Mendrisio d’Argento è toccato invece al biker iridato nella prova a squadre, il giovane ticinese Filippo Colombo, del V.C. Monte Tamaro.

La brillante e incisiva conduzione, in tandem, di Giancarlo Dionisio e Flavio Beretta, ha tratteggiato le figure dei due premiati con gli interventi di Rocco Cattaneo, già valido professionista e attuale presidente UEC nonché esponente politico di rilievo della vicina Confederazione, del neo sindaco di Mendrisio Samuele Cavadini e del suo vice, Paolo Danielli, dell’iridato di Mendrisio Cadel Evans che ha illustrato le doti tecniche e, soprattutto, quelle umane, di gentiluomo, fidabile ed educato con tutti, del suo ex compagno e amico Greg Van Avermaet.

Erano presenti anche Oliver Zaugg, vincitore del Giro di Lombardia 2011, Marco Vitali, Andrea Bellati e altri ex corridori elvetici con Renzo Quattropani e Flavio Rusca che, nel loro ruolo non pedalato, svolgono sempre e comunque l’importante funzione, svolta con passione e partecipazione, in favore della sicurezza delle corse, soprattutto nel Canton Ticino.

Come sempre, a mezza strada fra Svizzera e Italia, era presente Domenico De Lillo. C’erano anche altri “nomi” del ciclismo tricolore come Franco Cribiori e signora, Tino Conti ed Enrico Maggioni, il presidente dell’U.S. Pontedecimo, Ivano Carrozzino, organizzatore del Giro dell’Appennino unitamente a Paolo Frigerio e Mauro Viotti, del C.C. Canturino.

Per quest’edizione il Mendrisio d’Oro, premio nell’aristocrazia dei riconoscimenti ciclistici, ha convissuto e ha portato bene anche al calcio rossocrociato, con grande soddisfazione.


foto Viotti

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Gianni Bugno, presidente dell'Associazione Internazionale dei Corridori (CPA), ha voluto ringraziare pubblicamente l'Unione Ciclistica Internazionale (UCI) per il sostegno concreto che la federazione ha deliberato in favore del Fondo di transizione e del CPA Women, e Amaury Sport Organization (ASO),...


L’Emilia-Romagna non è esclusivamente la patria della Ferrari, della cucina tradizionale, della piadina e del Sangiovese, la terra di Marco Pantani e della movida in Riviera. E ancora: non è solo il luogo degli ultimi Mondiali di Ciclismo, della grande...


Se c’è qualcuno che ha voluto dimenticare il 2020 a tutti i costi quello è proprio Matteo Malucelli: l’anno scorso il ventisettenne di Forlì non si è fatto mancare proprio niente, nemmeno il temibile virus. Archiviata l’avventura biennale con la...


Massaggiatori, meccanici, chef, osteopati, nutrizionisti, autisti: sono davvero tante le mani d'oro italiane nel WorldTour. Abbiamo deciso di incontrare i proprietari di queste mani e di raccontarvi alcune delle loro storie. Uno per squadra e questa volta è il turno...


Matteo Ascari e Alessia Fantoni, Giudici emiliano-romagnoli hanno brillantemente superato l’esame conclusivo del Corso di Formazione per Giudici Nazionali. Matteo Ascari di Lugo, classe ’95, è atleta con la Baracca nelle categorie giovanili, Junior con la Calderara stm e giudice...


Ti ricordi la tua prima bicicletta, di quando eri piccola?, colore, marca, regalo, sensazioni, il primo momento in cui ha trovato l’equilibrio senza aiuti o rotelle? Ti ricordi la tua prima bicicletta da corsa?, e la tua prima corsa?, e...


Il vincitore dell’UAE Tour, Tadej Pogačar, sarà l’uomo di riferimento della formazione emiratina che prenderà parte alla Tirreno-Adriatico, breve corsa a tappe di categoria World Tour in programma dal 10 al 16 marzo che proporrà sette frazioni. Il Team Manager...


Il ciclismo giovanile italiano purtroppo sta affontando una evidente "esasperazione agonistica":  fin dalle categorie minori c’è pressione sui giovani atleti, portando ragazzi di 16/17 anni ad essere considerati già come professionisti. Nella disperata ricerca di un ricambio generazionale si creano...


Filippo Fiorelli ha rotto il ghiaccio tra i professionisti con la vittoria al Porec Trophy, in Croazia. Nonostante il suo essere arrivato tardi al professionismo, sta a suo modo bruciando le tappe e tutta la Bardiani CSF Faizanè lo supporta...


Protagonista mercoledì a Laigueglia, Mauri Vansevenant oggi ha fatto ancora meglio conquistando il successo nel GP Industria & Artigianato a Larciano.«Il mio team ha fatto un lavoro fantastico per me oggi e questo ha esaltato la mia fiducia. Vedere che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155