Miguel Maria Lasa, i 60 anni di un ciclista "chic"

| 31/10/2007 | 00:00
C'è un problema purtroppo irrisolvibile - più del doping, forse -, nel ciclismo di oggi. Ed è la certezza disarmata, dopo aver acquisito l' autoesercizio deloniano di Brunel & c. sul povero Pantani e registrato il dibattito in codice tra Jaksche e Riis, dai tiepidi paralleli dell'Islanda, che nessun “capo”, direttore o redattore di media, possa oggi segnalare con ragion veduta ai suoi discepoli che domani, 1 novembre, Miguel Maria Lasa compirà 60 anni. Prima di Freire, molto prima della Operacion Puerto, di Valverde ed Heras, di Beloki e Sevilla, prima di un insidioso pulcino chiamato Belda e di quel tragico eroe di nome Alberto Fernandez o di quel perenne terzo ai Mondiali che sarebbe invece stato Juan Fernandez, c'era stato ad animare le strade quest'altro atleta spagnolo, gentile “corridore completo“, di quelli senza eccessi che non si trovano più, di nome Miguel Maria Lasa. 77 vittorie in carriera, brillante e veloce, dopo Poblet e dopo Saez, do you know ?, in antitesi allora al funambolico Domingo Perurena, nel solco prima della Casera-Bahamontes e poi della celebre Kas di Fuente, Lopez Carril, Lazcano e Pesarrodona, correva questo ragazzo Lasa, (fratello minore di Josè-Manuel, argento ai Mondiali di Lasarte '65), protagonista di Giri e Vuelta, di mille corse minori spagnole, e pure incredibilmente mai campione nazionale, in evidenza tanto nei traguardi di giornata, ancor più nelle brevi gare in montagna, quanto nelle classifiche finali. Vincitore della sua prima tappa al Tour (1976, Verviers), con la maglia italiana della Scic, Lasa fu l'elegante e civile interprete iberico di un ciclismo allora sempre accattivante. Vittima molto spesso di Maertens e Moser, allo sprint, e di Fuente e Tamames, in salita, Lasa - un atleta “chic”, alla lettera - resta tra l'altro uno dei primi ciclisti della storia ad essersi imposto in una tappa almeno di tutte e tre le grandi corse a tappe: due vittorie al Tour, tre al Giro, sei alla Vuelta di casa, lì dove si sarebbe piazzato due volte secondo ('72 e '77) e due volte terzo ('74 e '75), nella classifica generale. Piccolo campione di nicchia, in uno scenario affollato di monumenti - Gimondi, Merckx, Maertens, Moser, Fuente...-, in sella ad un nome dalla musicalità cara ad Adriano De Zan, di Miguel Maria Lasa, oggi che compie sessant'anni, ricordiamo infine a direttori e redattori capi troppo giovani la sua encomiabile longevità. Al Giro, ad esempio, la sua ultima tappa la guadagnò nel 1981. Ben 11 anni dopo la sua prima, vinta, quasi per devozione allo spirito religioso così proprio degli spagnoli, nel 1970, sul traguardo, sacro alla Madonna, di Loreto. Gian Paolo Porreca
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ultime gare, ultime battute, ultimi punti da assegnare nella corsa all’Oscar tuttoBICI Gran Premio Eolo riservato alla categoria Esordienti Tra gli Esordienti del primo anno, nati nel 2009, al comando c’è sempre Cesare Castellani della Cicli Fiorin che precede il...


L'arrivo dell'autunno porta in regalo le ultime gare stagionale e indirizza verso la conclusione la corsa all'Oscar tuttoBICI Gran Premio Androni Giocattoli, premio riservato alle ragazze Esordienti. Al comando - e sembra irraggiungibile - c'è la veneta Matilde Rossignoli (Luc...


La crescita costante è un comprovato dato di fatto, misurabile obiettivamente e che caratterizza La Lombarda, azienda del settore ciclo nata nel 1946 quale produttrice di pompe per ciclo e accessori, attività che, con passi continui e sicuri, ha allargato...


Inizia il 2 ottobre con il Piccolo Giro di Lombardia la serie di impegni, di prestigio, per il Team Colpack Ballan. La gara lombarda, che vanta un albo d'oro di primissimo livello, ha storicamente un buon feeling con la formazione di...


È ufficiale: Dopo 16 anni, il più grande evento sportivo della Polonia tornerà a Poznań. Nel 2023 il Tour de Pologne prenderà il via infatti dalla Fiera internazionale di Poznan in cui i migliori corridori delle squadre professionistiche si schiereranno per...


Sono ben dodici le gare che vanno a comporre il nuovo mosaico dell’Adriatico Cross Tour 2022-2023: arrivano a dieci le edizioni del circuito di ciclocross che mette in vetrina il meglio del movimento ciclistico autunnale ed invernale con le storiche...


Andrea Piccolo ha corso la Coppa Agostoni con la testa e con il cuore, ha lottato davanti alla corsa dimostrando ancora una volta di essere pronto per vedersela tra i grandi e di starci davvero bene. Tra i fuggitivi che...


Sorride Sjoerd Bax, sorride sul podio e continua a farlo anche quando, seduto al tavolo della conferenza stampa, in tanti gli chiedono gli autografi. I primi autografi da vincitore della Coppa Agostoni. «Non ho ancora realizzato ciò che ho fatto...


Il padrone del Tour è tornato! Jonas Vingegaard trionfa nella terza tappa del Croazia-Race, da Sinj a Primošten con arrivo in salita. Il danese della Jumbo Visma detta la sua legge sulla ripida ascesa finale verso Primosten dove supera il...


Firma olandese sull'edizione 2022 della Coppa Agostoni con Sjoerd Bax che ha battuto in volata il gruppetto di nove fuggitivi che si è giocato la corsa. Il portacolori dell'Alpecin Deceuninck è stato bravissimo a sfruttare l'appoggio di Alejandro Valverde che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach