MARTINELLI E I SEGRETI PER BATTERE IL FREDDO

PROFESSIONISTI | 14/04/2018 | 07:51
In primavera il freddo in alcuni Paesi è ancora pungente, soprattutto in certe aree dell’Europa dove si corrono le grandi classiche del Nord. Quelle del pavè, del freddo e del fango. Le corse che hanno fatto la storia del ciclismo e che si vincono grazie alla classe, alla buona sorte e curando dettagli impensabili che solo uno specialista, come Davide Martinelli, atleta del Team Quick Step Floors, ci può svelare.

“Direi che si gareggia in condizioni particolari e ci vogliono accorgimenti adeguati - racconta subito Davide - e voglio farvi un esempio. Tutti pensano che la crema riscaldante vada messa solo nelle parti esposte. In realtà la si applica su tutto il corpo. Su mani e piedi è fondamentale. Ne spalmiamo un tipo più leggero sotto l’abbigliamento e una più pesante fuori. Ho suggerito questi accorgimenti ad amici per l’ultima Eroica e si sono trovati bene. Anche i polsi e le caviglie vanno trattati con la crema pesante. Sono punti sottovalutati ma il gambale o il manicotto li lasciano spesso scoperti”.

Questo della crema è un trucco dei belgi?
“Sì, me l’hanno insegnato loro. Ma non solo questo ovviamente. Ad esempio ci sono dei cerotti da applicare sulla schiena: 2 dietro le spalle e 2 nella parte dell’addome basso e addominale esterno, che è la zona in cui passa molto sangue che va nelle gambe. Non si mette invece la crema sulla schiena perché lì non arriva aria e se esce un po’ di sole a riscaldare allora è la fine”.
 
E ancora: “Ci sono poi altri dettagli da considerare come le calze pesanti. Se ne trovano anche di lana e quando fa veramente freddo le uso volentieri, sono quelle ufficiali del team (De Feet) usate anche dagli sciatori. Mani e piedi sono sempre punti cruciali”.
 
Entrando più nel dettaglio ecco un’altra chicca: “Io metto all’interno della scarpa uno scaldino foot warmer da 5×10 cm che crea un ambiente più caldo. Una specie di sauna per il piede che per qualche ora è a posto. Poi entri nel vivo della corsa e il più è fatto. L’attenzione sale al top e il freddo passa in secondo piano”.
 
La parte meccanica ha bisogno di particolari adattamenti?
“Sicuramente il tubolare da 25 mm va gonfiato un paio di atmosfere in meno. Da 8 a 6 atmosfere. E’ un accorgimento che si adotta per migliorare l’aderenza con l’acqua e per affrontare meglio i tratti di pavé (in quel caso anche a 5.5 di pressione per uno come Davide di 70 kg). Altro dettaglio che da circa 3 anni funziona bene è il parafanghino posteriore”.

Vi sono poi accorgimenti legati all’alimentazione.
“Una cosa che si fa spesso è preparare dei gel sotto il pantaloncino, nella salopette, sull’addominale. 3 a destra e 3 a sinistra e sai che sei a posto. Altro dettaglio è quello di posizionare un paio di barrette tra la maglia da corsa e la mantellina. Anche per l’idratazione ci sono accorgimenti particolari. Al posto di bere acqua si preferiscono maltodestrine e bevande molto zuccherate. C’è molto stress in questo tipo di gare e s’introducono più calorie possibili privilegiando le bevande ricche di carbo rispetto ai sali minerali visto che si suda meno rispetto alle gare estive”.
 
L’equipaggiamento è importante in particolare un dettaglio che riguarda i guanti.
“Ci vogliono guanti in neoprene sicuramente. Ci sono quelli usati dai sub. Da 2, da 5 mm o da 1 cm quello dipende dalla sensibilità. Si prendono spunti anche dagli altri sport. L’importante è sentire bene la frenata. A me piace uno spessore da 5 mm, se ci sono 2 gradi 1 cm”.

Altro aspetto è la gestione dei guanti in corsa.
“Non vanno cambiati quando sono bagnati. Lo ritengo un grave errore perché l’acqua che penetra all’interno viene comunque scaldata dal corpo. Cambiarli in corsa è negativo, ti gelano le mani”.

Un altro dettaglio importantissimo: “Se smette di piovere invece conviene cambiarli.
Non ricordo chi me lo ha insegnato ma ho subito fatto tesoro dei questo insegnamento. Quando fa molto freddo si cerca di mandare più sangue alla periferia magari sbattendo le mani. Il problema è che quando si va piano si soffre veramente il freddo. Allora si cerca di stare al vento: Quei 10-15 battiti in più ti servono per scaldare il corpo e restare caldo. Sopravanzare il gruppo e tenere 120-130 battiti che non ti stancano. Essere gelati è un punto di non ritorno: quando sei gelato sei finito non freni e non cambi più”.

intervista realizzata da www.sportplushealth.com sito che ospita il blog del corridore bresciano

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

"Le persone di diritto internazionale non sono tenute ad attenersi ad diritto dello stato se le norme non sono giuste". Marco Brazzo ( il ciclista trentino balzato agli onori delle cronache il 15 marzo), si rivela un ottimo oratore...


Mattia Frapporti, ventisei anni il prossimo 2 luglio, è un altro dei professionisti che vivono nella provincia di Brescia, una delle più colpite dalla pandemia Coronavirus. E’ passato tra i prof nel 2017 ed è sempre rimasto alla corte del...


  Immaginate di essere in un bar dello sport, fra vecchi della “parrocchia”, a raccontare storie di ciclismo. Qui, ritrovate nei miei cassetti, ce ne sono di meravigliose. “Quando trovava Eddy Merckx, Gino Bartali gli diceva: ‘Vieni qui, che ti...


Gabriel Fede è, nel suo genere, un corridore polivalente: forte su strada, ottimo nel ciclocross, bravo in pista. Diciasette anni tra pochi giorni (sabato 11 per la precisione, ndr), Gabriel è una giovane promessa che risiede nel cunese, a Santa...


Lo zampino dei pro serve sempre, soprattutto in casi come questo. È così che nasce Watt, la nuova sella per il triathlon di Selle Italia sviluppata insieme al campione Patrick Lange e al Team BMC-VIFIT. Ovviamente c’è il grande lavoro del reparto...


La Granfondo Squali - Trek di Cattolica e Gabicce Mare dà appuntamento a tutti al 14-15-16 maggio 2021. per leggere l'intero articolo vai su tuttobiciìtech.it


Le differenze non sono mai state un problema. Professionista o no, performance-oriented o meno, La Passione Cycling Couture ha creato le sue collezioni tenendo in considerazione tutte le possibili esigenze. Esperienza e ossessionata ricerca dell’innovazione a disposizione di qualsiasi tipologia...


Il Gc Michele Scarponi comunica l’annullamento definitivo dell’edizione 2020 della Granfondo Michele Scarponi - Strade Imbrecciate. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Non solo dieci atlete Juniores pronte a dar battaglia nella categoria trampolino di lancio verso le “grandi” (Elite). Alle loro spalle, anagraficamente parlando, ci sono sedici “panterine” desiderose di crescere in sella e graffiare sui pedali in una stagione che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155