SOFFI AL CUORE. L'IMPORTANTE È FINIRE

PROFESSIONISTI | 19/08/2017 | 07:57
La Vuelta dei campioni, quella che partirà oggi da Nimes, in Francia, con una cronosquadra, non è la stessa Vuelta di Adam Hansen.

La Vuelta Espana di Froome e Nibali, di Aru e Bardet, di Barguil e di Contador all'ultimo recital, la Vuelta dei primi, non è la Vuelta Espana di Adam Hansen, il trentaseienne ciclista australiano, cresciuto in Austria e residente nella Repubblica Ceca, che corre nella Lotto Soudal, pure gregario affidabile di Greipel, non tanto per vincere, quanto per aggiornare il suo record incredibile. Di Ironman pertinace, ed ancor più atleta  sorridente e disincantato sui riti e sui modi scanditi del milieu, lui che nella cronoscalata del Monte Grappa, al Giro 2014, ardì scambiare la borraccia con la lattina di birra che gli offriva un tifoso...

Adam Hansen, segno del Toro, un passista di qualità, un titolo nazionale contro il tempo ed una frazione (Pescara, 2013) al Giro ed una (Cangas de Onis, 2014), alla Vuelta, scende in campo metaforicamente per correre e portare a termine il suo 19 Grande Giro consecutivo.

Sì, avete letto e compreso bene. In un ciclismo dello sparagno, ed in uno sport absolutely del trionfo a tutti i costi, Adam Hansen, laureato in ingegneria industriale e talento del design, lui che corre con uno scarpino disegnato e prodotto by himself, dalla Vuelta 2011non ha mai saltato un Grande Giro che fosse uno: un Giro, una Tour, una Vuelta, one more time.

E la corsa spagnola di quest'anno, leader metaforico della belga Lotto Soudal, per lui costituirà un primato nel primato. Se saprà concuderla, a Madrid, avrà portato a termine infatti per sei anni ininterrotti (2012/2017) tutte le competizioni di tre settimane che hanno costruito la storia e la leggenda di questo sport.

Lo aspettiamo su quel traguardo emblematico, nel cuore intimo del gruppo. Per Adam Hansen, un eroe dei nostri, che alla vittoria e all' effimero crede poco, e sa che non esisterà mai qualcuno che saprà emularlo, a partire senza ritirarsi, e che in bicicletta ci va perché forse non ama davvero stare banalmente con i piedi per terra, l'importante è finire.


Gian Paolo Porreca, da Il Mattino

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Una breve pedalata in Maremma, una rimpatriata in amicizia resa possibile dall’amore per la bicicletta ed ecco l’occasione per incontrare Alessandro Ballan – ultimo iridato italiano a Varese 2008 e vincitore del Giro delle Fiandre l’anno procedente - e raccogliere...


Giovannino ha un sogno: una bicicletta. La sogna a occhi chiusi, di notte, e la sogna anche a occhi aperti, la mattina, quando la vede mentre va a scuola in una vetrina: è gialla. Ma la bicicletta costa troppi soldi...


Julian Alaphilippe sa che non sarà facile, ma proverà a diventare il primo campione del mondo a conquistare la Strade Bianche. Ne parla con tranquillità nella conferenza stampa virtuale che tiene nel tardo pomeriggio: usa toni pacati ma perentori. E...


I professionisti devono essere di esempio a tutti coloro che li guardano, ciclisti o semplici appassionati che siano. E quindi l'Uci emana una nuova disposizione che vieta gli abbracci al termine di una corsa. Dopo i divieti sulle posizioni aerodinamiche,...


Il Gip del Tribunale di Alessandria ha deciso: è stato archiviato il fascicolo per la morte di Giovanni Iannelli, il ciclista di 22 anni che ha perso la vita nella volata della gara del Trofeo Bassa Valle Scrivia a Molino dei...


Non si fa tempo a salutare l'elezione del neo presidente federale Cordiano Dagnoni, che le carte bollate cominciano a volare nelle stanze della Seconda Sezione del Tribunale Federale (presieduta dall'avocato Adriano Simonetti ). Ieri sera, attorno alle 20, Angelo Francini...


Domenica la caduta alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne, ieri la mancata partecipazione al Trofeo Laigueglia, oggi il verdetto emerso dopo approfondite analisi: Gianni Moscon ha riportato la frattura di un polso. A confermarlo è stato lo stesso corridore trentino della Ineos Grenadiers con...


La Zalf Euromobil Désirée Fior si appresta a vivere un'altra domenica decisamente intensa: oltre al già programmato appuntamento a Lucca per il 1° Trofeo One Penny che vedrà protagonisti Edoardo Faresin, Stefano Gandin, Federico Guzzo,  Alex Tolio, Riccardo Verza, Edoardo Zambanini e...


Terzo impegno agonistico per la EOLO-KOMETA Cycling Team in terra italiana, in soli quattro giorni. Dopo il debutto al Trofeo Laigueglia e il giorno dopo aver affrontato il debutto in una gara di categoria WorldTour nelle Strade Bianche, il team...


Il ciclismo e la caccia erano le due passioni di Aldo Manetti, morto a seguito di un improvviso malore mentre si trovava nella sua abitazione a Caserana di Quarrata. Aveva compiuto 77 anni due mesi fa. Per tantissimi anni ragioniere...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155