Affini, emigrante tricolore

di Giulia De Maio

Per crescere e garantirsi un fu­­turo professionale, come tanti talenti del nostro Pae­se, ha scelto di preparare le valigie e trasferirsi all’estero. Alle tante squadre Un­der 23 di casa nostra che gli facevano la corte, Edoardo Affini ha preferito la Con­ti­nental olandese Seg Racing Team. E la sua scelta si sta rivelando vincente. Do­po i tanti risultati ottenuti nelle categorie giovanili, il mese scorso è sbocciato mettendosi in mostra al Giro d’Italia e conquistando di prepotenza il Campionato Italiano in linea. Appena ha avuto l’occasione di riassaporare le strade di casa, davanti agli occhi dei suoi cari che hanno assecondato la sua scelta di passare gran parte dell’anno a Maastricht a costo di un po’ di nostalgia, ha fatto vedere di che pasta è fatto.
Il ventiduenne mantovano di Buscoldo, vincitore del cronoprologo di Forlì e prima maglia rosa del Giro Giovani, si è imposto per distacco sul traguardo di Taino, nel Varesotto, facendosi con un giorno di anticipo un bellissimo regalo di compleanno. Affini ha corso con in­telligenza, sfruttando il lavoro delle al­tre squadre: una condotta di gara ob­bligata visto che al via era da solo. Mi­lita infatti in una squadra straniera ed è il solo corridore italiano fra tanti olandesi e inglesi che compongono il team che ha sede ad Amsterdam e fa capo ad un’agenzia di procuratori che gestisce giovani talenti del mondo dello sport. «Sono molto felice per questo successo che ho desiderato tanto - ha dichiarato a fine gara, dopo aver tagliato il traguardo a braccia alzate, precedendo di 9” Dainese e Cor­radini. - La gara non si era messa bene, ma abbiamo tenuto duro e siamo riusciti a recuperare su un gruppo di avversari molto nu­me­roso, che a metà corsa sembrava aver segnato la differenza fra i migliori di giornata. Dopo una serie di scatti, sono rimasto al comando con Pasquale Abe­nante (Zalf Euromobil Fior), Matteo Ba­seggio (Work Service Videa) e Yuri Colonna (Petroli Firenze) finché a cinque chilometri dall’arrivo, al terzo at­tacco, sono riuscito a piazzare quello decisivo. Ho rischiato, non sono veloce e quindi ho provato a partire da lontano» ci racconta dopo aver abbracciato la sorella Caterina. Già, perché proprio la famiglia è il miglior portafortuna del neo campione tricolore.
«I miei genitori Stefania e Roberto sono venuti al Giro e ho vinto la tappa inaugurale, vestendo la maglia rosa. Con il team e tutto lo staff avevamo la­vorato tanto per preparare quell’obiettivo, che per me ha avuto un sapore speciale. Poi sono venuti a Taino e ho vinto il titolo di campione italiano. Era la prima volta che mi vedevano dal vivo in gara quest’anno, il Giro e i Campio­nati Italiani sono una delle pochissime possibilità che hanno per seguirmi ed è bello che siano stati presenti a far festa con me. E stasera una bottiglia ce la stappiamo, perché questa maglia va festeggiata».
Una tricolore talmente bello che Edo­ardo ora sogna il bis a cronometro. Un obiettivo alla portata di questo cordiale ragazzone di 190 centimetri che sulle rampe del “Tainenberg” si è dimostrato un gigante.
In passato si era già messo in luce con il titolo europeo juniores di Nyon nel 2014, l’anno del 4° posto al mondiale di Ponferrada. Sogna la Roubaix, si ispira a Cancellara e forse è per questo che sta viaggiando così forte sia a cronometro che nelle prove in linea.
«Queste sono praticamente le uniche corse in Italia o quasi che disputerò quest’anno, essere protagonista al Giro sia in prima persona che in appoggio al mio compagno Ste­phen Williams e indossare la ma­glia tricolore è davvero bellissimo. Molti mi hanno dato del mat­to quando ho deciso di andare al­l’estero, ma io resto convinto della bontà della mia scelta, che mi permette di crescere confrontandomi con i professionisti e con i migliori talenti in circolazione in competizioni di alto livello. E ora co­mincio a vincere».
Si vocifera di un suo pas­sag­gio tra i professionisti dalla sta­gione 2019, ma per il mo­mento Edoar­do preferisce restare concentrato sul futuro immediato.
«Dopo i Giochi del Mediterra­neo, metto nel mirino la crono­me­tro tricolore e l’Europeo. Pro­varci è d’obbligo». Il ferro va battuto finché è caldo.

Copyright © TBW

A circa un mese dalla partenza della Milano Sanremo incontriamo Davide Formolo e con il campione italiano parliamo del suo debutto nella Classicissima e degli obiettivi di una stagione che potrebbero proiettarlo in una nuova dimensione.Nei primi anni tra i...


A soli 20 anni Andrea Bagioli sta vivendo le sue prime pedalate da professionista con la Deceuninck - Quick-Step e ci racconta i suoi pensieri.«Le prime settimane della nuova stagione sono andate molto bene. Ho fatto due camp di addestramento...


Luca Guercilena e la sua Trek Segafredo, la più ‘italiana’ fra le formazioni World Tour e Gianni Savio e la sua Androni, la più vincente fra le formazioni italiane. Saranno questi gli ospiti di Radiocorsa, in programma stasera alle...


Reduce da un'intervento all'acetabolo destro (la parte di bacino su cui articola la testa del femore) pochi giorni fa, Matteo Moschetti è già risalito su una bici, seppur indoor, per pianficare il suo rientro. Le immagini sono a dir poco...


È l'apertura tradizionale della stagione - la Coppa San Geo - e segna anche l'inizio della corsa verso l'Oscar tuttoBICI Under 23. Sabato avremo la prima corsa e la prima classifica della challenge che in questa edizione sarà promossa dalla...


  Nell’anno di ricorrenze particolari su Gastone Nencini, 90 anni dalla nascita (1 marzo 1930), 60 dalla vittoria al Tour de France (17 luglio 1960), 40 dalla morte (1 febbraio 19080), si è inserita la cerimonia svoltasi al “Nencini Bike”...


Volata serratissima sul traguardo di Lagos, dove si è conclusa la prima tappa della Volta ao Algarve e successo per il campione olandese Fabio Jakobsen che ci è ripetuto a distanza di un anno. È stato Viviani, che aveva battezzato...


Mentre in Andalusia e Algarve i grandi big del ciclismo mondiale cominciano a mettere chilometri sulle gambe in vista di una lunga stagione, alcuni pesci più piccoli, ma per questo non meno importanti, sono pronti a darsi battaglia sulle strade...


Subito spettacolo alla Vuelta a Andalucia: il Puerto de Palomas (13 km al 5, 9%), ultima salita di giornata, ha ispirato Jakob Fuglsang della Astana e Mikel Landa della Bahrain McLaren, che si sono involati a metà salita e non...


La Casillo Petroli Firenze Hopplà arriva ai primi appuntamenti della stagione con tranquillità e serenità. Le prime sfide motivano i ragazzi di Matteo Provini e Gianni Faresin che saliranno sul palcoscenico agonistico quattro volte nell’arco di quarantotto ore.Pronti dunque i...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155