TOUR. LA NUOVA VITA DI HORRILLO

PROFESSIONISTI | 13/07/2016 | 12:04
Era il 15 maggio 2009, ottava tappa del Giro d'Italia, nella discesa del Culmine di San Pietro lo spagnolo Pedro Horrillo volava letteralmente fuori strada, precipitando per 60 metri in un burrone. Venne salvato dagli uomini dell'elisoccorso (e dallo staff medico del Giro coordinato dal professor Giovanni Tredici, ndr) e ricoverato all'ospedale di Bergamo con fratture multiple alle gambe, ferite al collo e un po' su tutto il corpo oltre ad una perforazione al polmone. I medici scelsero di tenerlo in coma farmacologico per qualche giorno, poi una volta stabilizzato lo trasportarono a Pamplona due settimane dopo la drammatica caduta.

«A Pamplona è iniziato un cammino fatto di operazioni, interventi e riabilitazione - ci racconta oggi quando lo incontiamo a Carcassonne - e in pratica ci ho messo due anni a guarire, anche se ovviamente non sono più quello di prima. Oggi vivo nei Paesi Baschi, ai piedi della Urkiola, con mia moglie Lorena e i nostri figli Aday, un bimbo etiope che abbiamo adottato, e Orhi, che porta il nome della cima che fa da spartiacque sui Pirenei. Per noi di qua e di là dell'Orhi si parla di Bassi Pirenei...».

Quarantadue anni, Horrillo è al Tour nella squadra Tissot: «Siamo un bel team e abbiamo un grande "capitano" come Maurizio Fondriest. Nella vita lavoro come giornalista per El Pais e per diverse testate specializzate, sono impegnato con Giant come testimonial e responsabile delle comunicazioni per la Spagna. Ma soprattutto faccio cose che mi piacciono: amo la natura e la tranquillità e l'incidente mi ha aiutato a dare ordine e importanza alle cose. Per questo preferisco stare con la mia famiglia, dalla quale mi allontano solo per cose che meritano questo sacrificio».

Come vedi il Tour?
«Molto equilibrato, in questo momento Froome e Quintana sono a 50 e 50 quanto a possibilità di vittoria. Oggi dovranno affrontare una giornata molto particolare e delicata per via del vento, domani e dopo arriveranno poi due appuntamenti fondamentali per capire cosa ci potremo aspettare nell'ultima settimana».

da Carcassonne, Pier Augusto Stagi
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Arlenis Sierra non si ferma più e continua ad inanellare vittorie: dopo aver brillato alla Vuelta Femenina a Guatemala dove ha conquistato ben quattro vittorie di tappa ed è stata una pedina fondamentale per la vittoria finale di Liliana Moreno,...


Il dottor Claudio Pecci, direttore responsabile e direttore sanitario del Centro Ricerche Mapei Sport di Olgiate Olona (Va), ci spiega che cos’è l’asma da sforzo. Grazie a lui in questo breve video capiamo come riconoscere l’asma bronchiale e le sue...


Dopo aver conquistato Rotorua, lo scorso week end Brett Rheeder ha mosso un altro passo verso la conquista della Triple Crown of Slopestyle vincendo la seconda tappa del Crankworx World Tour, il Crankworx Innsbruck. Il rider canadese sul tracciato austriaco ha avuto la meglio...


Una delle più grandi leggende della storia dello sport taglia oggi il traguardo dei 74 anni e tra pochi giorni sarà festeggiato dal mondo intero, perché a lui sarà dedicato il Grand Depart del Tour de France 2019. Eddy Merckx,...


Sono serie ma fortunatamente stabili - ed è un buon segno - le condizioni di Karol Domagalski, il ventinovenne corridore polacco rimasto vittima di un bruttissimo incidente sabato nel corso della seconda tappa del Tour of Malopolska. Domgalski, che difende...


Oscar Sevilla continua a vincere nonostante l’età… Lo spagnolo del Team Medellin, classe 1976, ha vinto infatti il prologo (7.1 km) della Vuelta a Colombia e conquistato la maglia di leader della classifica generale. Alle sue spalle Brayan Steve Sanchez...


  Una giornata memorabile, bellissima, quella di oggi, domenica, per il ciclismo del Vco. Tre titoli regionali giovanili assegnati per gli allievi e per i due anni di esordienti con tre gare organizzate ‘a quattro mani’ da una sinergia da...


La Tre Sere di Busto Garolfo (Mi) è uno dei tradizionali appuntamenti di apertura della stagione estiva della pista italiana e richiama ogni anno un gran numero di giovani atleti pronti a misurarsi con le specialità dei velodromi. Organizzata dal...


Il canadese Nickolas Zukowsky della Floyd's Pro Cycling (la squadra sponsorizzata da Landys) ha conquistato il successo finale nel Gp Saguenay, corsa a tappe di categoria 2.2 disputatasi sulle strade del Canada. I successi parziali sono andati nel'ordine al messicano...


Primo squillo italiano al Giro d'Italia Under 23 e primi sorrisi per il CT della Nazionale Italiana U23 Marino Amadori. Dopo aver visto gli inglesi fare incetta di vittorie nei primi tre giorni, gli azzurri si sono scatenati nella frazione...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy