PELLO BILBAO. «Che magia, essere lì con i grandi»

PROFESSIONISTI | 15/04/2016 | 10:38
Alla soglia dei 26 anni, Pello Bilbao pedala verso la maturità agonistica e ne ha dato prova al Giro dei Paesi Baschi, dove ha concluso al 17° posto.
Un nuovo salto di qualità per il corridore della Caja Rural RGA Seguros che da oggi è al via della Vuelta a Castilla y León e poi tornerà in Turchia, dove lo scorso anno ha vinto una tappa.

Al suo terzo anno con la Caja Rural-RGA, il ciclista basco punta a crescere ancora, a mettersi in luce nella classifica generale delle corse a tappe e a guadagnarsi un posto nel WorldTour per il prossimo anno.

Qual è il suo bilancio della Vuelta al País Vasco?
«Mi sono sorpreso io stesso nel vedermi davanti ogni giorno in una corsa di altissimo livello. E non avrei mai pensato di poter essere in corsa per un posto nella classifica generale. Invece ci sono stati segnali positivi, anche nella crono finale dove ho concluso al decimo posto. Stavo bene, non si trattava di una prova dal tracciato per specialisti, ma non pensavo davvero di andare così bene».

Questa regolarità di rendimento cambia le sue prospettive per le corse a tappe?
«Essere tanto vicino a Contador, Quintana o Henao dà morale a chiunque. Anche perché ho dimostrato di essere migliorato in salita e soprattutto in una corsa esigente come quella basca. Da questo punto di vista è chiaro che cambia qualcosa nella mia testa e che gli obiettivi nelle prossime gare possono cambiare».

Quindi, morale a mille in vista dei prossimi appuntamenti...
«Proprio così. Sto bene, mi sento forte e motivato. Voglio mettermi in mostra alla Castilla y León e poi in Turchia. In entrambe le corse non ci sono crono e questo non mi dispiace. Sono due gare che conosco: l’ultima tappa della Castilla y León è adatta a me, per esempio. Così come il Giro di Turchia. E nella seconda parte della stagione vorrei far bene alla Vuelta a España».

Ha dimostrato di meritarsi un posto in un team WorldTour.
«È sempre complicato trovare posto in un top team. Ho corso per tre stagioni nella Euskaltel-Euskadi dal 2011 al 2013 e ho imparato molto. Chissà, potrebbe essere tornato il momento giusto di rientrare, vedremo quel che succederà a fine stagione. In ogni modo, preferisco restare concentrato sugli appuntamenti a breve distanza».

Una curiosità: finora solo 18 giorni di corsa in questa stagione, come mai?
«Durante il ritiro con la squadra non mi sentivo bene ma nessuno riusciva a capire il perché. I sintomi erano confusi, gli esami dicevano che era tutto a posto ma non andavo bene. Sicuramente si trattava delle conseguenze di un virus, ma ora le cose sono tornate a posto e penso di averlo dimostrato ai Paesi Baschi...».
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Anche i grandi sognano. E Fausto Pinarello non fa eccezione. L’uomo che ha portato e sue biciclette a vincere 15 Tour de France e poi ancora Giro (il primo nel 1975 con Fausto Bertoglio), Vuelta e tante classiche, di sogni...


C’è anche una bicicletta nell’ufficio del ministro dell’Interno Matteo Salvini al Viminale. Aldilà delle convinzioni politiche di ognuno, è decisamente curioso il servizio che il Corriere della Sera propone su Sette a firma di Cesare Zapperi con le foto di...


Solo quest’anno ha vinto 11 corse, si è da poco laureato campione europeo a cronometro della categoria Juniores, si è messo al collo la medaglia di bronzo nella prova in linea del campionato continentale ed è campione italiano a cronometro...


Questa sera ore 19 torna l’appuntamento settimanale con Radiocorsa su Raisport HD, canale 57. In studio ci saranno Franco Bortuzzo e Beppe Conti che proporranno ampi servizi su Felice Gimondi, arricchite da tantissime immagini inedite. Ampio spazio naturalmente per le...


XC Eliminator Under 17 del Campionato Europeo giovanile di MountainBike al maschile completamente tinto d'azzurro, con quattro finalisti al via e trionfo del valdostano dell'Xco Project Filippo Agostinacchio. Al femminile s'impone la tedesca Sina Van Thiel... per leggere l'intero articolo...


Finalmente Alessandro Tonelli può tornare a casa. Dopo 40 giorni di vita cinese, in seguito ad una bruttussima caduta al Tour Qinghai Lake e il recupero da un pneumotorace, i medici hanno dato via libera. Domani, insieme alla sorella...


Solo domani sapremo se Richard Carapaz potrà correre la Vuelta: l’ecuadoriano è stato vittima domenica scorsa di una caduta nella quale ha riportato una forte contusione alla spalla destra e numerose ferite. C’è una novità invece nella Ineos: il team...


John Degenkolb lascerà la Trek-Segafredo correrà nelle due prossime stagioni con la maglia della Lotto Soudal e firmò un accordo fino alla fine del 2021. Vincitore nel 2015 della Milano-San Remo e della Roubaix, il tedesco ha lottato a lungo...


In un mondo di predatori, dovrai tu stesso diventare selvaggio. #eurekaairdisc #becomesavage. Ecco la campagna marketing per la nuova Eureka Air disc 2020 di Guerciotti, che sarà svelata a Eurobike 2020.   Stay tuned!


Luis Angel Matè è sicuramente il corridore con più punti alla partenza della prossima Vuelta Espana. Lo spagnolo della COFIDIS si è appena ripreso dalla brutta caduta che lo ha visto protagonista tre settimane fa e riporta una vistosa cicatrice...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy