L'EQUIPE. UCI: FUORI L'ASTANA DAL WORLD TOUR

PROFESSIONISTI | 27/02/2015 | 08:28
La notizia esplode con il fragore di una bomba. A pubblicarla stamane è L'Equipe: l'Uci avrebbe chiesto alla Commissione delle Licenze di escludere la Astana dal WorldTour.
I rapporti dell'Istituto di Scienza dello Sport della Università di Losanna e l'evidente distacco fra le dichiarazioni ufficiali dei dirigenti del team e la realtà delle cose sarebbero alla base della decisione auspicata dall'Uci.
Scrive il quotisiano francese che gli avvocati dell'Uci avrebbero studiato attentamente il caso per evitare il ripetersi della vicenda Katusha, riammessa nel circuito mondiale dal Tas dopo l'esclusione.
Ricordiamo che la Astana ha ottenuto la licenza WorldTour sub judice al termine di un percorso estremamente complicato, dovuto alle due positività dei fratelli Iglinskiy el 2014 e alle tre registrate nella Astana Continental che, seppur appartenenti ad un team differente, hanno in qualche modo inciso sui giudizi. Tra le condizioni imposte alla Astana, l'adozione di una efficace politica antidoping e l'affidamento ai tecnici dell'Istituto di Scienza dello Sport della Università di Losanna di approfondite analisi sulla gestione del team, sulla sua politica antidoping, sulla preparazione e via dicendo. E proprio l'esito di queste analisi sembra aver convinto il presidente dell'Uci Brian Cookson - che già nello scorso autunno aveva invocato un intervento deciso - a chiedere la revoca della licenza WorldTour.

«La Commissione delle Licenze - scrive ancora L'Equipe - si riunirà quindi nei prossimi giorni, anche se una data non è ancora stata fissata. Ma il rapporto presentato all'Uci è estremamente pesante, tanto da far ritenere che la Astana difficilmente riuscirà ad evitare il taglio».

POSSIBILE SCENARIO 1. La Commissione delle Licenze è un organismo indipendente dall'Uci e come tale può decidere di confermare la licenza alla Astana. E tutto resta come prima.

POSSIBILE SCENARIO 2. La Commissione delle Licenze ritira la licenza alla Astana e qui si apre un ventaglio di ipotesi con una certezza: l'immediato ricordo del team kazako al Tas. Il cui giudizio, però, sarà tutt'altro che immediato e porterà a lunghe settimane di attesa. Durante i quali il team prevedibilmente potrà continuare a correre, anche nel WorldTour. E poi? Squadra chiusa o retrocessa tra le Professional? Corridori liberi? Sì, ma chi di loro potrebbe trovare un contratto oggi? Pochissimi, in particolare i big a meno di... ma qui rischiamo davvero di scivolare nel fantaciclismo, meglio fermarsi.
Copyright © TBW
COMMENTI
non se ne può più
27 febbraio 2015 09:22 EZIOMILANO
Non se ne può più......L'EQUIPE non sa proprio come riempire le pagine del suo giornale. Se mettono fuori l'ASTANA allora che fare per gli altri team ? Ma smettiamola di sparare sempre contro i soliti.
W l'ASTANA !!!!

peccato ma...
27 febbraio 2015 10:03 tonifrigo
peccato per Enzino e fabio, ma la cultura di quella dirigenza è chiara

27 febbraio 2015 10:24 enrico
Allora oltre agli atleti trovati positivi, si manda a casa anche i dirigenti, se ritenuti colpevoli, non la squadra, quella deve andare avanti con atleti nuovi e dirigenza nuova.
Faccio un esempio: e come se su un posto di lavoro (Banca, negozio, Ristorante ecc.) si pesca uno che ruba, voi mandate a casa tutti? direi proprio di no.

cultura?de che...
27 febbraio 2015 10:25 fedaia66
stiamo parlando di una squadra che se non ci fossero stati Nibali ed Aru, sarebbe ultimissima nella classifica WT..Se il doping in seno alla compagine Kazaka e' organizzato, non si puo' dire che sia altrettanto efficace..Sara' vero che siano sporchi..ma gli altri?

NON SE NE PUO' PIU'
27 febbraio 2015 11:03 paser
Queste vicende continuano a disorientare l'appassionato. Ma soprattutto la critica è indirizzata ai tempi. Sfasati ed estremamente lunghi.

Italiani Astana
27 febbraio 2015 11:22 fix1963
Purtroppo ancora una volta bisogna dire che due italiani forti (Nibali e Aru), danno fastidio ai francesi.. Voila', che anche questa volta hanno trovato la soluzione per farli fuori, almeno per il 2015.. Ale

Mi sa le foto...
27 febbraio 2015 11:35 maicol
Mi sa tanto che le foto annunciate dalla Gazzetta di Ferrari sono saltate fuori..

mi sa tanto che quelle
27 febbraio 2015 12:16 fedaia66
foto non siano mai esistite.

cattivi pensieri
27 febbraio 2015 12:20 noodles
Se hanno cose concrete nuove sull'astana, fanno bene a procedere, anche se mi chiedo se sia giusto punire anche i corridori e non invece i dirigenti che sono lì da anni. Poi però mi chiedo...se in astana fanno cose illecite, cosa fanno quei team che in 1 anno trasformano uno che non teneva il passo dei velocisti in salita nel miglior scalatore del mondo ? Che fanno trenini in salita degni della miglior us postal ? Ah già, ma forse lì ci sono legami di amicizia con qualche pezzo grosso della Federazione internazionale , o sponsor troppo importanti...

per noodles
27 febbraio 2015 14:19 dany74
Potresti fare qualche nome?

Grazie

Daniele

nomi x dany74
27 febbraio 2015 14:39 maicol
Sai sicuramente noodles intende il Team Sky che tutti tirano fuori anche quando non ha nessun motivo per essere tirato in ballo..però qui si sta parlando di un altra squadra e se l uci chiede il ritiro della licenza avrà i suoi buoni motivi...smettiamo di paragonare ad altre squadre e ad altri risultati l' astana...aspettiamo l evolvere della notizia

Basta con il tifo!
27 febbraio 2015 15:24 Bastiano
Scusate ma, quì si parla di doping e su questa materia il tifo da stadio è del tutto fuori luogo.
Questo Team ha avuto un grande problema lo scorso anno e su quello si sta discutendo. I complotti mi sembrano del tutto fuori luogo, soprattutto per il fatto che, gli atleti trovati positivi, non hanno affatto gridato al complotto.
Quello che invece è da prendere in considerazione, è il fatto che tutti i positivi, erano kazaki!
Verrebbe da pensare che in quel Paese, la cultura del doping è tollerata e diffusa, quindi per un team kazako, è normale che si pretenda una inversione di tendenza. Nessuno si preoccupi per i nostri due alfieri perchè, anche se con licenza Professional, ammesso che venga scelto questo compromesso, i corridori potranno correre in tutte le gare World Tour; basta vedere quante gare fanno i sud africani quest'anno da Team Professional!
Detto questo, tutti abbiamo dubbi sul fatto che si usino due pesi e due misure ma, questo aspetto può essere tirato fuori solo in presenza di prove diversamente, ci teniamo i fortissimi dubbi!

Bastiano
27 febbraio 2015 15:35 fedaia66
forse sei troppo ottimista. credi che gli organizzatori di tour e vuelta rischino l'immagine invitando una squadra espulsa dal wt per problemi etici?non credo proprio.Forse la RCS per avere Nibali potrebbe turarsi il naso..fermo restando che continua a farmi ridere l'equazione Astana uguale diavolo..

27 febbraio 2015 16:24 froome
1) Le foto non sono uscite perchè non sono mai esistite.
2) Se Vinokourov a suo tempo ha sbagliato, e non è l'unico, ha comunque pagato sino in fondo.
3) So che lo stesso Vinokourov ha rotto i rapporti con i fratelli Iglinsky e l'Astana continental non esiste più, quindi non vedo dove sia ancora il problema.
4) Mi pare che l'accanimento contro l'Astana nasconda altri interessi, vero signor Cookson? D'altronde se andiamo a vedere i giochini che ci sono per diventare presidenti di federazione, UCI, CIO eccetera c'è da rimanere schifati. Il doping nel ciclismo in confronto è una semplice aspirina. I giornalisti lo sanno, fanno finta di non sapere.

Complimenti al presidente Brian Cookson, alla Gazzetta, a l’equipe e a TuttoBici
27 febbraio 2015 16:32 roger
Mi era capitato di leggere più volte, a suo tempo, che il Sig. Ivano Fanini aveva proposto di creare un premio per premiare il corridore più pulito dell’anno e lo voleva dare a Vincenzo Nibali, proprio perché Vincenzo nel 2014 è stato il ciclista più controllato e quindi più “pulito” al mondo.
Io credo invece, senza nulla togliere a Nibali che per me resta il n.1 comunque, che questa presa di posizione dell’UCI sia più che giusta. L’Astana infatti sarà anche la squadra più controllata ma è indubbiamente anche quella con più casi di doping in assoluto. E non solo nel 2014…Per cui, ha avuto ragione il giornalista Gialanella che sulla Gazzetta ha attaccato il sistema Astana e Michele Ferrari ancor prima dell’Equipe.
Di conseguenza credo che anche tutti gli atleti e lo staff facenti parte di questo team sono coinvolti purtroppo anche magari inconsapevolmente. L’Astana con tutti i soldi ed il potere che ha potrebbe essere benissimo 10 anni avanti a tutti per l’avanguardia del doping, però adesso siamo alla resa dei conti…altro che premio…

roger
27 febbraio 2015 19:19 fedaia66
scusa se mi scappa un sorriso..all'avanguardia? eh gia'..gli altri possono permettersi di studiare gli effetti dell'altura sui parametri ematici(probabilmente sballati) di un loro corridore. gli altri possono permettersi di aver avuto un medico implicato in questioni di doping senza che nessuno trovi nulla da dire, gli altri possono con certificati medici permettere al loro corridore migliore di correre(e vincere) ..gli altri probabilmente sono nelle regole..ma se con gli altri viene visto allenarsi il figlio del capo dell'UCI qualche brutto pensiero ti viene..

x fedaia66
27 febbraio 2015 23:29 maicol
Anche tu contro Team Sky... ma si dai facciamo una proposta: per i casi di doping e il casino che salterà fuori nel Team Astana togliamo la licenza al Team Sky..così facciamo tutti contenti.. Sarà ma alla Sky non ho mai sentito che il Manager abbia mandato una lettera per scarso rendimento e poi hanno vinto il Tour..e ricorda che uno solo andava forte solo al tour con la sua squadra(7 per l esattezza ). e sappiamo che fine ha fatto

maicol
28 febbraio 2015 01:12 fedaia66
non farmi le lezioncine.so benissimo come va il mondo senza che tu mi invii le istruzioni per l'uso..
L'ex medico Sky e' stato sospeso per doping?si,guarda caso era medico Sky nel 2012.quello in cui gli antennisti spianavano monti e colline.Non e' prova di doping? allora nemmeno i contatti Vino- Ferrari lo sono.
Henao si e' fermato l'anno scorso per motivi sconosciuti ed in Sky si era detto che si dovranno studiare gli effetti dell'altura sui valori ematici? Si'..
Froome ha vinto il Romandia con valori non propriamente a posto? Si'.anche se si sono affrettati a legittimare il tutto con la visione di certificati.
Infine, la domanda piu' sconveniente? il figlio di Cockson si e' fatto selfy in compagnia di uomini Sky con la maglia Sky? Si..non vuol dir nulla ma forse non e' opportuno.
Mi chiedo e ti chiedo alla fine, se all'Astana praticano il doping organizzato, le altre 9 squadre che le sono arrivate davanti nel WT?

doping
28 febbraio 2015 10:04 siluro1946
Certificato che i controlli, come dimostrato in più casi, non servono a nulla,
vanno eliminati, e permettere agli atleti l'uso e frequentazioni, permessi dalle leggi dello Stato, inoltre,in subordine, parificare il tutto ad esempio con il Tennis, Calcio e Automobilismo. Poi educare gli atleti ad una pratica sportiva senza sostanze chimiche, che servono solo ad arricchire burocrati e farmacisti. Quando la capiranno, che senza lavoro e carichi di lavoro quotidiani, non si va da nessuna parte.

fedaia66
28 febbraio 2015 10:17 maicol
Il problema qui riguarda il team Astana e non le 9 squadre arrivate avanti nel WT. Poi se quelli come te dicono se esiste doping all astana deve ovviamente esistere in tutto il ciclismo mi dispiace ma ti dico di non seguirlo più

ERA GIA' TUTTO PREVISTO
28 febbraio 2015 10:34 jaguar
Immediatamente alle prime avvisaglie dei problemi dell'Astana io scrissi ed è agli archivi: Nibali ed Aru devono scappare A GAMBE LEVATE subito.....
Non lo hanno fatto ed ora saranno problemi grossi.
Leggo di foto o non foto io so solo che i soldi sono alla base di tutto e la voracità di certi personaggi è notissima e dopo il caso Armstrong che per anni non è stato mai scoperto ed ora sappiamo perchè e con l'aiuto di chi io faccio solo una domanda :MA IL PROBLEMA NON E' PER CASO LA GRANDISSIMA RICCHEZZA DELL'ASTANA? E SE NON FOSSE TANTO GENEROSA?.....ai posteri l'ardua sentenza

deja vù
28 febbraio 2015 11:02 Baldo
un film già visto...Un campione affermato e tra i più forti al mondo come lo Squalo e un campione emergente come Aru danno fastidio...e in qualche modo stanno cercando di liberarsene.

caro Maicol
1 marzo 2015 20:40 fedaia66
io il ciclismo lo seguo e lo seguiro' fino a che non mi stanchero'.
ho le mie idee, non mi piace abboccare ad ogni notizia che mi viene propinata e continuo ad essere discretamente sicuro che l'Astana e' meno demonica di quanto venga dipinta.
Visto che l'esclusiva su Ferrari non ce l'aveva certo Vinokourov, ma nell'elenco figurano anche corridori che correvano e corrono tuttora in altre realta'.
ma se per lei l'Astana e' il male del ciclismo, la lascio volentieri alle sue convinzioni.

x fedaia
2 marzo 2015 15:03 maicol
Rispetto le tue idee ci mancherebbe...penso solo che molti la pensano come te solo perche in questa squadra sono presenti i due maggiori corridori italiani e quindi non vogliamo ammettere o credere che in questa squadra qualcosa non torni ...se nella stessa situazione ci fosse stata l astana senza italiani tra sue file avrei proprio voluto leggere i commenti....

probabilmente
2 marzo 2015 15:51 fedaia66
direi le stesse cose..magari con meno impeto.
Sarei ugualmente convinto che le anomalie ci sono, eccome se ci sono, anche da altre parti.
e che l'UCI vuol far fuori Vinokourov come tra un po' si concentrera' su Rjis.
facendo bella mostra della inviolabile morale anglosassone..

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La vita ti da tanto ma a volte ti toglie più di quello che potresti immaginare. Hai una vita fatta di famiglia, moglie, figlia, genitori, amici, hai un lavoro che ami che hai costruito con gli anni. Hai una bella...


E' andato tutto bene e il sorriso di Gianluca Brambilla nella foto è più che eloquente. Operato sabato scorso di appendicite, il corridore veneto ha già iniziato la fase di recupero in vista della preparazione per la prossima stagione, la...


Riecco Tom Pidcock in modalità super. Alla terza occasione, l'Urban Cross di Kortrijk (challenge X2O Badkamers Trofee), l'iridato della Ineos Grenadiers, ha fatto il vuoto fin dalle prime battute iniziali ed è andato a trionfare con distacchi sulla concorrenza. il...


Il classico Urban Cross di Kortrijk, in Belgio, incorona Marianne Vos (Jumbo Visma). La campionessa della mondo vince allo sprint la prova della challange X2O Badkamers Trofee per donne elite superando la connazionale Ceylin Del Carmen Alvarado (Alpecin Deceuninck). Terza...


Prima gara e subito vittoria per Silvia Persico (Fas Airport Service). La campionessa d'Italia trionfa infatti nell'internazionale Gran Premio Valfontanabuona di Ciclocross per donne elite, che si è disputata a San San Colombano Certenoli in provincia di Genova. Partenza velocissima...


Bel colpo di mercato per il team Hopplà Petroli Firenze Don Camillo. La squadra sponsorizzata da Sandro Pelatti, Claudio Lastrucci e Andrea Benelli si è assicurata le prestazioni di Nicolas Gomez per la stagione 2023.Il velocista colombiano, classe 2000 dopo...


Federico Ceolin ribadisce il suo stato di forma vincendo l'internazionale Gran Premio Valfontanabuona di Ciclocross a San Colombano Certenoli, provincia di Genova. Il corridore Elite della Beltrami TSA Tre Colli ha preceduto di 17" Marco Pavan (DP66 Giant Smp) e...


Grazie all’organizzazione nel dietro le quinte della Lucania Bike, a Palazzo San Gervasio è in programma domenica 27 novembre la manifestazione promozionale Bike Aut – Pedaliamo per l’Inclusione per bambini tesserati e non dai 5 ai 15 anni. Al di...


Vedere anche la Uno-X nella lista delle squadre che hanno fatto richiesta per la licenza WorldTour ha fatto sorgere qualche punto di domanda a diversi addetti ai lavori. La formazione norvegese, infatti, ha chiuso al 22° posto nel ranking triennale...


Scatta oggi da San Colombano Certenoli la stagione della FAS Airport Services, squadra femminile di ciclocross nata nel 2021 che anche quest’anno affronterà un calendario di prestigio per preparare al meglio le proprie atlete alle maggiori competizioni internazionali. “Affrontare un...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach