ASTANA. Vinokourov deluso e amareggiato

PROFESSIONISTI | 02/10/2014 | 08:37
Il team Astana conferma la positività all’EPO di Maxim Iglinskiy ed il general manager Alexandr Vinokourov non nasconde i suoi pensieri: «Sono deluso e amareggiato per questa situazione che è inaccettabile. In conformità con le norme del MPCC, il ciclista è stato immediatamente sospeso in attesa del risultato delle controanalisi. Tutti i corridori dell’Astana Pro Team sono contrattualmente obbligati a rispettare le norme e gli stretti regolamenti etici. Non possiamo avere indulgenza con nessuno. Sono veramente deluso dal fatto che questo ciclista non abbia capito la nostra filosofia e l’importanza delle norme etiche. Ed è ancor più inaccettabile che si tratti di un corridore kazako che dovrebbe avere ancora più a cuore l’immagine della nostra squadra e del nostro paese».
Copyright © TBW
COMMENTI
ma x cortesia!
2 ottobre 2014 11:32 bernacca
da quale pulpito! è inaccettabile che il sig. Vino sia a capo di una nazione di ciclismo! parla di etica e di immagine! nessun giornalista riesce a zittirlo ?

2 ottobre 2014 11:46 Melampo
... "Sono veramente deluso dal fatto che questo ciclista non abbia capito la nostra filosofia" ...

Vinokourov
2 ottobre 2014 12:27 fulvio54
gia' da quale pulpito! Con i precedenti che si ritrova l'unica cosa che puo' fare e' stare zitto e muto!

Chi parla
2 ottobre 2014 12:32 Acqua77
Ma sentì chi parla, il compagno di. camera...

hahhahahahhaahhahahahhahahahahahahhah
2 ottobre 2014 12:48 cicloabruzzo
IL BUE CHE DICE COR--TO ALL\'ASINO...............STUPENDO QUESTO CICLISMO COMICO!!!!!!!!!

2 ottobre 2014 14:07 foxmulder
Un buon tacer non fu mai scritto...

Faccia di bronzo
2 ottobre 2014 14:59 runner
E' stupefacente che nel ciclismo attuale gente come Vinoukourov abbia il coraggio di parlare di etica...gente come Rijs diriga tranquillamente da anni uno squadrone...gente come Garzelli commenti le corse in tv...beh, qui mi fermo.
Mi vien proprio voglia di dire: togliamo i controlli antidoping, tanto alla fine tutto finisce a tarallucci e vino (almeno per qualcuno...)

Certo che si,che e' deluso
2 ottobre 2014 15:30 SERMONETAN
Ancora si fanno prende con l' Epo ,non si e' aggiornato su quello che sono le nuove frontiere del DOPING.
NON CONOSCE VERGOGNA,pero' rideva con con toto' al giro

x cicloabruzzo
2 ottobre 2014 16:36 siluro1946
Perché parlare di "ciclismo" comico? Le responsabilità sono individuali. Se si definisce ridicolo tutto il contesto in cui avvengono certi fatti sarebbe un mando di comici. Quando viene scoperto un Vescovo che... un maratoneta che...
un parlamentare che... un giornalista che... un medico che... un banchiere che... nessun collega di questi viene coinvolto o ridicolizzato.

individuali fino ad un certo punto
2 ottobre 2014 18:24 maicol
diciamo che siano responsabilita individuali..ma una squadra si accorge se un suo corridore ha prestazioni normali o sopra la norma e i medici squadra penso siano pagati per controllare anche il passaporto biologico..quindi Vino inutile che mandi lettere di scarso rendimento e dopo queste tutta la squadra vola..attento sei stato corridore anche tu

maicol
2 ottobre 2014 18:45 fedaia66
che prestazioni anormali o fuori norma hanno avuto i fratelli Iglinskyi?
in ogni caso, bisogna vedere la quantita' di epo che si sono iniettati con la speranza di non venir beccati..ho il sospetto che funga piu' da placebo che altro..altrimenti son brocchi forte. o tutto il gruppo ne fa uso.cosa che non credo.o almeno spero sia cosi'

Caro Vino
2 ottobre 2014 21:09 limatore
Chi la fà l'aspetti.... ti sei dimenticato quando tu sei stato pizzicato per le trasfusioni insieme al tuo compagno? Fece smettere 2 DS

Giusto
2 ottobre 2014 22:59 Ruggero
Sono d'accordissimo con tutti, ma ci sarebbe anche qualche italianone ex campione o presunto tale che dovrebbe sparire dalla circolazione al pari del sopra citato, a voi i nomi......

PER RUNNER
2 ottobre 2014 23:17 jaguar
Questa è l'unica soluzione: doping libero e risparmiamo una montagna di soldi non facendo più controlli

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ci risiamo, fermato da Carabinieri. Tutto filmato. Succede sempre in Trentino dove l'ormai noto Marco Brazzo, in sella alla sua bici, viene invitato ad accostare da una pattuglia. Lui riparte con la solita arringa documentata con smarthphone.  Abbiamo parlato con...


Ai tempi della guerra fredda c’era la linea rossa rovente, ora i tempi si sono evoluti ed è la banda larga ad essere rovente... Si stanno intrecciando, infatti, le conference call tra l’Uci e gli stakeholders del ciclismo, tra le...


La notizia poteva per noi europei anche passare inosservata, perchè postata sui social in polacco, in pratica ad uso della sua nazione Michał Kwiatkowski si conferma ragazzo sensibile e mette a disposizione dei medici e degli infermieri della sua nazione...


Se ne parla ormai da giorni ma l'ipotesi sta prendendo via via maggiore concretezza: il Tour de France sta lavorando ad un rinvio di quattro settimane della corsa. Da sabato 25 luglio a domenica 16 agosto: ecco le nuove date...


Che passioni si coltivano ai tempi del coronavirus? Giacomo Nizzolo ne ha tre: la moda, i motori e... la barba. «A dire la verita - ha spiegato il ciclista della NTT nel corso dell'intervista realizzata per la nuova puntata di...


Tatiana Guderzo è salita in bicicletta anche quest’anno perché aveva un obiettivo da conquistare a tutti i costi: la sua quinta Olimpiade. La campionessa marosticense è fra i pochissimi atleti italiani in attività che possono vantare la partecipazione a quattro...


  La “Pedala con i Campioni”, da vent’anni classico appuntamento cicloturistico dell’8 dicembre nel Varesotto da sempre a scopo benefico, scende in campo per la lotta contro il Coronavirus. Gli ex professionisti della  provincia di Varese capitanti da Dario Andriotto,...


La Adriatica Ionica Race va ad allungare la già interminabile lista di gare ciclistiche che non andranno in scena nelle date programmate a causa del Coronavirus. Benché prevista nel calendario internazionale dei professionisti dal 14 al 18 giugno – l’UCI...


“Al ritorno del Trofeo Melinda 2009 litigai con Scinto e mi fece scendere dalla macchina. Mi lasciò a Padova”. Giovanni Visconti è un fiume in piena durante al diretta con LelloFerrara3.0 su Instagram. "Comunque poi sapevo che dietro c'era Pelosi,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155