TURCHIA. Adam Yates e la prima vittoria da pro'. AUDIO

PROFESSIONISTI | 02/05/2014 | 15:41
Avrete senz'altro già sentito il cognome dei gemelli Yates, britannici classe '92, promesse del ciclismo internazionale. Oggi al Giro di Turchia abbiamo avuto modo di conoscere meglio Adam che ha vinto la tappa odierna ed è balzato al comando della classifica generale.

Raccontaci di te... «Ho iniziato a correre quando avevo 10 anni. Correre con mio fratello mi piace, ovviamente ci intendiamo alla perfezione e siamo molto legati l'un l'altro. Anche lui era in ottima forma, è un vero peccato che sia caduto nella terza tappa rompendosi una spalla. Per come andava secondo me a Elmali avrebbe vinto, dopo il Giro dei Paesi Baschi stava andando molto forte, ma il ciclismo è così...».

Essendo inglesi ci si aspettava che te e tuo fratello passaste al professionismo con la Sky, come mai invece avete scelto la Orica GreenEdge. «Mi scappa da ridere perché questa domanda mi viene posta ad ogni intervista, ad ogni modo abbiamo scelto un team australiano rispetto a quello "di casa" per non avere troppe pressioni e per il programma a lungo termine che ci ha offerto questa squadra. Hanno capito che siamo giovani e abbiamo del potenziale, non pretendono che vinciamo chissà quali gare ma vogliono farci crescere con calma e, cosa non da poco, ci hanno voluto entrambi. Siamo convinti di aver fatto la scelta giusta, ci troviamo benissimo sia con i compagni che con lo staff del team».

E della tappa di oggi che dici? «La squadra ha lavorato alla grande, soprattutto per tenermi coperto dal forte vento laterale e mi ha portato ai piedi dalla salita in ottima posizione. All'ultimo chilometro ho allungato e sono andato "full gas" fino alla fine. In genere preferisco salite più lunghe rispetto a questa, ma quando sto bene mi basta che la strada salga. Quella di oggi è la mia prima vittoria da professionista, quindi è speciale».

Guidi la generale solo per 1", da domani la Cofidis farà di tutto per ritornare al comando. «Sono pronto alla battaglia (sorride, ndr). Ho compagni che pesano 95 km come Mouris che sapranno difendermi al meglio sul piano, sono relativamente tranquillo. Questa mattina avevo parlato con Taaramae, sapevamo entrambi che ce le saremmo date di santa ragione sulla salita finale. Nei suoi panni starei già pensando a come rifarmi già da domani. Non mi aspettavo di poter ottenere certi risultati nella massima categoria così presto, comunque vada sono felicissimo».

Ascolta nel file audio le dichiarazioni integrali di Adam Yates.

da Selcuk, Giulia De Maio


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Emozioni forti a Rotselaar dove si è disputato oggi il GP Vermarc Sport, corsa di riapertura del calendario belga. Emozioni perché si trattava della ripartenza, perché c’era il pubblico delle grandi occasioni, perché ad assistere c’era anche Eddy Merckx, perché...


Parla francese la seconda tappa del Tour de France virtuale grazie a Julien Bernard. Il portacolori della Trek Segafredo ha avuto la meglio in volata su Ovett, Edet e Woods con Giulio Ciccone, comagno di squadra del vncitore, che ha...


Nessuna imperizia, nessuna violazione del codice della strada, nessuna distrazione. Roberta Agosti, la ciclista uccisa nella mattinata di ieri durante un allenamento sul Basso Garda, è deceduta per una tragica fatalità. Dopo le prime, approssimative ricostruzioni, la testimonianza diretta dei...


Si sono presentate in cinque, sulla linea del traguardo della seconda tappa del Tour de France virtuale ed il successo è andato a Lauren Stephens del Team TIBCO - Silicon Valley Bank che ha preceduto Joscelin Lowden della Drops e...


Si torna finalmente a correre e per la D'Amico UM Tools di Ivan De Paolis e Roberto Portunato arriva il primo prestigioso successo. Merito di Nicolò De Lisi il talentuoso ciclistica di Acqui Terme, classe 2001, poi emigrato in Svizzera...


"Il mio rammarico più grande in carriera? L'aver perso il Giro Baby del 2000. La concorrenza era tanta, ma io mi addormentai un attimo durante una tappa di montagna e non recuperai più il margine sui fuggitivi". Così parlò Franco...


Vi siete mai chiesti quanto valga una grande corsa a tappe, in questo caso la più importante, dal punto di vista economico? E' quello che hanno analizzato alcune società specializzate in marketing sportivo e di siti di settore, come Sporteconomy,...


Proprio in questi giorni ha festeggiato i 45 anni della sua prima fotografia (scattata ad un vittorioso Beppe Saronni): Roberto Bettini - per tutti «Clic» - è uno dei protagonisti dell asedicesima puntata di BlaBlaBike. Il fotografo milanese, che sin...


Tra due settimane farà finalmente ritorno in Europa - il 19 luglio è in programma il volo che dalla Colombia porterà tutti i professionisti del Paese nel Vecchio Continente - e intanto Egan Bernal si allena sulle strade di Zipaquira...


"Potevo essere al mare, con un piatto di tagliolini, e invece scelgo di soffrire a quasi 400 watt..." Tra masochismo, speriamo sano, e piacere...  Questo video di Mario Cipollini merita i 3 minuti della sua durata. Guardalo! :-)


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155