DOPING. Frank Schleck positivo ad un diuretico

| 17/07/2012 | 20:49
Frank Schleck positivo: l'Uci ha ufficalizzato questa sera l’anormalità dei risultati di un controllo effettuato il 14 luglio scorso. Il laboratorio di Chatenay Malabry ha rinvenuto tracce di un diuretico, lo Xipamide, nelle urine del corridore lussemburghese.
Schleck - secondo il comunicato Uci - ha il diritto di chiedere le controanalisi. Il regolamento Uci non prevede la sospensione provvisoria, vista la natura della sostanza in questione.
L’Uci si dice comunque fiduciosa sul fatto che la squadra del corridore, la Radioshack Nissan, farà i passi necessari per assicurare la serenità del Tour de France e per offrire al tempo stesso al corridore l’opportunità di valutare la situazione e riflettere sui passi da compiere.
Copyright © TBW
COMMENTI
Ullalla
17 luglio 2012 22:10 Ruggero
Ah ah ah l'amico di birillo si è dimostrato più imbecille che mai,l'ha scampata una volta ma non contento c'è ricascato.

ci risiamo!!!
17 luglio 2012 22:21 paoletta
....e dopo le caramelle colombiane,il pollo belga ,il filetto basco adesso cosa si inventeranno!!!

IPERTENSIONE
17 luglio 2012 22:35 gass53
Può essere che soffra di pressione alta.............e come faccio io da diversi anni, mki ci vole la pasticchina diuretica!!!!! AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

amigo de birillo...
17 luglio 2012 22:53 ale63
Vi ricordate gli assegni su banche svizzere a favore del Dott. FUENTES per programmi di allenamento??? La Federazione Lussemburghese naturalmente penso' bene di non intervenire.... Ora ci penzano i francesi a fare giustizia! Ale

Soliti commenti prevenuti
17 luglio 2012 22:57 TorrazzaForever
Frank è un bravo ragazzo e non merita questi commenti malevoli. In realtà lui è andato a trovare una sua vecchia zia, Marie Cristine, che non vedeva da anni. Sul tavolo c'era un bicchier d'acqua. Lui aveva sete e l'ha bevuto, ignorando che sua zia utilizza un diuretico. Cosa ne sa lui di cosa beve sua zia che non vede da una vita?

17 luglio 2012 23:46 pickett
Ma la regola secondo la quale,al Tour,se un corridore ha problemi di doping deve ritirarsi tutta la squadra,non vale più?Per quale motivo?Cofidis e Radioshack andavano mandate a casa.

Puzza di bruciato.
18 luglio 2012 00:49 valentissimo
Che i fratelloni non la raccontavano giusta, si sapeva da anni ma, che cadano in trappola in un modo così stupido mentre decidono di cambiare squadra e litigano con gli attuali dirigenti, mi puzza davvero tanto di bruciato.
Chi può credere che Frank, si dopi per andare piano e non lo faccia quando vola??? Io in questo caso indagherei il team per avergli fatto fare un assunzione involontaria e poi fare delle analisi a dei campioni presi 4/5 anni fa, con la quasi certezza di trovarci delle sorprese!!!

Ah le zie...
18 luglio 2012 06:22 LampoJet
E' vero, sarà andato dalla zia. Purtroppo certe zie sono più influenti di altre...

...
18 luglio 2012 08:35 marcog
la penso come Valentissimo; mi sembra strano che con tutti i movimenti che ci sono in ballo si faccia beccare..... non è che qualcuno voglia fargliela pagare per l'idea di creare un team in Germania con il Kaiser?
e poi scusatemi, Frank ha dei numeri, non da campionissimo ma da corridore sopra la media sicuramente, se si dopasse veramente non è che andrebbe un pochino più forte di quello che sta andando ora? Allo stato attuale tra lui ed un "carro trainato da buoi" non è che ci sia tanta differenza (sempre pensando alle qualità del ragazzone).

Spiegatemi
18 luglio 2012 08:38 geo
allora adesso che fermano Frank anche il fratellino non correrà? Caso Fuentes: molti hanno pagato, altri no: Schleck NO. I f.lli Schleck li vedrei bene con Giancarlo Ferretti, testa bassa, umiltà e pedalare per vincere, sempre.

18 luglio 2012 08:52 foxmulder
La verità, secondo il mio modestissimo parere, è che gli Schleck vanno troppo piano in relazione a quanto guadagnano (e costano alla squadra). Sono pieni i libri di storie di boicottaggio fatto in casa e questo, a mio avviso, ne è un esempio. Radioshack è una squadra che si sta sfasciando e una positività comporta il licenziamento immediato e la non corresponsione degli stipendi a venire. In questo caso un bel botto di quattrini che possono andare a coprire gli arretrati dei "facinorosi" che hanno denunciato di non percepire lo stipendio da mesi e sistemare le cose con l'UCI. Sono pazzo un visionario? Forse.

dai...dai....
18 luglio 2012 09:27 corvo
Ormai non ci meravigliamo piú di nulla............é tutta una presa in giro!!!

Storie di boicottaggi fatti in casa
18 luglio 2012 09:51 Bartoli64
A riguardo di storie di boicottaggi fatti in casa, negli anni ’90 ricordo di una dichiarazione (anonima) resa al giornalista Oliviero Beha da parte di un corridore che aveva accusato i meccanici della propria squadra di avergli stretto i coni dei mozzi per farlo andare più piano….. ma di qui a disquisire in qualche modo i risultati emersi dal laboratorio di Chatenay Malabry associandoli ad un presunto boicottaggio ce ne passa, e pure tanto.

La verità è che maledetto diuretico funge anche da “coprente” per trattamenti di emotrasfusione e questa è una cosa che l’UCI sa benissimo, ed ecco anche perché per il più grande degli Scleck, stavolta, la vedo molto dura.

Quanto al risparmio sugli stipendi prossimi di Franck, che non gli verranno corrisposti e che verrebbero poi dirottati per ripianare varie pendenze ed arretrati con altri corridori della squadra, vedo un po’ troppo fantasiosa anche questa ipotesi.

Il problema di Radioschack sta soprattutto nella sua dirigenza, nella sua gestione e forse anche nella sua storia (che parte dal noto cowboy texano).

Tra le bizze dei fratelloni lussemburghesi, il Cance che corre dalla moglie in pieno Tour e la positività di Franck sono davvero in mezzo alla “melma”, anche perché (in rapporto al loro budget) hanno sinora raccolto un pugno di mosche.

Ma mi piace pensare che a questo mondo quel che è fatto è reso….. qualcuno (alla Leopard) ricordi di quando ha interrotto gli stipendi del povero Weylandt appena 2 mesi dopo la sua morte, lasciando la sua compagna (incinta) senza il becco di un quattrino o quasi.

GO MR. BECCA!!

Bartoli64

X Geo
18 luglio 2012 10:12 velo
scusami non ho capito perchè li mandi a pedalare con Ferretti!!!!!

Concordo con Fox e valentissimo
18 luglio 2012 10:13 Per89
Stiamo parlando di un diuretico e non di trasfusioni ed epo, distinguiamo le cose.... Però anche a me tutto questo puzza di bruciato.... La radioshack sta affondando prima i cattivi rapporti con gli Schelck, poi Fugslang che vuol andar via e non gli fanno correre una gara world tour, poi Bruynel implicato nell'affaire Armstrong... Non mi sorprenderei che abbiano boicottato gli Schelck per evitare la nascita di un nuovo team.....

UCI a 2 velocità
18 luglio 2012 12:30 cyrano

Premesso che se le controanalisi determineranno la positività di Schleck, spero sia sanzionato adeguatamente, mi permetto di evidenziare una situazione che dovrebbe far riflettere i signori dell’UCI.

Per Bertagnolli si siano ricordati solo alcuni giorni fa di aprire una procedura di infrazione relativa a fatti avvenuti nel decennio scorso.

Per Schleck sono bastati 3 giorni per emettere un comunicato in cui spero sia riportato il testo dell’articolo 214 del regolamento antidoping dell’UCI.
(If the B Sample proves negative, the entire test shall be considered negative)

Una così repentina variazione delle performance non può essere casuale, potrebbe essere l’esito di pratiche vietate.
Devono controllarsi di più e meglio, soprattutto nei periodi di maggiore esposizione mediatica.

E’ proprio in corrispondenza di questi, che hanno delle performance sospette.

pericoloso litifare con Bruynel
18 luglio 2012 12:44 limatore
Contador litiga e dopo un sette mesi una positività ridicola, Frank è ai ferri corti, ha già fatto azioni che potrebbero far chiudere il team, ed ecco ad orologeria un'altra positività ridicola!!! non ci vedo chiaro.

Gli Schleck con Ferretti
18 luglio 2012 13:26 geo
perché se i corridori si presentavano in ritardo venivano sanzionati, perché se facevi il galletto ti ritrovavi gregario, perché se ti presentavi con l'auto di lusso ti trovavi a lavare le catene delle bici. Un po' di umiltà a sti galletti!

Non "doppie velocità" ma progressi medico-tecnologici
18 luglio 2012 13:37 Bartoli64
Per carità…. su molte prese di posizione dell’UCI molto ci sarebbe da discutere (ed anche da censurare), ma un conto è aprire una procedura nei confronti di variazioni riscontrate sul passaporto biologico, ben altra cosa è invece scoprire la positività ad un diuretico che un cromatografo è perfettamente in grado di rilevare nel giro di poche ore.

Il passaporto biologico è uno strumento di controllo (non perfetto ma comunque efficace) su cui si sta ancora studiando a fondo, mentre nel rilevamento di alcune sostanze - come i diuretici e gli stimolanti - poco o nulla c’è ancora da mettere a punto sul piano dell’efficienza tecnologica delle macchine impiegate nei test (e infatti tali sostanze sono sempre meno utilizzate).

Per questo - sia pur NON ammettendo ritardi di anni nella definizione certa di taluni casi di positività - non credo che l’UCI sia più attiva in periodi di maggiore esposizione mediatica rispetto ad altri meno intensi (basta leggere le comunque tante notizie diffuse in inverno a riguardo del doping).

Per contro, una diversa velocità nel rilevamento di sostanze ad azione dopante si potrebbe avere nel momento in cui se ne venissero a scoprire di nuove (caso-Balco docet).

In tal senso, bene fa l’UCI a conservare i campioni biologici degli atleti per 5/6 anni ed anche più, ma poi non lamentiamoci se eventuali positività emergono in concomitanza del Tour piuttosto che in quello dell’Amissa Bongo.

Bartoli64

XGEO
18 luglio 2012 14:17 velo
Ferron si è autoaccusato dicendo che i medicinali trovati nel automezzo della squadra erano uso personale(faceva cilecca) in compenso hanno castigato il massaggiatore Sarti. Quando era collaboratore di Bombini guarda caso girava un certo dott. Ferrari.Ferron non era un santo.

Domanda per Bartoli64 e non solo
18 luglio 2012 14:23 LampoJet
Volevo chiedere a BArtoli64 (e a chiunque voglia dare una risposta), che reputo molto preparato e preciso negli interventi, come è possibile che un atleta assuma un diuretico (o una qualsiasi sostanza proibita) sapendo benissimo che è proibito e che risulta ad un controllo? So benissimo che i diuretici sono usati anche come coprenti, ma che senso ha coprire se poi ti beccano il coprente? Non capisco come si faccia ad essere così sprovveduti. Mi vengono da pensare alcune possibili risposte, ma volevo prima un parere da chi può essere in grado di darmelo.

Risposta lampo x Lampojet
18 luglio 2012 15:43 Bartoli64
Ovviamente esistono un’infinità di ragioni (improbabili complotti compresi) per cui un atleta può assumere un diuretico che poi è così facile da scoprire ai controlli.

Altrettanto ovviamente non si può stare qui ad elencare tutte le possibili ipotesi (altrimenti facciamo notte e neanche finiamo).

Molto, in questi casi, fa anche lo sbagliato calcolo dei “tempi” o delle "dosi" d’assunzione di queste sostanze, l’incoscienza umana, l’affidarsi alla fortuna, sino al dover comunque ingerire un “coprente” per evitare la scoperta di altre sostanze ben più infamanti per l’immagine di un atleta.

Se vuoi, posso consigliarti di leggere l’articolo pubblicato oggi su www.sportpro.it di Eugenio Capodacqua.

Certo è che la verità su questo caso la conosce solo Franck Scleck, ragion per cui da parte del citato giornalista non troverai altre valutazioni che non siano quelle già conosciute al riguardo dell’uso di diuretici nel ciclismo.

Spero d’esserti stato utile.

Bartoli64

UCI a 2 velocità (seconda puntata)
19 luglio 2012 10:13 cyrano

Quanto si impiega a verificare la positività all’epo?

Per Leleivyte 38 giorni.
Per Gabrovski 88 giorni.

L’importante è che il deferimento arrivi nell’ultima settimana del Tour.

Fantasie da scrittore giallista
19 luglio 2012 14:12 Bartoli64
Se non ricordo male in tutto il mondo i laboratori accreditati dalla WADA sono poco più di una trentina.

La punta di diamante di questi laboratori è quello di Chatenay Malabry (Parigi) che, nonostante il carico di lavoro che ha, specialmente nel mese del Tour, riesce comunque a rilevare positività obiettivamente difficili come quelle delle trasfusioni autogene.

Ovvio che non tutti hanno i mezzi di quel laboratorio (peraltro molto a cuore al Governo Francese), mentre le positività - questo è poco ma sicuro - debbono essere rilevate con un margine d’errore pari a 0 (zero), pena polemiche infinite sulla validità delle analisi anti-doping, ricorsi, contro-ricorsi, danni d'immagine e conseguente ritiro dell’accredito WADA.

Sarà forse per questo che qualche laboratorio ci impiega meno tempo a rilevare positività rispetto a qualcun altro?

Chi è poi quell’imprenditore che vende un prodotto (esattamente come l’UCI), e che mette in mostra le magagne più brutte del prodotto stesso proprio nel periodo di maggior vendita? Fino a prova contraria la migliore pubblicità si fa sulla qualità e non sui difetti di un prodotto (almeno così è stato sino ad oggi).

Forse qualcuno legge troppi libri gialli….

Bartoli64


Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Arriverà la Kometa: è certo che arriverà. In questo clima di Natale, di preghiere e di strenne prossime alla consegna, non mancano i desideri e i sogni da realizzare. C’è chi li mette in prosa su un foglio, chi si...


C’è chi lo ricorda il giorno della nascita (l’11 dicembre, del 1964), chi il giorno della morte (il 7 febbraio, del 2010). C’è chi lo ricorda a ogni Parigi-Roubaix, di cui era stato interprete, protagonista, vincitore, chi a ogni Mondiale,...


Dopo i 123 podi dell’incredibile stagione 2018, l’Androni Giocattoli Sidermec riparte oggi in vista del 2019 che i campioni d’Italia del team manager Gianni Savio si augurano altrettanto ricco di successi e soddisfazioni. Il gruppo, con vecchi e nuovi, si è...


Prima di programmare la nuova stagione 2019 è giusto fare un passo indietro per ricordare che il 2018 è stato l’anno del debutto nella categoria Juniores per il team CPS PROFESSIONAL. Debutto a dire il vero con il botto, con...


Per ragioni tecniche ed organizzative, “In Fuga verso il 2019” anticipa di un giorno rispetto alla data originale: il nuovo appuntamento è fissato per mercoledì 19 dicembre alle 20:00 a Porto San Giorgio all’interno dei locali del ristorante-chalet Tropical (lungomare...


La bici è il futuro, BikeEconomy la strada da seguire. Perché BikeEconomy non significa solo biciclette e accessori, ma anche turismo, salute, mobilità e molto molto altro. Quello che può rappresentare la biciciletta per il futuro del nostro Paese ce...


Freddo e ciclismo sono due parole che possono convivere solo e soltanto se ci sono le giuste precauzioni, giusto? Coprirsi in maniera adeguata è la prima cosa logica da fare per tornare a casa dopo aver praticato l’attività sportiva al...


La pista, ospiti le brillanti protagoniste Vittoria Guazzini e Giorgia Catarzi, in aggiunta al bravo atleta di casa Tommaso Nencini, e la Nazionale Italiana con i suoi tecnici, Marco Villa e Rino De Candido, al centro della tradizionale festa di...


Paolo Simion è rimasto vittima oggi di un incidente a Trevignano (Treviso), poco dopo mezzogiorno, mentre era in allenamento. Il corridore della Bardiani-CSF ha riportato un trauma cranico, che gli ha procurato un ematoma di lieve entità, ma nessuna altra...


Il Parco di Piuma a Gorizia ha ospitato la quarta tappa del Master Cross Selle SMP, la gara internazionale più a nord d’Italia. A pochi km dalla Slovenia si sono ritrovati circa 500 atleti da tutta la penisola e non...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy