Doping a Pechino: atletica, ciclismo e pesi nel mirino

| 29/04/2009 | 08:14
Non si conoscono ancora nomi e nazionalità degli altri sportivi risultati positivi ai controlli antidoping sul Cera effettuati suio campioni di Pechino 2008, ma le specialità sì: tre positività arrivano dall'atletica leggera - tra cui una medaglia d'oro e probabilmente un caso di doppia positività -, un altro dal ciclismo (oltre a quello di Rebellin) e uno dal sollevamento pesi. A scriverlo è stamane La Gazzetta dello Sport.
Copyright © TBW
COMMENTI
E ora chi pagherà?
29 aprile 2009 08:55 lgtoscano
Ora chi pagherà? con queste regole ipocrite che esistono in questo mondo, chi pagherà la Nazionale che non potrà partecipare hai prossimi Mondiali oppure Olimpiadi, il suo team attuale ( fuori dal giro e competizioni importanti) oppure i team precedenti? pure qua ci vuole chiarezza, perchè fino ad ora hanno pagato anche altri 8compagni di squadra e le stesse squadre) per quegli imbecilli che sono stati trovati positivi, chi mi risponde?

No comment
29 aprile 2009 10:12 fontania
C'è ancora un editoriale da tuttibiciweb?

NO

Esso è Rebellin, non Valverde


Non è possibile
29 aprile 2009 10:58 wtutti
Prima delle olimpiadi di pechino erano stati fatti controlli minuziosi. Fermata la campionessa del mondo per una "dieta". E ora... CERA!!!
Mi sembra tutto cosí inverosimile, e poi proprio Rebellin...

Accusati e accusatori
29 aprile 2009 12:17 maverick63
Ragazzi non ci sono solo Rebellin e Valverde,ci sono o c'erano corridori con a proprio carico intercettazioni vergognose,o accuse pesantissime da parte di altri corridori e non (vedi Fanini).
Ora io dico,in questi casi non ci sono molte possibilità,quando c'è un accusato e un accusatore uno dei due truffa,mi dite perchè di tutte queste storie si sono perse le tracce ?uno dei due accusato o accusatore diceva il falso,perchè nessuno paga,gli accusati continuano a correre e gli accusatori continuano a frequentare l'ambiente tranquillamente.
Io personalmente sono con Fanini per un motivo semplicissimo,se io vengo accusato di truffa come minimo denuncio l'accusato,quì invece cade tutto nel dimenticatoio,qualcuno sa dirmi il perchè ?
Ora sono curioso di sapere se Il Sig.Trenti è sempre contro la radiazione,e soprattutto mi piacerebbe sapere il direttore di B.S. nel caso Rebellin quali stregoni e altro tirerà in ballo,visto che non penso Rebellin sia stato preso per la gola visto che presumo problemi economici non ne abbia.
P.S. per quelli contro la radiazione volevo ricordare che se in azienda vengo sorpreso a rubare nella migliore delle ipotesi mi permettono di dare le dimissioni..............
Saluti
ruggero

Perchè solo il nome di Rebellin, e gli altri?
29 aprile 2009 13:22 The rider
Ok, se Rebellin ha sbagliato che paghi, ma gli altri 5? Sono dei figli di nessuno?
Qualcuno sa qualcosa? Perchè il primo nome è stato di un corridore e ITALIANO?
Mi sembra che anche in questo caso si è cercata la SPETTACOLARIZZAZIONE!!!!
Maurizio Ponti.

REBELLIN
29 aprile 2009 18:31 ale63
SCUSATEMI MA MI PARE DAVVERO STRANO CHE IN UNA GARA COME LE OLIMPIADI CI SIA UN SOLO POSITIVO AL "CERA" E NATURALMENTE ITALIANO... ALE

nomi
29 aprile 2009 18:56 rufus
Vogliamo i nomi degli altri sportivi beccati, qualcuno mi sa dire perchè il nome di Rebellin è uscito subito, e gli altri no?

non c'è da sconvolgersi
30 aprile 2009 09:47 cavallopazzo
Sicuramente alcuni sport sono più tutelati rispetto ad altri. L'operazione Puerto si è in pratica fermata quando a circolare sono stati nomi altisonanti di altri sport, come il calcio, il tennis, la Formula 1.

Su Rebellin...stamattina ho visto il filmato mandato in onda da Repubblica Tv. beh, mi chiedo come un ciclista filmato in queste circostanze abbia potuto continuare a pedalare. E soprattutto a presentarsi come corridore pulito.

Altrettanto strane sono le espressioni stupite di colleghi, giornalisti Rai, eccetera. Ma davvero si cade sempre dalle nuvole? oppure non è forse che il sistema ciclistico somiglia più ad un sistema di amicizie dallo stampo un po' mafioso dove tutti si difendono perchè se parla uno o più di uno, crolla tutto?

X IL SIGNOR MAVERICK63
30 aprile 2009 12:29 trentiguido

CARO SIGNOR RUGGERO, VISTO CHE LE RIPETO PER L’ENNEWSIMA VOLTA CHE C’E’ LIBERTA DI PENSIERO IO NON SONO PER LA RADIAZIONE E SONO CONTENTISSIMO CHE LEI LA PENSA COME IL SIGNOR FANINI, DANDOMI COSI MODO DI CAPIRE IL SUO SCARSO LIVELLO DI CONOSCENZA NEL MONDO DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO, MA E’ LIBERO DI PENSARE ED ESPRIMERE QUALSIASI SUO PENSIERO. LA DIFFERENZA FRA LEI E ME, E’ CHE IO PARLO DI FATTI ACCADUTI, MENTRE LEI E FANINI DI IPOTESI O ACCUSE MAI PROVATE IN VIRTU’ DELLE VOSTRE TESTIMONIANZE. MA E’ FACILE PARLARE CON IL SEGNO DI POI…..PER ME REBELLIN, QUALSIASI SIA IL SUO FINALE DI QUESTA STORIA, E’ SEMPRE STATO UN ESEMPIO PER LA SUA SERIETA’ , COSTANZA, PROFESSIONALITA’, E PASSIONE CHE HA INVESTITO IN QUESTO SPORT. SE POI DIMOSTRERANNO CHE HA SBAGLIATO, PAGHERA’ COME PAGA LEI SE DOVESSE RUBARE….CON LA DIFFERENZA CHE LEI POTREBBE ANDARE IN UN’ALTRA AZIENDA E PRATICARE LO STESSO LAVORO….MENTRE UN ATLETA RADIATO DEVE CAMBIARE LAVORO!!!! MA A LEI QUESTO NON ENTRA IN TESTA…..E SE SI SOFFERMASSE NEL RIFLETTERE SULLA RADIAZIONE, CAPIREBBE CHE NON E’ IL METODO GIUSTO PER SCONFIGGERE UNA PIAGA SOCIALE!!!! MA FORSE E’ TROPPO COMPLICATO CAPIRE CERTE COSE, SPECIALMENTE SE LA PENSA COME FANINI CHE A SUO TEMPO, FACEVA PARTE DELLE SQUADRE IMPORTANTI, ED OLTRE AD AVERE CON SE CORRIDORI MOLTO DISCUTIBILI, HA FATTO PARTE DEL SISTEMA ED ORA CHE E’ FUORI E’ FACILE PARLARNE!!!!!....MA CON TUTTO RISPETTO NON PERDO NEMMENO MOLTO TEMPO NEL SPIEGARLE LE MIE RAGIONI. LEI SI TENGA LE SUE E COMMENTI PURE COME GLI SEMBRA PIU’ GIUSTO COSI ALMENO MI DIVERTO UN PO’ NEL LEGGERE CERTE IDIOZIE!!! IO SONO PER UNO SPORT DOVE CHI SBAGLIA DEVE PAGARE. ORA VEDREMO IL RISULTATO DELLE CONTROANALISI….POI SI POTRANNO TIRARE DELLE CONCLUSIONI PIU’ PRECISE!!!!!! WWW.GUIDOTRENTI.IT


per trenti
30 aprile 2009 13:51 cavallopazzo
Beh, sì, il signor rebellin sarà stato anche un esempio di serietà, ma questo video della guardia di finanza targato 2001 dimostra il contrario. Non è stato accettato in sede processuale solo per vizi di forma. Poi certo rebellin è frutto e parte di un sistema complesso, incancrenito a tutti i livelli. Anche nel giornalismo, perchè, mi chiedo, dei seri giornalisti rai, possibile che incensassero in questo maniera Riccò?

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Johnny Carera continua la sua battaglia per la guarigione. Il manager bergamasco, ricoverato al Niguarda di Milano dopo il gravissimo incidente di cui è stato vittima venerdì sera, ha trascorso una giornata tranquilla e al tempo stesso importante. «Le cose...


Grandi novità in rrivo in casa del Maglificio Rosti. Cosa bolle in pentola? Presto detto: un giorno Marco Saggia incontra Giovanni Alborghetti. Iniziano a parlare quasi per caso. Parlano per ore. Di tecnologia, mercato, identità, emozioni, progetti. Sono spinti dalla...


Il Team BikeExchange, che il prossimo anno si chiamerà Team BikeExchange Jayco, ha confermato il suo roster maschile di 28 corridori per la prossima stagione. "Possiamo essere molto soddisfatti del lavoro svolto quest'anno dallo staff delle prestazioni che ha svolto...


Natale si avvicina e la caccia al regalo perfetto è ormai lanciata. Niente panico, c’è tutto il tempo per sorprendere i tuoi cari con il dono ideale per loro. Se si tratta di sportivi una buona soluzione la offre il...


È una squadra kazaka la cui lingua ufficiale è l’italiano. Tutti i suoi membri comunque parlano l’inglese e se la cavano an­che con il francese, se proprio proprio all’inizio qualche straniero non conoscesse la nostra lingua, che presto o tardi...


The best of Cycling 2021 è un concorso fotografico e già questo lo rende speciale, perché le immagini hanno una capacità narrativa ed emotiva eccezionale. Se poi il concorso lo organizza un decano dei fotografi del ciclismo internazionale come Roberto...


La bella tradizione di Alé di scambiarsi gli auguri in occasione delle festività con una pedalata non competitiva ed aperta a tutti, è ripresa  domenica 28 novembre, dopo lo stop dovuto alla pandemia. Il celebre brand veronese di abbigliamento da...


L’inaugurazione della EOLO CdF Climb organizzata da EOLO insieme alla Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta ieri a Varese presso lo Stadio Franco Ossola di via Giuseppe Bolchini alla presenza di un folto gruppo di appassionati di ciclismo. L’evento...


In bicicletta si può davvero far tutto, anche affrontare il travaglio e arrivare alle soglie della sala parto. È accaduto alla parlamentare verde della Nuova Zelanda, già ministro delle donne,  Julie Anne Genter, da sempre convinta paladina della mobilità sostenibile. L'altra notte,...


"La pedalate gravel sono uno strumento di allenamento, ma anche uno modo per staccare la spina, per allontanarmi dalle auto, per immergermi nella natura... mi aiuta a rilassarmi", afferma un Nathan Haas, sempre più innamorato della specialità. A fianco di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI