L'ORA DEL PASTO. L'ARGENTO MONDIALE DELLA "PARONA" GIOVANNA BONAZZI

NEWS | 25/06/2024 | 08:10
di Marco Pastonesi

Seconda ai Mondiali. Non in downhill, la specialità in cui vanta già due titoli iridati, ma in gelateria, la sua seconda vita. E ci è riuscita grazie ai gusti della sua terra, il Veronese: il gelato alla Sbrisolona del ristorante 12 Apostoli, il Bacio di Romeo e Giulietta e il Cappuccetto Rosso.


Giovanna Bonazzi, un sorriso caldo anche in un ambiente semifreddo, è la Parona del gelato, dove Parona sta per padrona in veneto ma anche come quartiere di Verona. Vent’anni fa (ieri la festa di compleanno) l’inizio dell’attività nella piazzetta del Porto. E adesso questo podio mondiale (dietro all’ungherese Adam Fazekas e davanti alla californiana Savannah G. Lee) nato dai punti accumulati in 11 anni di concorsi, con una selezione fra oltre 8mila colleghi, e soprattutto conquistato con intuizioni e curiosità, elaborazioni e ricerca. Come in quei tre gelati: “La Sbrisolona del 12 Apostoli è nata dalla ricetta della sbrisolona mantovana importata a Verona dalla moglie di Giorgio Gioco, Jole, con una spruzzata finale di Recioto bianco. Il Bacio di Romeo e Giulietta unisce la pastafrolla a S tipica di Bosco Chiesanuova con lo strato di semifreddo al cacao tipico del Bacio di Giulietta. Il Cappuccetto Rosso ha tre livelli: lo strato di semifreddo al croccante di mandorle fatto dalla veronese Saladine, lo strato alla pastafrolla della Val d’Illasi e la salsa di lampone che arriva dal Raldon”.


Gelati e ciclismo, una storia dolcissima. I corridori: da Paolo Fornaciari (il suo UltimoKilometro a Borgo a Buggiano) ai fratelli Mori (gelateria e yogurteria a San Miniato Bssso) e a Riccardo Riccò (la sua Chocoloco a Vignola). Gli sponsor: da Sanson (con Francesco Moser) a Gis Gelati (sempre con Moser) e Sammontana (con Moreno Argentin). Pioniere fra gli integratori (leggendario Bahamontes che, al Tour de France, primo in cima sul Col de Romeyère, mangiando un gelato aspettava l’ammiraglia – e il gruppo - per farsi sistemare la bici), il gelato continua a ispirare e motivare anche quei corridori diventati televisivi (Alan Marangoni per GCN Italia su YouTube in “Quanta fatica… per un gelato?”). Il Giro d’Italia ha omaggiato Pragelato, che sta quasi a metà strada fra Sestriere e Colle delle Finestre, mentre gelati rosa celebrano il Giro d’Italia, dal Ciokkolatte di Padova all’Harry’s 2 di Latina.

E’ il gusto del destino: il gruppo si screma lungo i tornanti, sul Gavia 1988 i corridori transitarono e sul Bondone 1956 giunsero congelati, al traguardo i vincitori sono celebrati con coppe e coppette (e così lo furono anche Coppi e Coppini). Si dice che i corridori più forti potrebbero essere al latte, certamente quelli sfiniti sono alla frutta. Quanti dubbi. Troppi gelati al caffè sono a rischio doping? E quante curiosità. Il pistacchio è il più apprezzato dai pistard? Giovanna Bonazzi, vicecampionessa del mondo, che monta la panna ma non si monta la testa, di certo lo sa.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


L'ultima tappa in linea della Grande Boucle numero 111 ha caratteristiche che ricordano quelle di ieri - chilometraggio contenuto e ben quattro gpm - anche se non si toccano i picchi altimetri del Vars e del Col de la Bonette....


Raffica di statistiche sulla diciannovesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 15: POGACAR EGUAGLIA CAVENDISH E SUPERA MERCKX Con la 15ª vittoria di tappa, Tadej Pogacar raggiunge Freddy Maertens al 12º posto della...


Due ore dopo le donne, sabato 27 luglio sullo stesso identico percorso verranno assegnate le medaglie della crono individuale maschile. Ricordiamo che il tracciato misura 32, 4 chilometri, parte e termina nel cuore di Parigi ed è completamente pianeggiante, destinato...


Sarà la prima medaglia in assoluto per il ciclismo ai Giochi Olimpici di Parigi 2024: la cronometro su strada femminile aprirà la corsa all'oro per il mondo delle due ruote. L'appuntamento è fissato per sabato 27 luglio alle 14.30: per...


Chi pensava o sognava l’impresa impossibile, affermando che il Tour era ancora aperto è servito. Che oggi Tadej Pogacar arrivasse solo era una sentenza già scritta. Infermabile. Imbattibile. Però sentiamo se anche Mario Cipollini è dello stesso parere. Cipo, che...


La Status 2 di Specialized non è una bici comune. Anche se riceve lo stesso livello di ingegneria delle nostre Stumpjumper o Epic,  la differenza sta nella sua intenzione. Progettata per essere semplice e pronta a tutto, la Status 2 offre prestazioni eccezionali...


Dopo il terzo posto conquistato ieri da Rachele Barbieri al termine della prima tappa in linea, le atlete italiane continuano ad essere protagoniste del Baloise Ladies Tour. Sul traguardo di Zulte, dove si è conclusa la tappa odierna, Sara Fiorin...


Matteo Jorgenson e Wilco Kelderman hanno avuto il via libera dalla squadra per andare a conquistare la tappa, ma di fronte ad uno straordinario Tadej Pogacar, i loro piani sono saltati nel finale. Lo statunitense della Visma-Lease a Bike fino...


Tadej POGACAR. 10 e lode. Incontenibile e impareggiabile Tadej. Luce abbacinante di un Tour e di un ciclismo sublime che lui sa sublimare come nessuno. Lassù dove osano le aquile, questo ragazzo con il ciuffetto e il sorriso di chi...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi