LONGO BORGHINI: «HO NEL CUORE LA MAGLIA TRICOLORE E QUELLA DELLA NAZIONALE, LA GARA AGGRESSIVA ERA NEI NOSTRI PIANI»

DONNE | 22/06/2024 | 17:30
di Giorgia Monguzzi

Dopo la lunga fuga che le ha consentito di riconfermarsi campionessa italiana Elisa Longo Borghini ha commentato: «Tengo particolarmente alla maglia di campionessa italiana e a quella della Nazionale. Oggi volevo fare bene assieme alle mie compagne della Lidl Trek e infatti abbiamo impostato una gara aggressiva, dopo il primo giro Elisa Balsamo mi ha detto di provare ad attaccare e così ho fatto. Me ne sono andata di forza e ho staccato tutte, sono riuscita a mantenere il vantaggio e a tagliare il traguardo da vincitrice»


Elisa Longo Borghini si è guadagnarsi la vittoria con forza e con la voglia di rivincita dopo il seocndo posto nella cronometro. Due giorni fa a Grosseto infatti, il titolo italiano contro il tempo le era stato strappato via a favore di Vittoria Guazzini per una decisione presa dalla giuria. E' proprio la neo campionssa italiana, subito dopo le premiazioni a spiegarci come la rabbia e la voglia di rivalsa l'abbiano spinta a dare il tutto per tutto. «Dopo la cronometro in cui sono stata declassata è stato difficile ripartire, mi sentivo di essere stata accusata di aver barato  non è stato affatto bello. Poi però ho parlato con mio marito Jacopo Moca che mi ha tranquillizzato dicendomi che non dovevo assolutamente abbattermi, ma ripartire. Così gli ho lanciato una sfida: nel caso fossi riuscita ad arrivare da sola avrei indicato alla moto di stare dietro ed è proprio quello che ho fatto. Sono felicissima, è un altro titolo italiano ma è ancora più speciale anche perché ad applaudirmi c’erano entrambi i miei genitori»


Dietro il successo di Elisa c’è però tutto un lavoro di squadra, una Lidl Trek fenomenale che ha preparato il terreno per l’attacco per la neo campionessa italiana. Tra le fila della squadra statunitense c’era anche una ritrovata Balsamo al rientro delle gare dopo più di un mese di stop.  «l’attacco è stato assolutamente preparato. Elisa Balsamo mi ha dato una grande mano e sono contenta che sia finalmente rientrata. Il suo rientro era però un’incognita, è stata lontana delle corse per molto tempo dopo un infortuno da cui ha recuperato con molta fatica- ha proseguito Elisa Longo Borghini -  Gaia Realini ed Ilaria Sanguineti sono state fantastiche perché mi hanno letteralmente lanciato e io non dovevo fare altro che sparare il mio colpo. Sapevo che non era facile riuscire a resistere in testa soprattutto nei tratti esposti al vento, ma ho cercato di mantenere dei Watt costanti soprattutto sugli strappi, ho fatto una specie di seconda cronometro. Sono felice e contenta di questa maglia e cercherò di godermela al meglio.

 

Ora per Elisa c’è davvero poco tempo per riposarsi, da lunedì infatti ripartirà in ritiro per prepararsi al meglio al Giro d’Italia a cui, per l’ennesima volta, sarà al via con la maglia tricolore.  

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Talento inarrivabile
22 giugno 2024 17:46 Arrivo1991
Bravissima,nonostante se ne parli troppo poco. Paternoster ennesimo flop, nonostante sia data in formissima. Appunto

Come Nibali
22 giugno 2024 20:01 rufus
Per lei vale quello che si diceva di Nibali: solo quando smettera' ci si accorgera' di quanto fosse grande. Ed e' esattamente cosi'.

Paternoster
22 giugno 2024 20:37 Tola Dolza71
Non credo che il percorso fosse adatto alla trentina, aspettiamo le olimpiadi e poi forse potremo giudicare una carriera abbastanza sfortunata causa incidenti e acciacchi vari.
Quest'anno mi sembra che senza malanni si sia cominciato a vedere qualcosa di molto interessante relativamente al suo potenziale

@ tola dolza
22 giugno 2024 22:43 Angliru
Conosci talmente bene il ciclismo, che ti sei perso che era data per favorita su questo percorso.
Non fosse per Balsamo ed Elisa, saremmo qui a contare zero su strada

X Angliru
23 giugno 2024 08:20 JeanRobic
Perché Paternoster doveva essere favorita?, Aveva appena detto di non essere in formissima per via dell'altura, certo alla Ride London era in forma e sprintava in faccia a Kopecky che vinse di un millimetro. Con Balsamo in condizione non ci sarebbe stata storia. Vero per le classiche abbiamo solo le due Elise, ovvio non abbiamo pi+ ad alti livelli Persico e Cavalli che sono in ritardo di condizione e forse una non tornerà più a gareggiare. Come giovani siamo messi bene, ho guardato gli altri campionati nazionali e sembravano delle sagre di paese, da noi in 40 a giocarsi la volata, non la vedrei così nera-

JeanRobic
23 giugno 2024 12:01 Angliru
Ma come ?? Ieri scrivevi che il ciclismo femminile e' piu' interessante e ( adesso) salta fuori che all'estero sembrano ' sagre di paese '. Resto della mia idea....e penso che visto cio' che scrivete sia cosi. Saluti

Cosa vuol dire
23 giugno 2024 20:53 JeanRobic
Ieri è stato un bel campionato nazionale, in altri paesi ho visto distacchi da corsa del prosciutto e lo ribadisco, ieri da noi ELB non ha vinto con 7'20 sulla seconda, questo non vuol dire mica sminuire il ciclismo femminile all'estero, che è avanti rispetto a noi per la base che è sicuramente più ampia in alcuni paesi e le strutture. Puoi dire quello che vuoi, non ho detto che non lo condivido in toto, ho detto che non condivido una visione così pessimistica.

1000 Euro di vergogna
24 giugno 2024 07:45 Giorgione
Altro che 1000 Euro totali, 1000 Euro a km di fuga, meriterebbe. Grande Elisa

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tadej POGACAR. 10. “Gna fà”, non ce la fa a regalar tappe. È un agonista e come tale si comporta. Non è qui per fare le pierre, è qui per vincere il Tour de France, a viso aperto. I saggi...


Ancora una volta UAE Development Team conquista una Top 5 e ancora una volta la velocista Sara Fiorin ha ottenuto un buon risultato. Dopo il terzo posto conquistato nella seconda tappa del Baloise Ladies Tour oggi è andata in scena...


In questo Tour de France non ce n'è per nessuno, anche sulle Alpi Marittime Tadej Pogacar (UAE) va a prendersi il suo trionfo vincendo l'ennesimo duello di questa edizione con Jonas Vingegaard (Visma Lease a Bike). A completare il podio della...


Dopo 17 anni è tornato il ciclismo dilettanti sul circuito collinare empolese di Corniola ed al termine di una gara selettiva con soli 23 arrivati sui 94 partenti, è stato il valdarnese di Incisa Matteo Regnanti ad aggiudicarsi il Gran...


La legge della salita è una sola: chi ha le gambe vince. E questa è anche la legge di Jarno Widar (Lotto Dstny Development) che a Champoluc si prende tappa e maglia gialla di leader. Il belga, già vincitore del...


Doppio colpo per Erazem Valjavec al Giro del Veneto juniores. Il figlio d'arte della Autozai Contri trionfa nell'arrivo in salita a Passo Croce d'Aune dove lo sloveno si scatena rifilando 40" ad Andrea Bessega (Borgo Molino Vigna Fiorita) e 43"...


Questa settimana Radiocorsa va in onda oggi, sabato 20 luglio, alle 18 su Raisport. Per celebrare due donne, due cicliste, che hanno fatto grande il movimento azzurro negli ultimi tempi. La piemontese Elisa Longo Borghini, con la sua vittoria al...


Era un pistard e con la maglia gialloblu della nazionale ucraina aveva partecipato a diverse edizioni dei campionati europei stabilendo anche dei record nazionali nel km da fermo e nella velocità a squadre. Andreyi Kutsenko aveva studiato all'università di Leopoli,...


Le lacrime e il lungo abbraccio con la moglie Trine: questa è l’immagine di Jonas Vingegaard dopo il traguardo a Isola 2000. Il danese che il Tour lo ha vinto già due volte, nella diciannovesima tappa si è arreso, ammettendo...


Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi