BLABLABIKE, GIANETTI: «POGACAR PIÙ FORTE DI VINGEGAARD ANCHE SULLE 3 SETTIMANE, MA TRA ERRORI E SFORTUNA...»

TUTTOBICI | 02/11/2023 | 08:12
di Nicolò Vallone

Vale di più la vittoria del Tour de France o quella del ranking UCI? Non lo sa neppure Mauro Gianetti, che però ha molte altre certezze: quella della sua UAE come "squadra globale in grado di vincere con 18 corridori diversi" e di un Pogacar "superiore a Vingegaard pure sulle tre settimane, ma bisogna riuscire a fare tutte le cose fatte bene come il danese"


Nell'intervista, a cura di Pier Augusto Stagi, si parla anche dell'impresa di aver diffuso il ciclismo negli Emirati Arabi Uniti. Da non perdere.


Oltre a Gianetti, l'altro protagonista della puntata 190 di BlaBlaBike è Alberto Volpi

Per ascoltare questo podcast CLICCA QUI o corri sul nostro canale Spotify.
Se non hai mai provato e non sai come fare, allora schiaccia il tasto qui sotto: è facile! 

Copyright © TBW
COMMENTI
Tra errori e sfortuna...
2 novembre 2023 08:36 seankelly
Come no! Ha ragione Gianetti. Senza errori e senza sfortuna, Pogacar più forte di Vingegaard. È così difficile ammettere che il danese negli ultimi 2 Tour è stato solamente e semplicemente più forte dello sloveno.

@seankelly
2 novembre 2023 10:03 Carbonio67
La penso come te. Ma guai a dirlo, perchè arrivano i nicknames che hanno visto il nulla alla Vuelta 2023. Tifosi da stadio

Gianetti
2 novembre 2023 11:48 Arrivo1991
Ma certo ! Si arriva secondi, e si e' piu' forti. Che Pogacar sia piu' completo, nulla da eccepire. Ma qui e' un continuo spot. Uae ha vinto cosa a parte Pogacar ? Si, la volatina di Molano alla Vuelta ( impresa, stando alla stampa!) e coppa Sabatini con Hirschi ( quello che era il favorito per il Lombardia stando a Fransoli) e poi ?!?

cambi squadra
2 novembre 2023 11:56 alerossi
in uae i tecnici pensano che pogacar possa fare tutto ed essere imbattibile. così non è perchè è umano come tutti. se vuoi le classiche perdi nei grandi giri, se vuoi i grandi giri perdi nelle classiche. è così semplice da capire, ma se i tecnici della uae non ci arrivano pogacar deve cambiare squadra al più presto. in uae lo stanno rovinando!!!

@ alerossi
2 novembre 2023 12:46 Arrivo1991
Rovinando e' una grossa affermazione, direi eccessiva visto che se tolgono i risultati di questo super corridore ( un fenomeno al pari di Vingegaard, Roglic,Mvdp e Van Aert), cosa hanno ? Direi ben poco. Ayuso e' una stella dal futuro luminoso, ma non puo' correre parallelamente a Pogacar.

Considerazioni
2 novembre 2023 14:00 italia
Intestardirsi con il tour per pogacar e' molto dannoso; ma ci vuole tanto a capire che per il 2024 punta a qualche classica di primavera e per i WT o il giro o la Vuelta? Non occorre essere laureati a Oxford per capire una cosa di semplice buon senso!

Ma va la
2 novembre 2023 14:36 Cicorececconi
Caro Gianetti, sono due anni che Vingegaard vince il Tour. Allora facciamo che chi vince non vince, ma vince che arriva dietro. Come se vincere un Tour fosse una cosa per caso.

Vingegaard e Pogacar
2 novembre 2023 15:15 marchetto
Da tifoso di Pagacar penso che dopo il primo Tour si poteva sostenere tale tesi, ma dopo quest'anno devo dire che anche se li prendiamo tutti e due al top, nei grandi giri è più forte Vingegaard. Poi possiamo guardare le sfortune, le squadre, i percorsi, le altre gare, ma il dato è quello. Da un certo punto di vista capisco anche Gianetti, è il "capo" della UAE non può non dare spazio e possibilità al suo campione, e deve tenere su l'ambiente, ma non può pretendere che gli altri se la bevano. Altro discorso sono le classifiche UCI, si dovrebbero rivedere i punteggi, perché secondo me i piazzamenti dal 10° al 20° non possono condizionare una classifica, quest'anno nel complesso la Jumbo è stata più forte.

A Pogacar é andata anche bene
2 novembre 2023 15:32 pickett
Sarebbe stato battuto anche due anni fa,lo sappiamo tutti,se Vingegaard non fosse caduto nella prima tappa di montagna.La mia impressione é che Pogacar abbia già toccato il vertice della carriera ,e abbia iniziato la parabola discendente.

Arrivo1991
2 novembre 2023 15:39 alerossi
Lo stanno rovinando perchè in salita non riesce a staccare tutti. A parte a inizio stagione (che sappiamo che è il migliore a trovare la forma fin da subito), poi emergono i limiti da metà stagione in poi. Il motivo è che viene mal gestito. Da quando ha iniziato a volere il fiandre è calato in salita, come normale che sia. E di corridori rovinati dalla uae ce ne sono tanti (uno su tutti aru), poi pogacar è un campione che si salva, ma lontano dalla uae potrebbe vincere di più.

Gianetti
2 novembre 2023 15:49 Luigi Rossignoli
Caro Mauro , ammettilo e gestito male!
Luigi

POGACAR
2 novembre 2023 17:13 Lorenzo G. 48
Pogacar ha la classe per vincere le corse in linea, infatti ne ha già vinte tre grandi su cinque per il 2024 deve concentrarsi su San Remo e Liegi poi provare giro e tour, meglio sarebbe giro e vuelta ma la UAE lo vuole assolutamente tour, vedremo...

Ineos
3 novembre 2023 05:30 kristi
Secondo me sarebbe l approdo perfetto per pogacar . Concordo appieno con chi ha scritto che in uae non sanno gestire i corridori, d altronde si stanno disimpegnamdo nel ciclismo... uaedq quasi smantellata e senza vittorie di rilievo ( così a memoria) uae che si libera di uomini squadra determinanti ( formolo e trentin su tutti) ma non pare sostituirli degnamente . Credo se arrivasse un offerta monstre(da ineos) potrebbero lasciar partire anche pogi, e per il ragazzo sarebbe un bene

Uae uaedq
3 novembre 2023 05:31 kristi
Mi riferisco alla stagione appena finita

Da simpatizzante di Pogacar
3 novembre 2023 16:25 Ale1960
Da simpatizzante Pogacar, dico al sig. Gianetti, che l'ha detta proprio grossa. Gli ultimi due tour hanno dimostrato la superiorità di Vingegaard, senza appelli. Che poi Pogacar sia più completo,questo è un altro discorso. Personalmente, consiglierei a Tadej, nei prossimi anni,di tentare di vincere Giro e Vuelta. Al Tour,finché Vingegaard e Jumbo sono così forti,potrà al massimo arrivare secondo. Anche perché, con il modo di correre che ha,non potrà durare per molti anni ancora.

@ale1960
3 novembre 2023 17:55 Arrivo1991
Finalmente uno che la dice per quello che è. A parte i vari Fransoli e nick accoliti (citazione), credo che chiunque si sta accorgendo che il modo di correre non è consono per durare qualche anno in piu'.Tadej è un fenomeno,ma deve essere gestito meglio.

Ma quale sfortuna?
3 novembre 2023 20:54 valter1971
Vingegaard ha meritato i 2 tour,nel 2023 con una superiorità imbarazzante è un corridore da grandi giri e forse qualche corsa di un giorno.Pogacar è più completo può vincere tutto,corse a tappe,classiche monumento però rischia di spremersi troppo e arrivare al tour meno fresco

Gianetti, Poga, arrivo91 e alter ego
3 novembre 2023 23:31 noodles
una delle cose più divertenti di questa pagina, peraltro sempre molto liberale, è vedere arrivo91 che dialoga con se stesso. E dire sempre le solite cose. Quanto a gianetti , persona che non mi ispira certo simpatia, non potrebbe certo dire il contrario....basterebbe capire qualcosa di sport e gestione dei campioni. E' il manager di una squadra dove c'è un fuoriclasse che punta a tutto e quasi tutto ha già vinto...Non è mica il manager di Mas o Vlasov...Durante la Vuelta i direttori della jumbo ad es. spergiuravano di un clima senza problemi nel team (ed è normale che così fosse). Appena è finita si è saputo dai corridori e loro stessi che proprio così non era...

Ma certo
4 novembre 2023 11:38 Arrivo1991
Te pareva che non risaltava fuori l'account che tirava fuori la Vuelta. Caro Noodles ( alias di altri alias ), quantomeno speravo che i mal di pancia fossero passati a distanza di mesi. Ma evidentemente il poster del vostro beniamino in camera, non basta a farvi passare il magone. Tra te e i tuoi soci di scrittura, siete gli unici a commentare pettegolezzi. E Mas, si chiama Maas, giusto perche' non sai nemmeno di chi parli. E Vlasov, non mi sembra uno tanto scarso. Ma per te e i tuoi soci, ovviamente basta prendere in giro chiunque. Vita grama che fate

@ noodles
4 novembre 2023 12:03 Albertone
Siamo su un sito, che rispetto ad altri ci permettere di commentare ( cit ). Questa cosa, la scrisse Fuga da Lontano. Stesso identico 'concerto'. Quantomeno, cambiare il modo di scrivere vi aiuterebbe. Per tua conoscenza, nessun corridore Jumbo Visma ha mai affermato di problemi. Ovviamente, questa tua affermazione e' stata fatta apposta. Perche' ? Perche' bruciano 3 gt in un anno. Questa e' la sola verita'.

Marchetto
4 novembre 2023 12:10 Buzz66
Se li prendiamo tutti e due al top Vingegaard è più forte. Sicuro? Una cosa del genere si potrà affermare SOLO quando entrambi faranno lo stesso calendario prima del Tour.
Fino a quel momento è un confronto impossibile.
Premetto che non tifo per nessuno dei due, ma li ammiro entrambi…

Era ovvio
4 novembre 2023 12:37 Cicorececconi
Si parla di Uae e doveva saltar fuori Noodles a sparacchiare sulla Jumbo. Ovviamente fuori tema

Kristi
4 novembre 2023 12:55 Buzz66
UAE senza vittorie di rilievo? Abbia pazienza, ma questa è veramente comica…o forse siamo arrivati al punto di pensare che il ciclismo siano SOLO TOUR, Giro e Vuelta?
Io penso di scrivere in un sito di appassionati di ciclismo, o sbaglio?

Maas
4 novembre 2023 13:04 titanium79
Quando lo scrissi alla Vuelta, il solito saccente del forum mi prese in giro. Oggi, riloggato come altri, riscrive Mas e non Maas. E comunque si parla di uno che fece podio alla Vuelta nel 2022 e quest'anno quinto. Informati

Si Sig.Mauro
4 novembre 2023 14:59 Angliru
Peccato che di 18 corridori, ne avete solo 1 che porta risultati. A volte mi chiedo, perche' si facciano certe dichiarazioni. Alzi la mano chi si ricorda un successo importante di questo team, escludendo Pogacar. Credo nessuno

Pogacar
4 novembre 2023 16:59 Àaaaaaa
Gianetti dice tante cose. A parte il fenomeno sloveno e Yates terzo al tour, io del suo team non ricordo nessun risultato degno di tal nome. Poi, veda lui

Pogi
4 novembre 2023 19:37 Giannisc
Fate correre il danese da febbraio ad ottobre e poi vediamo chi vince il tour.........meglio fare il protagonista per nove mesi che primeggiare per 21 giorni.....la uae fa benissimo....no pogi no party

giannisc
5 novembre 2023 10:54 alerossi
l'obiettività, quella sconosciuta. vingegaard ha primeggiato a febbraio in galizia, marzo 3° alla nizza, aprile primeggiato ai baschi, giugno al delfinato, luglio al tour e agosto/settembre alla vuelta. pogacar ha primeggiato da febbraio ad aprile e poi fino al lombardia nulla per 5 mesi, solo 2 tappe al tour.

@ giannisc
5 novembre 2023 11:27 Arrivo1991
Benvenuto tra i nuovi account ! Ottima scelta di nome. Ti consiglio leggere gli altri risultati di Vingegaard. Se riesci, scrivi con un altro nome. Grazie 1000

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dopo un avvio di Tour deludente, Jasper Philipsen ha ritrovato la giusta fiducia in se stesso e oggi a Pau, arrivo della tredicesima tappa, ha conquistato la sua seconda vittoria in questa Grande Boucle. «Abbiamo corso per l’intera giornata con...


A Pau, Wout van Aert  si è dovuto accontentare di un nuovo piazzamento. Quello di oggi è già il terzo piazzamento per il fiammingo della Visma – Lease a Bike che, dopo aver conquistato il terzo posto nella prima tappa...


Roglic che non parte, Ayuso che si ritira, Pogacar che fa la volata per il 9° posto, qualche spiffero in casa Uae, Van Aert che prende ancora il palo, Philipsen che fa doppietta. Mica male per essere alla vigilia della...


Jasper PHILIPSEN. 10 e lode. Si nasconde tutto il giorno, nonostante i ventagli non prende un refolo di vento, poi nel finale trova la posizione e non ce n’è per nessuno. Vittoria netta e pulita come poche. Oggi il 26enne...


Due giorni fa ad Urbino l’avevamo vista buttarsi in uno sprint finale contro Lotte Kopecky mettendosi alle spalle la campionessa del mondo. Oggi a Chieti Elisa Longo Borghini l’ha rifatto cogliendo un ottimo quarto posto e ribadendo che difficilmente mollerà...


Mille scatti, ventagli, inseguimenti, ribaltamenti di situazioni, accelerazioni continue: poteva essere una tappa tranquilla, la tredicesima del Tour de France, invece ci ha regalato un grande spettacolo e alla fine il secondo successo di Jasper Philipsen. Stavolta il belga della...


Era da mesi che Liane Lippert aveva perso il sorriso, o meglio, in questo 2024 non l’aveva mai veramente ritrovato. Una frattura da stress all’anca rimediata a fine 2023 aveva costretto la fuoriclasse tedesca ad una preparazione frammentata e a...


Siamo sempre pronti a focalizzarci sull’integrazione quando parliamo di ottimizzare le performance, ma c’è un fattore che troppo spesso trascuriamo,  ovvero l’idratazione. Lungo tutta la stagione e forse ancor più ora ed in qualsiasi sport voi pratichiate, una scorretta idratazione potrebbe abbattere in maniera...


Liane Lippert è tornata! Dopo un inverno ed un'inizio stagione piuttosto difficilie la tedesca del Team Movistar ha finalmente alzato le braccia al cielo prendendosi la sesta tappa del Giro d'Italia Women. La frazione dei muri che tutti si aspettavano poter...


Dopo aver ricaricato le batterie e aver rinfrancato condizione, morale e spirito di squadra nel training camp di Bormio, il team Polti Kometa torna a correre al Giro dell'Appennino: percorso identico all'anno scorso, quasi duecento chilometri da Novi Ligure a...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi