I PICCOLI BIG ALMENO RINGRAZINO IL CIELO CHE NIBALI HA 38 ANNI

GATTI&MISFATTI | 20/05/2022 | 18:06
di Cristiano Gatti

Non capisco ma mi adeguo, dicevano una volta in casa Arbore. Qui al Giro 2022 si va avanti così. Bisogna andare avanti così per forza, alternative non ce ne sono. Dicono tutti, sempre, in continuazione, che bisogna aspettare la terza settimana. E quando qualcuno vuole variare sul tema, comunque se ne parla per domani, non prima. E' un Giro così: bloccato sul nascere e mai più sbloccato. Aspettare, aspettare, aspettare: è l'unico verbo che passa il convento. Un verbo che fa rima con rimandare. Attaccare, osare, inventare, divertire non sono varianti contemplate.


Pura cattiveria, rinfacciare questo giudizio? Mancanza di rispetto nei confronti di chi comunque “tutti i giorni fa fatica in bici per ore”? Se così è, io sono pronto anche a scusarmi. Ma il fatto è che io amo visceralmente il Giro, che ho visto tanti Giri fantastici, e davanti a questo Giretto proprio non ce la faccio ad aspettare, aspettare, aspettare. Ovviamente mi riferisco ai giochi di vittoria, non certo ai Girmay e ai Van Der Poel e ai Lopez, ai Demare e ai Dainese e agli Oldani, che il loro lavoro l'hanno fatto alla grande. Dice Garzelli che nella prossima tappa di Torino succederà di tutto, perchè la stanchezza si farà sentire, e mi piace l'idea di dargli fiducia. A qualcosa bisogna aggrapparsi. Siamo abituati. Siamo allenatissimi. Ma siamo sempre lì: a puntare sulla prossima. Sì, domani.


Ovviamente non è a Cuneo che possiamo pretendere i grandi duelli. Parlo di bilancio complessivo. Riguardo e sfoglio il diario di viaggio e ritrovo solo una tappa in cui i favoriti hanno concesso qualcosa (pochino): Blockhaus. Altro? gli attacchi più feroci rimasti agli atti sono quelli del turacciolo di Jesi e della gastrite (di Bardet). I favoriti ormai fuori dai giochi sono saltati in proprio: Yates, Dumoulin, lo stesso Bardet. Il resto è zero, il resto è un fantasticare soltanto sulla terza settimana. Ma allora ditelo: la prossima volta tagliamo le prime due e facciamo un'altra Tirreno-Adriatico.

Guardiamo dalla finestra, guardiamo gli ascolti: ormai la pazienza del popolo è esaurita. Gli appassionati meritano di più e di meglio. Il Giro in sonno dei big è durato anche troppo. Fuori i secondi, direbbero sul ring. Fuori i minuti, aggiungeremmo noi della bicicletta. Almeno a Torino vedete di inventarvi qualcosa: quelli che vi vedete vicino non sono compagni di merende, sono avversari da staccare. Dice niente questa parola?

E già che ci sono, mi sembra il momento di dirla tutta, fino in fondo, fuori dai denti: l'impressione più chiara, finora, è che questi cosiddetti favoriti debbano almeno accendere un cero da qualche parte, come fervido gesto di ringraziamento per la grazia ricevuta. La grazia di ritrovarsi Nibali a 38 anni. Se questa bella gente si fosse ritrovato anche solo quello dei 34-35, sarebbe tutto un altro film. Forse parlo da tifoso, ma non sbaglio di molto.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Nel 2020...
20 maggio 2022 19:29 seankelly
Nibali aveva due anni in meno e allora, più di adesso, dopo vari ritiri, la già poco qualificata lista di favoriti si ridusse all'osso, eppure Vincenzo mi sembra che non vinse il Giro

Manchera'
20 maggio 2022 22:14 Carbonio67
Manchera' tantissimo questo campione in gruppo

X puntualizzare
20 maggio 2022 22:29 lupin3
A ottobre 2020 Nibali aveva quasi 36 anni, mentre a maggio 2019 ne aveva 34 e mezzo e ha fatto l'ultimo dei suoi 11 podi in giri di tre settimane. Ma sappiamo che Valverde é meglio....

...poi andò anche al Tour e vinse una bella tappa
21 maggio 2022 07:34 Claudio ì67
...e nel 2018 (34 anni), senza l'incidente all'Alpe d'Huez...(ma ora poi ci saranno quelli che inizieranno con le cadute degli altri, bla bla bla)

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach