VUELTA A BURGOS. ANCORA GRANDI ITALIA CON MATILDE VITILLO

DONNE | 20/05/2022 | 15:56

Lo straordinario 2022 del ciclismo femminile italiano continua e soprattutto porta alla ribalta nuovi nomi. Oggi gli applausi sono per Matilde Vitillo, portacolori della Bepink; che ha vinto la seconda tappa Vuelta a Burgos, la Sasamón - Aguilar de Campoo di 129 km.


E' arrivata sulle strade della Spagna la prima, bellissima, vittoria stagionale di Matilde Vitillo. La piemontese classe 2001 è tornata ad alzare le braccia al cielo imponendosi nella volata ristretta delle fuggitive che ha chiuso la seconda tappa della Vuelta a Burgos Feminas (2.WWT), portando anche a quota sette i successi di BePink.


Il tracciato numero due della prova World Tour iberica (128 km da Sasamón ad Aguilar de Campoo, con due Gran Premi della Montagna intermedi) ha, decisamente, sorriso al coraggio della ventunenne astigiana, brava a inserirsi nell'azione rivelatasi, poi, decisiva.

Dopo 40 km di corsa si è formato un gruppetto d’avanscoperta comprendente, oltre a Vitillo, anche la compagna Nora Jenčušová e altre cinque atlete che, grazie al comune accordo, è riuscito a prendere il largo e a ritagliarsi un vantaggio massimo di oltre sette minuti.  

Nonostante la fortissima rimonta del plotone nelle fasi finali, il drappellino ce l'ha fatta ad arrivare a ridosso della linea bianca con un gap di pochi secondi, ma sufficiente a far sì che Vitillo potesse agguantare con uno sprint magistrale il gradino più alto del podio.

A completamento dell'ottima giornata di BePink è arrivata anche la quinta posizione di Jenčušová. 

“E’ una gioia indescrivibile! Confesso che non me l’aspettavo!” Ha detto Vitillo. “Mi sono inserita nella fuga per provare ad accumulare punti per la maglia dei GPM e non pensavo che saremmo riuscite ad arrivare. Quando ci hanno detto che il vantaggio era corposo, ci ho creduto, ma ai meno 10 km ci era rimasto solamente un minuto e, allora, ho detto a me stessa: ‘è finita’. E invece no. Nel finale mi sono buttata, ho pensato due secondi e ho agito in uno. E’ stato tutto velocissimo, fantastico. Ho realizzato di aver vinto quando sono arrivati tutti a complimentarsi con me. Ci vorrà un po’ per rendermi conto che è successo davvero! La vittoria ha sempre un bel sapore, ma quando non te la aspetti te la godi molto di più!”

"Siamo veramente felicissimi" ha detto la DS Sigrid Corneo. "Matilde è stata eccezionale e quella che ha conquistato è davvero una vittoria ‘di peso’. Riuscire a vincere una corsa è sempre importante ed emozionante, ma farlo in una gara World Tour è ancora più bello e prestigioso. Tutto è andato secondo i piani, e anche meglio. Le ragazze, infatti, sono state brave e hanno seguito alla perfezione le indicazioni date nella riunione tecnica. Una volta in fuga, come ci eravamo dette, se la sono giocata. Questo risultato ci voleva proprio ora affronteremo le ultime due tappe con ancora più entusiasmo e determinazione. E, naturalmente, proveremo a toglierci qualche altra bella soddisfazione!”

La Vuelta a Burgos Feminas si concluderà domenica 22 maggio sul tradizionale traguardo di congedo di Lagunas de Neila.


ORDINE D’ARRIVO

1     Vitillo Matilde         BePink     03:17:58   
2     Buijsman Nina         Human Powered Health     + 00   
3     Vieceli Lara         Ceratizit-WNT Pro Cycling     + 00   
4     Villalon Aranza         Eneicat-RBH Global     + 00   
5     Jencusova Nora         BePink     + 01   
6     Ducuara Jennifer         Colombia Tierra de Atletas     + 01   
7     Colje Maaike         Massi Tactic Women's Team     + 01   
8     Kopecky Lotte         Team SD Worx     + 07   
9     Norsgaard Emma         Movistar Team     + 07   
10     Dronova Tamara         Roland Cogeas Edelweiss Squad     + 07   

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach