VAN AERT E LA VOGLIA DI VINCERE DI TUTTO E DI PIU'

PROFESSIONISTI | 23/01/2021 | 09:50
di Francesca Monzone

Wout Van Aert in Spagna si sta godendo la bella stagione con la sua Jumbo-Visma, prima di tornare in Belgio e affrontare il Mondiale ad Ostenda. Il 2020 si è concluso con tanti successi per lui, ma il nuovo anno sembra essere già più ricco.


Il fiammingo è diventato padre per la prima volta, ha firmato un ricco contratto con la sua squadra e adesso è pronto per la sfida finale con Mathieu Van der Poel.
Vuole vincere e tanto Van Aert, ma vuole farlo con intelligenza, senza replicare gli stessi successi, dimostrando di essere un corridore capace di vincere su più terreni.


«Voglio essere un corridore versatile - ha detto il belga - e il mio obiettivo in carriera è di avere un palmarès con molte cose diverse».
L’incredibile Wout, ha già mostrato le sue straordinarie doti. Ha vinto Strade Bianche e Milano-Sanremo, due corse molto diverse, poi lo abbiamo visto al Tour mentre lavorava per Roglic. Il fiammingo va forte su qualunque terreno, e anche nelle prove a cronometro ha dimostrato tutta la sua potenza.
«Ho vinto negli sprint di gruppo e anche nelle prove a cronometro, spero anche di vincere gare a tappe brevi in ​​futuro e penso di essere quel tipo di corridore, che un giorno potrebbe vincere la maglia verde al Tour».

Sono tanti gli obiettivi che Van Aert ha nella sua testa: Classiche, Mondiale e anche l’Olimpiade. L’importante, per lui è non ripetersi. «Per me ha più valore avere tante corse diverse in bacheca che cinque vittorie nella stessa gara. Quando ho ottenuto una determinata vittoria, mi piace concentrarmi su gare che non ho ancora conquistato. Per questo motivo, la maglia verde sarà uno dei principali obiettivi da prendere in considerazione nei prossimi anni».

Il 2021 sarà un anno speciale, perché c’è un Mondiale in Belgio perfetto per lui, ma anche una cronometro alle Olimpiadi che potrebbe essere alla sua portata. C’è il Mondiale di ciclocross a fine mese e potrebbe essere l’occasione per conquistare un’ultima volta la maglia iridata, prima di dedicarsi completamente alla strada.
«La maglia verde non è qualcosa che puoi prendere con calma, devi lavorarci ogni giorno. Nel 2021 mi concentrerò forse sulle vittorie di tappa e, si spera, sulla prima maglia gialla. Con tre prove a cronometro il Tour è anche una buona preparazione per le Olimpiadi, dove la prova a cronometro potrebbe essere una grande occasione per me. Forse la maglia verde potrebbe diventare un obiettivo per il 2022. Vedremo cosa succederà con le Olimpiadi».

Prima di arrivare all’appuntamento olimpico, per il campione belga ci sono tante da gare da affrontare. Il suo esordio sarà a Strade Bianche, poi Tirreno-Adriatico e Milano-Sanremo. Tornerà poi in Belgio per la E3 Classic, Gent-Wevelgem, Giro delle Fiandre e Parigi-Roubaix. La stagione per Van Aert ripartirà con il Delfinato per arrivare subito dopo al Tour de France. Ci sarà quindi la corsa alle Olimpiadi. Il finale di stagione sarà con il Tour of Britain per preparare il Mondiale.

Van Aert è tornato a parlare anche del contratto prolungato con la Jumbo Visma. «Nel 2019, quando sono arrivato in squadra, avrei potuto firmare un contratto anche di 4 anni. Poi ho pensato che forse era un periodo troppo lungo, non conoscevo ancora il team, non sapevo se avrebbe funzionato per me quella situazione. Adesso quella preoccupazione è del tutto scomparsa. È bello avere certezze per così tanto tempo, i miei anni migliori devono ancora arrivare e so che li affronterò con questa squadra».

foto credit: @BettiniPhoto

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ogni giorno che passa Davide Ballerini si afferma sempre più ad altissimi livelli. Alla Omloop Het Nieuwsblad ha seguito gli attacchi nelle fasi concitate di gara e poi ha stravinto in volata la corsa, regolando un gruppo di circa 50...


Vincitore di prestigio per l’UAE Tour. Tadej Pogačar, re del Tour de France 2020, ha conquistato la corsa a tappe World Tour emiratina, regalando una grande gioia ciclistica alla propria squadra e agli appassionati sportivi degli Emirati Arabi Uniti. Lo sloveno...


Poderoso spunto del ventenne Tommaso Nencini e ciclismo fiorentino in trionfo nella 34^ Firenze-Empoli la classica di apertura della stagione per i dilettanti Under 23 in versione record per società presenti (31) e per numero di partenti (200), dal Piazzale...


David Gaudu si va affermando sempre più come capitando della Groupama FDJ e non è un caso che sia proprio lui a regalare il primo successo stagionale alla sua squadra. Gaudu ha vinto infatti la Faun Ardeche Classic superando allo...


Volata poderosa di Davide Ballerini alla Omloop Het Nieuwsblad 2021. La corsa si è conclusa un po' a sorpresa con uno sprint di 50 corridori, dominato dall'italiano della Deceuninck-QuickStep, con Jake Stewart (Groupama-FDJ) secondo e Sep Vanmarcke (Israel Start-Up Nation)...


Davide Persico, 19enne bergamasco di Cene, ha vinto la 97sima edizione della Coppa San Geo-Trofeo Caduti Soprazocco gara di apertura del calendario italiano dei dilettanti, partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Vito di Bedizzole dopo 150 chilometri...


La graziosa e acculturata Erica Magnaldi ha vinto con grande merito la prima edizione del Trofeo Città di Ceriale riservato alle ragazze elite. Erica, classe 1992, laureata in medicina, ha battuto allo sprint la compagna di fuga Debora Silvestri, emergente...


È Caleb Ewan a portarsi a casa il successo nella tappa conclusiva dell'UAE Tour, la Yas Island Stage. Perfettamente supportato dalla sua Lotto Soudal, il velocista australiano ha letto benissimo la corsa, ha sfruttato la scia di Bennett sul rettilineo...


È trascorso qualche giorno, la rabbia si è tramutata in riflessione ma delusione e amarezza non si placano, soprattutto di fronte a quella che viene considerata una ingiustizia sportiva. E allora la Androni Sidermec affida i suoi pensieri ad una...


Tra i tanti messaggi ricevuti dal Presidente FCI, Cordiano Dagnoni, spicca anche quello del Direttore del Tour de France Christian Prudhomme. Il numero uno francesce (così come molte autorità internazionali) ha voluto far pervenire a Dagnoni il suo messaggio di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155