URSKA E TADEJ. «LA NOSTRA VACANZA? IN BICICLETTA!»

PROFESSIONISTI | 25/11/2020 | 08:15
di Francesca Monzone

La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno trascorrendo un ultimo periodo di vacanza prima di riprendere la preparazione per la prossima stagione.


Alla televisione slovena Tadej ha raccontato questi ultimi giorni di svago. Belli e pronti a conquistare il mondo, lui a 22 anni è il secondo corridore più giovane della storia ad aver vinto il Tour de France, lei invece di anni ne ha 24 e ha corso con la Alè BTC Ljubiana e il prossimo anno la vedremo con i colori della Mitchelton Schott.


I due campioni sloveni, prima di tornare al lavoro con le loro squadre, si sono concessi un periodo di vacanza in Stiria tra Austria e Slovenia, dove l’inverno è già arrivato.

«Urška e io ci stiamo prendendo un po 'di freddo. E’ ancora troppo caldo a Monaco e noi siamo abituati a temperature più basse alla fine della stagione» spiega Tadej.

Ma per Pogačar stare senza bici è impossibile e così lui e la sua Urška hanno passato le loro vacanze in bicicletta, godendosi in primi freddi accompagnati dal sole. «Ci sono corridori che non riescono mai a staccarsi completamente dalla bici, anche nel periodo di vacanza: Urška ed io siamo proprio così. Abbiamo trascorso solo sei giorni senza bici quest'anno, siamo andati al caldo di Dubai. Ci sono anche corridori che si fermano completamente per tre o quattro settimane, ma per noi sarebbe impossibile.Mi piace essere sempre attivo, anche durante i periodi di pausa se mi fermassi completamente lo shock sarebbe troppo grande nel momento idi riprendere».

Dopo il Tour il campione della UAE Emirates si era preso un piccolo momento di vacanza in Slovenia insieme alla sua fidanzata e la bici ha sempre avuto un ruolo fondamentale nei giorni lontano dalle gare. «A fine settembre ho fatto una breve vacanza a Bovec e naturalmente avevo una bicicletta con me. Urška e io abbiamo fatto piccole passeggiate, andando un po’ in giro, ma davvero niente di eccessivo. Perché il mio preparatore mi aveva detto di staccare dalla bici per un po’ e così ho fatto riposare testa e gambe. Non riesco mai a stare completamente senza bici, quindi non saprei neanche come passare l’intera giornata se non dedicassi un po’ di tempo alla mia più grande passione».

Pogačar è cresciuto a Klanac vicino a Komenda, mentre Urška è nata a Slovenska Bistrica: a farli conoscere è stata la passione per il ciclismo e sempre di più lei sta diventando un punto di riferimento per Tadej, tanto che le loro lunghissime telefonate sono note a tutti in carovana.

«Penso spesso ad Urška nei momenti veramente difficili. Ognuno deve trovare il proprio movente, penso che funzioni come un conto alla rovescia. Molte volte penso a lei, soprattutto quando le tappe sono davvero lunghe».

Mentre Tadej era al Tour de France, anche Urška era impegnata con le corse e i risultati della Grande Boucle le venivano dati dalla sua ammiraglia. Alla fine di ogni tappa, per la coppia slovena c’era la normalità e quei momenti solo per loro, dove parlavano della corsa ma anche di altro per liberare la mente dall’impegno agonistico.

«Urška ha avuto un ruolo fondamentale durante la corsa, mi faceva stare bene e pensare ad altro e questo era quello di cui avevo bisogno e lei lo aveva capito da sola, è stata veramente formidabile».

Poco più che ventenni, i due talenti cercano di stare lontani solo durante le gare e appena possibile tornano a Monaco dove abitano, oppure in Slovenia dove ci sono le loro famiglie. Sono semplici nel loro quotidiano, guardano serie televisive sul divano, oppure mentre lei suona la chitarra, lui gioca con la playstation. La coppia più seguita del ciclismo al termine di questa vacanza riprenderà l’attività e ognuno seguirà la propria squadra.

«Siamo abituati a questo stile di vita e ognuno rispetta il lavoro dell’altro. Insieme funzioniamo bene perché ci comprendiamo, lei è il mio supporto e il mio punto di riferimento e io lo sono per lei».

 

Ricorda di seguirci su Instagram

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Nazionale di ciclocross, guidata dal CT Fausto Scotti, si misurerà sul tracciato belga (Ostende) per la rassegna iridata 2021, in programma sabato 30 e domenica 31 gennaio, nonostante le difficoltà organizzative dettate dal momento pandemico che stiamo vivendo: “Noi...


Due righe scarne di comunicato per un annuncio triste: «La situazione sanitaria dovuta alla pandemia da Covid19 ci costringe a rinviare l'organizzazione della Vuelta Ciclista a la Región de Murcia - Gran Premio Banco Sabadell, in programma nei giorni 12...


Ancora un tragico incidente, ancora un giovane ciclista che perde la vita sulle strade mentre insegue i suoi sogni in sella alla bicicletta. La Federazione Colombiana di Ciclismo ha annunciato la morte di Daniel Pedraza Castillo, giovane talento cresciuto alla...


È un bel bilancio quello che si porta a casa dalla Vuelta al Tachira in Venezuela l’Androni Giocattoli Sidermec. Due vittorie di tappa, altri tre podi di giornata e una speciale classifica. «Missione compiuta. Rientriamo dalla trasferta in Venezuela con...


Soluzione in extremis per il caso Coni. Il Consiglio dei Ministri, che si è riunito questa mattina per formalizzare le dimissioni, che come ultimo atto ha approvato il decreto legge sull’autonomia del Coni.Decisiva la proposta presentata dal presidente Conte dopo...


Lo smart working vi sta facendo impazzire? Potrebbe trattarsi di fatica mentale. Andrea Bosio, responsabile del settore ricerca scientifica del Centro Mapei Sport di Olgiate Olona (Varese) ci spiega che cos'è e come è stata studiata. GUARDA IL VIDEO In...


Dylan Groenewegen ha rivelato di aver ricevuto lettere minatorie e pesanti minacce nei giorni successivi al suo rientro a casa dalla Polonia, dopo l’incidente nel quale è rimasto coinvolto - per una grave scorrettezza dello stesso Groenewegen - il suo...


Solidità, efficienza e cooperazione: sono questi i princìpi cardine del Gruppo Cassa Centrale, che fonda le sue radici in un percorso iniziato più di 40 anni fa, nel 1974, con la nascita di Cassa Centrale delle Casse Rurali Trentine S.p.A., una banca di...


Nelle Fiandre si può pedalare 365 giorni all’anno e non è certo una affermazione gratuita: gare da guardare, prove amatoriali a cui partecipare, percorsi nel mito e strade in pavé sempre disponibili. Il clima? Fa parte dell’esperienza: i veri flandrien non si fermano mai,...


Se si vanno a guardare le foto dei podi dei vari campionati nazionali femminili del 2020, si noterà una netta prevalenza di maglie delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia. L’ultimo in ordine temporale è stato quello di Alice...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155