PONTE DI LEGNO, UNA SERATA CON IL BARTALI MENO CONOSCIUTO

NEWS | 04/08/2020 | 11:55

Il Gino Bartali meno conosciuto è stato protagonista della serata di apertura di “Una montagna di cultura…la cultura in montagna”, rassegna organizzata da Pontedilegno-MirellaCultura con la collaborazione di Pro Loco e Biblioteca Civica Dalignese. Dopo la tre giorni di PontedilegnoPoesia, è così toccato allo sport inaugurare il ciclo di incontri, conferenze, dibattiti e concerti che accompagneranno l’estate di residenti e villeggianti nella località turistica dell’Alta Val Camonica.

Con Paolo Costa, giornalista varesino che non si occupa di sport (è direttore del servizio stampa del Consiglio regionale lombardo) ma ama lo sport e in particolare il ciclismo, più che del Bartali sportivo ovvero il Bartali campione, si è parlato dell’uomo, delle sue gesta tenute sottotraccia, quelle che post mortem gli sono valse un posto nel Giardino dei Giusti a Gerusalemme e la medaglia d’oro conferita alla memoria dall’allora Presidente della Repubblica Ciampi: Gino che, sfruttando anche la sua fama di campione, faceva la staffetta fra Firenze e Assisi e fra Firenze e Genova per portare documenti e denaro che potevano salvare ebrei e tante altre persone dai rastrellamenti; Gino terziario francescano (con quella veste ha voluto essere sepolto); Gino che non mollava mai, sempre pronto ad arrivare al traguardo, qualunque esso fosse.

Secondo Costa, autore del primo dei tanti libri scritti sul campione toscano dopo la sua morte avvenuta nel 2000, “la guerra ha portato via a Bartali gli anni migliori” perché fra il 1935 e il 1942 “era il n.1 al mondo”. Poi, nel dopoguerra, è arrivata l’epopea di Fausto Coppi ma anche una forte rivalità non si sa quanto reale e quanto costruita. Le immagini hanno proposto alcuni momenti ben noti di questa rivalità, come il passaggio fra i due “rivali” della famosa borraccia (meglio, bottiglia) durante il Tour. “La rivalità – ha detto Paolo Costa – faceva comodo a tutti. In realtà penso che fossero amici”. Tanto che, quando la carriera di Coppi volgeva al termine, Bartali lo volle alla San Pellegrino di cui era direttore sportivo.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Festa grande, questa sera, nel ritiro della nazionale femminile per il bronzo conquistato da Elisa Longo Borghini. Una fetta di torta, un brindisi e un grande applauso ma... senza esagerare perché mercoledì c'è la Freccia Vallone e la stagione è...


In tre giorni Anna van der Breggen ha conquistato due maglie iridate. Dopo essersi aggiudicata il campionato del mondo a cronometro giovedì, è tornata ad alzare le braccia al cielo all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola imponendosi oggi...


A Imola questa mattina c’è stata la consueta conferenza con il presidente dell’UCI David Lappartient affiancato dal presidente della Federciclismo Renato Di Rocco. Tre i temi affrontati dal numero uno del ciclismo mondiale: il doping, la sicurezza e il cattivo...


Il nemico più infido e subdolo è ancora tra noi, lo sapete bene tutti, e non bisogna abbassare la guardia. Anzi, bisogna... alzare la mascherina. Lo spiega bene anche Valerio Agnoli in un breve filmato realizzato per la Regione Lazio...


Un grazie a tutte le sue ragazze e quella medaglia al collo che ha un sapore tutto speciale. E’ un bronzo diverso questo che da, ad Elisa Longo Borghini, certezze per il futuro, per essere lei, un domani, ad avere...


Dopo il titolo nazionale e quelli europei e mondiali a cronometro (e quello al Giro Rosa, tanto per gradire) Anna Van der Breggen mette in cascina in questo fantastico 2020 la vittoria ai Mondiali in linea femminili nell'Autodromo Enzo e...


Dopo aver conquistato il decimo titolo italiano tra le Donne Elite (29 in totale in carriera) Eva Lechner sarà impegnata in Coppa del Mondo MTB da martedì 29 settembre a domenica 4 ottobre a Nove Mesto nella Repubblica Ceca. Con...


Arrivano buone notizie per Remco Evenepoel. Venerdì, infatti, gli esami svolti all'ospedale AZ di Herentals hanno mostrato che il recupero di Remco Evenepoel dalla frattura pelvica sta procedendo nella giusta direzione. Finalmente il belga non ha più bisogno delle stampelle...


Filippo Baroncini, 20 anni del team Beltrami TSA Marchiol, ha vinto la gara nazionale di San Michele di Paive, nel Trevigiano, valida per il 27simo Memorial Polese per elite e under 23. Il corridore ravennate ha preceduto il tricolore a...


Il quartetto juniores del Friuli Venezia Giulia ha conquistato il titolo italiano dell'Inseguimento a squadre al velodromo Ottavio Bottecchia di Pordenone. Nella finale, Manlio Moro, Alessio Portello, Alessandro Malisan, Bryan Olivo e Jacopo Cia, quest'ultimo impiegato nelle qualifiche, hanno superato...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155