LINEA VERDE. GIOSUE' EPIS SOGNA LA SANREMO

JUNIORES | 25/01/2020 | 07:40
di Danilo Viganò

Giosuè Epis, classe 2002, è bresciano di San Paolo, denominazione attribuita in onore del pontefice locale Paolo VI. Al primo anno fra gli Juniores, Giosuè si è trovatio subito a suo agio. L'anno scorso tre successi: Montichiari, Visano e la seconda tappa al Tour de Gironde, in Francia, che ha disputato con la rappresentativa della Lombardia, dove ha superato il talento spagnolo Carlos Cano Rodriguez che ha già fatto il salto tra i professionisti con il Team Ineos. "Vinco la volata del gruppo, il successo più bello, più emozionante, più importante".

Con la maglia azzurra della Nazionale Italiana ha disputato invece il Trofeo Centre Morbihan prova della Nations Cup. Epis è veloce, si definisce un passista-veloce, si piazza terzo all'internazionale Trofeo Comune di Vertova dietro Trainini e Persico, e tre volte secondo: a Bedizzole, Calderara di Reno e Castenedolo. Giosuè si butta nelle corse perchè è la sorella maggiore, Silvia, che ha corso prima di lui (ha vinto un tricolore nella velocità a squadre in pista, ndr) ed ora è direttore tecnico del Settore Giovanile Nazionale, a trasmettergli la passione. Il padre Giambattista è agricoltore, la madre Cristina benzinaia a San Paolo. Epis studia meccanica all'Istituto Tecnico "Pascal" di Manerbio, e anche per questa stagione difenderà i colori del team Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco di Sarezzo, diretto dall'ex professionista Giambattista Bardelloni. E' fidanzato con una ciclista, Giorgia Ruffo Stefanini, sedicenne di Gussago, chiamata all'esordio tra le juniores nella Racconigi Cycling Team.

Cosa ne pensi del momento del ciclismo italiano?
«Questo non è uno dei momenti migliori, ma non possiamo lamertarci».

A quale età hai cominciato a correre?
«Dalla categoria G1 per lo Sprint Ghedi, avevo una bici MZBike rossa».

Il più forte corridore di tutti i tempi?
«Eddy Merckx, perchè ha vinto tutto quello che c'era da vincere».

Segui altri sport con la stessa passione del ciclismo?
«No, però mi piace il calcio».

I tuoi peggiori difetti?
«Sono un pò testardo».

Il tuo modello di corridore?
«Il francese Julian Alaphilippe».

Cosa leggi preferibilmente?
«Giornali e quotidiani».

Cosa apprezzi di più in una donna?
«La simpatia».

Sei social?
«Poca cosa».

Cosa cambieresti nel ciclismo di oggi?
«Darei la possibilità a più corridori di poter emergere».

Piatto preferito?
«Brodo con il pane».

Hobby?
«Macchine e moto d'epoca, ho una Vespa anni ’50 di mio nonno».

La gara che vorresti vincere?
«Milano-Sanremo».

Televisione, cinema o teatro?
«Cinema, i film comici e biografici».

I ragazzi di oggi con quelli di ieri: le differenze?
«Una volta si stava meglio, i rapporti erano più umani».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Anna Van der Breggen è abituata apodi e maglie importanti ma l'emozione risce sempre a far capolino sul suo volto: «È davvero bello essere qui e poter correre il mondiale: anche se c’è meno gente lungo le strade e al...


Ci sono "progressi significativi" nelle condizioni di Alex Zanardi, a fronte dei quali "i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi". E' quanto afferma una nota dell'ospedale San Raffaele...


Vittoria Bussi sorride al termine della sua fatica mondiale e spiega: «Il vento si è fatto sentire, vi assicuro che la prima parte sembrava interminabile. È stato molto bello, a 33 anni mi emozione ancora come una bambina. Ero tesa,...


Anna Van der Breggen è la nuova campionessa del mondo della cronometro e aggiunge un'altra perla alla sua collezione di vittorie. L'olandese, fresca vincitrice del Giro Rosa, ha preceduto la svizzera Reusser e l'altra olandese Ellen Van Dijk. Miglior azzurra...


Bruttissima caduta per la statunitense Chloe Dygert nel corso del campionato mondiale a cronometro. In netto vantaggio su tutte le avversarie all'intermedio, Dygert è stata inquadrata dalla regia televisiva mentre perdeva letteralmente il controllo della bicicletta impostando una curva -...


L’origine del mito dipende spesso da un luogo, un luogo che può anche diventare magia per un appassionato. È cosi che il nuovo gruppo gravel Campagnolo Ekar™, il più leggero al mondo, prende il nome dal Monte Ekar, una cima...


È uno dei talenti più puri del nostro ciclismo giovanile: Antonio Tiberi sta confermando anche tra gli Under 23 le belle cose che aveva fatto vedere tra gli juniores. E domenica ha firmato un capolavoro imponendosi nell'internazionale Trofeo città di...


Potrebbe essere una rivincita della Milano-Sanremo. Così gli analisti di Stanleybet.it vedono i campionati mondiali di ciclismo su strada, in programma domenica sul circuito di Imola, con partenza e arrivo nell’Autodromo. I favoriti sono infatti Wout van Aert e Julian...


Nuovo acquisto per la Cofidis in vista della stagione 2021: arriva infatti il ventinovenne scalatore spagnolo Ruben Fernandez che sarà un punto di riferimento importante per Guillaume Martin. Fernandez ha vinto il Tour de l’Avenir nel 2013 e poi nella...


Un grave lutto ha colpito Ivano Paleari, presidente del team dilettantistico Named Rocket. E' scomparso il padre Maurizio, di anni 71 (li aveva compiuti il 3 settembre). Era in cura presso il Policlinico di Monza. Nulla però lasciava presagire un...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155