LINEA VERDE. GIOSUE' EPIS SOGNA LA SANREMO

JUNIORES | 25/01/2020 | 07:40
di Danilo Viganò

Giosuè Epis, classe 2002, è bresciano di San Paolo, denominazione attribuita in onore del pontefice locale Paolo VI. Al primo anno fra gli Juniores, Giosuè si è trovatio subito a suo agio. L'anno scorso tre successi: Montichiari, Visano e la seconda tappa al Tour de Gironde, in Francia, che ha disputato con la rappresentativa della Lombardia, dove ha superato il talento spagnolo Carlos Cano Rodriguez che ha già fatto il salto tra i professionisti con il Team Ineos. "Vinco la volata del gruppo, il successo più bello, più emozionante, più importante".

Con la maglia azzurra della Nazionale Italiana ha disputato invece il Trofeo Centre Morbihan prova della Nations Cup. Epis è veloce, si definisce un passista-veloce, si piazza terzo all'internazionale Trofeo Comune di Vertova dietro Trainini e Persico, e tre volte secondo: a Bedizzole, Calderara di Reno e Castenedolo. Giosuè si butta nelle corse perchè è la sorella maggiore, Silvia, che ha corso prima di lui (ha vinto un tricolore nella velocità a squadre in pista, ndr) ed ora è direttore tecnico del Settore Giovanile Nazionale, a trasmettergli la passione. Il padre Giambattista è agricoltore, la madre Cristina benzinaia a San Paolo. Epis studia meccanica all'Istituto Tecnico "Pascal" di Manerbio, e anche per questa stagione difenderà i colori del team Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco di Sarezzo, diretto dall'ex professionista Giambattista Bardelloni. E' fidanzato con una ciclista, Giorgia Ruffo Stefanini, sedicenne di Gussago, chiamata all'esordio tra le juniores nella Racconigi Cycling Team.

Cosa ne pensi del momento del ciclismo italiano?
«Questo non è uno dei momenti migliori, ma non possiamo lamertarci».

A quale età hai cominciato a correre?
«Dalla categoria G1 per lo Sprint Ghedi, avevo una bici MZBike rossa».

Il più forte corridore di tutti i tempi?
«Eddy Merckx, perchè ha vinto tutto quello che c'era da vincere».

Segui altri sport con la stessa passione del ciclismo?
«No, però mi piace il calcio».

I tuoi peggiori difetti?
«Sono un pò testardo».

Il tuo modello di corridore?
«Il francese Julian Alaphilippe».

Cosa leggi preferibilmente?
«Giornali e quotidiani».

Cosa apprezzi di più in una donna?
«La simpatia».

Sei social?
«Poca cosa».

Cosa cambieresti nel ciclismo di oggi?
«Darei la possibilità a più corridori di poter emergere».

Piatto preferito?
«Brodo con il pane».

Hobby?
«Macchine e moto d'epoca, ho una Vespa anni ’50 di mio nonno».

La gara che vorresti vincere?
«Milano-Sanremo».

Televisione, cinema o teatro?
«Cinema, i film comici e biografici».

I ragazzi di oggi con quelli di ieri: le differenze?
«Una volta si stava meglio, i rapporti erano più umani».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

A circa un mese dalla partenza della Milano Sanremo incontriamo Davide Formolo e con il campione italiano parliamo del suo debutto nella Classicissima e degli obiettivi di una stagione che potrebbero proiettarlo in una nuova dimensione.Nei primi anni tra i...


A soli 20 anni Andrea Bagioli sta vivendo le sue prime pedalate da professionista con la Deceuninck - Quick-Step e ci racconta i suoi pensieri.«Le prime settimane della nuova stagione sono andate molto bene. Ho fatto due camp di addestramento...


Luca Guercilena e la sua Trek Segafredo, la più ‘italiana’ fra le formazioni World Tour e Gianni Savio e la sua Androni, la più vincente fra le formazioni italiane. Saranno questi gli ospiti di Radiocorsa, in programma stasera alle...


Reduce da un'intervento all'acetabolo destro (la parte di bacino su cui articola la testa del femore) pochi giorni fa, Matteo Moschetti è già risalito su una bici, seppur indoor, per pianficare il suo rientro. Le immagini sono a dir poco...


È l'apertura tradizionale della stagione - la Coppa San Geo - e segna anche l'inizio della corsa verso l'Oscar tuttoBICI Under 23. Sabato avremo la prima corsa e la prima classifica della challenge che in questa edizione sarà promossa dalla...


  Nell’anno di ricorrenze particolari su Gastone Nencini, 90 anni dalla nascita (1 marzo 1930), 60 dalla vittoria al Tour de France (17 luglio 1960), 40 dalla morte (1 febbraio 19080), si è inserita la cerimonia svoltasi al “Nencini Bike”...


Volata serratissima sul traguardo di Lagos, dove si è conclusa la prima tappa della Volta ao Algarve e successo per il campione olandese Fabio Jakobsen che ci è ripetuto a distanza di un anno. È stato Viviani, che aveva battezzato...


Mentre in Andalusia e Algarve i grandi big del ciclismo mondiale cominciano a mettere chilometri sulle gambe in vista di una lunga stagione, alcuni pesci più piccoli, ma per questo non meno importanti, sono pronti a darsi battaglia sulle strade...


Subito spettacolo alla Vuelta a Andalucia: il Puerto de Palomas (13 km al 5, 9%), ultima salita di giornata, ha ispirato Jakob Fuglsang della Astana e Mikel Landa della Bahrain McLaren, che si sono involati a metà salita e non...


La Casillo Petroli Firenze Hopplà arriva ai primi appuntamenti della stagione con tranquillità e serenità. Le prime sfide motivano i ragazzi di Matteo Provini e Gianni Faresin che saliranno sul palcoscenico agonistico quattro volte nell’arco di quarantotto ore.Pronti dunque i...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155