IL COMITATO BRESCIANO HA INCORONATO LE STELLE DEL 2019. GALLERY

PREMI | 08/12/2019 | 08:08
di Angiolino Massolini

Un giro d'onore riuscito alla grande con la regia della Federciclismo bresciana. Nel salone Capretti all'Istituto Artigianelli si è svolta la consegna dei premi ai tesserati della provincia che, nel corso del 2019, hanno conquistato titoli nazionali, regionali e provinciali. E c'è chi ha attraversato l'Italia in auto pur di non mancare all'appuntamento. Sono stati consegnati anche due riconoscimenti a due persone che hanno fatto e stanno facendo molto per il movimento ciclistico di casa nostra.Almeno 300 persone hanno stipato in ordine di posti platea e galleria per inneggiare e applaudire il centinaio di protagonisti insieme ai loro team. A fare gli onori di casa il presidente della Federciclo bresciana Gianni Pozzani con i consiglieri provinciali. Ospiti d'onore Alfredo Zini (consigliere regionale lombardo) e Andrea Buccio (Cassa Rurale Val Giudicarie Valsabbia Paganella), i quali si sono espressi favorevolmente sul comportamento tenuto da Brescibici durante tutta la stagione. Il pubblico ha anche applaudito a lungo Pozzani, insignito nei giorni scorsi a Palazzo Loggia con la Stella d'oro del Coni nazionale.Poi è iniziata la consegna dei premi. Il delegato provinciale dei giudici di gara Pierre Volpari ha ritirato la targa a nome e per conto di Innocente Cremasco, che ha lasciato l'incarico per l'età e che in questo periodo è ricoverato all'ospedale. A LAURA OTELLI è stata invece consegnata la Leonessa d'oro a un anno di distanza da quella ricevuta da papà Giancarlo, deceduto il 3 gennaio scorso. Il consiglio provinciale all'unanimità l'hanno ritenuta a ragione la «Personalità ciclistica 2019». Due riconoscimenti speciali per due persone specialissime.Sono poi saliti al proscenio i protagonisti del 2019: davvero tanti e meritevoli degli elogi più convinti. Tra loro alcuni hanno ritirato più di un riconoscimento. Romina Modena, campionessa italiana, regionale e provinciale handbike, è stata tra le più applaudite. Soprattutto quando ha ufficializzato il suo passaggio a un team scaligero veronese: «Rimarrai sempre nei nostri cuori», ha tenuto a sottolineare Pozzani. Bruno Gnatta, Pietro Corsini, Matilde Zanardini, Luca Furlan, Paolo Rosato, Leonardo Mattei, Christian Ghiroldi, Jessica Nanvschei, Margherita Putelli, Giorgia Bonzanini, Arianna Bianchi, Riccardo Perani, Valentina Garattini, Alessandro Chitò, Giuseppe Uberti, hanno pure ritirato più premi.Oltre a Romina Modena, per l'ultima volta con la casacca della Alove, anche Margherita Putelli da qualche stagione alla Ronco Maurigi Delio Gallina nel 2020 approderà in un altro team. Da qualche settimana la sua famiglia si è trasferita ad Augusta, in provincia di Siracusa, per cui continuerà l'attività in Sicilia. Ma non ha voluto mancare al giro d'onore con il mondo del ciclismo bresciano: con i suoi familiari è partita ieri mattina presto in automobile e subito dopo la premiazione si è rimessa in macchina per tornare a casa. Davvero un testimonianza d'affetto e di rispetto verso il team per il quale ha corso negli ultimi anni. CHI INVECE non si è fatta vedere è la Capriolo Ostilio: non ha ritirato il premio per la Coppa Brescia juniores e per il titolo bresciano conquistato da Nicholas Norbis.Per quel che concerne le società nella Coppa Brescia Videoteam Rodella la vittoria è stata appannaggio di Feralpi Monteclarense (esordienti primo anno), Ronco Maurigi Delio Gallina (esordienti secondo anno), Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco (allievi e juniores). La Monticelli Bike ha ottenuto ben 3 successi su 4 nelle categorie esordienti del primo e del secondo anno, negli allievi del primo anno nella mountain bike, mentre la Stefana Bike è stata prima tra gli allievi del secondo.Alla fine applausi per tutti: la passione di Brescia per il ciclismo è senza confini.

da Bresciaoggi

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

“La bicicletta ha scenari di sviluppo molto ampi – fa notare il presidente di Confindustria ANCMA, Paolo Magri, commentando i dati elaborati dall’associazione -  soprattutto se paragoniamo l’uso del mezzo nel nostro paese rispetto a quello di nazioni più avanzate in...


Pochi oggetti nel mondo dello sport vantano un apparato di significati più vasto di quello di cui è dotata la borraccia nel ciclismo. Fondamentale strumento di sopravvivenza fisica dei corridori, la borraccia rappresenta «l’anello di congiunzione tra l’ordinarietà del pedalatore...


La Società Ciclistica Carnaghese ha deciso di annullare il 24esimo Gran Premio dell’Arno – Coppa d’argento Comune di Solbiate Arno, gara internazionale per la categoria juniores in programma domenica 7 giugno. E’ solo l’ultima in ordine di tempo delle gare...


Il Tour de France ad agosto? È un'idea che piace a Tom Dumoulin. Rispondendo alle domande di Sporza, l'olandese della Jumbo-Visma ha detto la sua sul possibile calendario. «Secondo me si può fare, facendo slittare un poco la Vuelta. Penso...


Marta Bastianelli è caduta e si è rialzata così tante volte che ha perso il conto. Lo farà anche questa volta, con il carattere che contraddistingue i campioni. Anche se il suo sogno più grande, quello a forma di cinque...


Aretino di Laterina, Enrico Baglioni è un giovane promettente con licenza di vincere. Come dimostrano i suoi quattro successi nelle due ultime stagioni con gli juniores nel team Stabbia, tra cui quella conquistata a marzo dello scorso anno nel Memorial...


Ne sono certo, abbiamo bisogno di novità, di fiducia nel domani e di una carica positiva probabilmente fuori dal comune. Occorre essere sul pezzo e mi raccomando, non abbassate la guardia, ma possiamo combattere questa situazione negativa anche concentrandoci su...


Una grave emergenza sanitaria ha colpito il nostro Paese. E’ stato un susseguirsi di avvenimenti che hanno portato il governo a prendere decisioni restrittive per il bene del paese: scuole chiuse, attività produttive non essenziali chiuse e la forte raccomandazione di restare...


  La quarantena è una buona occasione per rimediare a omissioni e dimenticanze. Così, finalmente, ecco Luciano Soave, ieri gregario, oggi artista. “Ero un coppiano. Stravedevo per lui. Quando morì, piansi. Avevo 17 anni”. “L’unica cosa in cui avrei potuto...


L'edizione del ventennale del Memorial intitolato ad Alberto Coffani dovrà attendere, nella migliore delle ipotesi, ancora qualche mese. La corsa di Gazoldo degli Ippoliti per donne allieve ed esordienti,  che avrebbe dovuto inaugurare la stagione organizzativa del Pedale Castelnovese deve...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155