L'ORA DEL PASTO. LE BICI DI THATO E JOXIAN

LIBRI | 14/08/2019 | 07:39
di Marco Pastonesi

 

Due famiglie. I genitori erano amici. Più i mariti delle mogli. Uno si chiamava Txato, l’altro Joxian.

Joxian “mise la bici in cucina. E’ leggera, da corsa. Un giorno qualunque, Miren, davanti a una montagna di piatti da lavare: ‘Per quel giocattolino di lusso i soldi ce li hai, eh?’. Risposta di Joxian: ‘Sì, e allora? Ce li ho, va bene. E ho anche lavorato tutta la vita come un mulo’. La porta dentro senza difficoltà, senza urtare le pareti, dalla cantina. Meno male che viviamo al piano terra. Se la mette in spalla come quando da giovane partecipava alle gare di ciclocross”.

Spagna. Paesi Baschi. Un paesino vicino a San Sebastian. Thato e Joxian passavano le serate all’osteria, la domenica in bicicletta. Miren, la moglie di Joxian, non capiva il richiamo, il bisogno, il fascino della bicicletta. “Si può sapere che cosa ci fai con la bici in casa? Vuoi sporcarmi il pavimento?”. “Prima di uscire devo aggiustare il freno e passare lo straccio”. “E perché non la pulisci in strada?”. “Perché non si vede quasi niente e fa un freddo becco”.

Poi accadde: che Txato venisse prima ricattato dall’Eta, i separatisti e terroristi baschi, poi minacciato, infine assassinato. “Colpì l’attenzione di Miren il luccichio di una ruota. Le bastò una ridotta concentrazione di luce del mattino sulla bicicletta di Joxian per evocare il lontano episodio… Miren ricordò che si era affacciata alla finestra per vederlo allontanarsi lungo la strada; però stavolta non le fu concesso portare a termine il ricordo, perché all’improvviso Joxian mosse la bicicletta e il luccichio della ruota sparì”.

“Patria”, il romanzo (un romanzone, un capolavoro, del 2016) di Fernando Aramburu (Guanda, 640 pagine, 19 euro), non può fare a meno delle biciclette. “Il gruppo a poco a poco si disgregò. Succedeva. Alcuni andavano più veloci di altri. E il Txato rimase da solo con Joxian, che pedalava sempre due o tre metri dietro di lui senza dire una parola. E salendo il valico di Orio rimase ancora più indietro, anche se come scalatore era più bravo del Txato”.

La bicicletta, nei Paesi Baschi, nella sua storia, nella sua gente, nella sua geografia, nella sua commedia umana, è un elemento umano, familiare, territoriale, decisivo. “A quell’epoca non si portava il casco. Macché. Al massimo qualche stronzo che voleva darsi arie da professionista indossava un caschetto e via. Loro usavano un berretto, occhiali da sole e indumenti da ciclista con l’idea che nessuno potesse riconoscerli… ‘Il mio paese è pieno di gente che va in bici. Nessuno sta lì a badarci’”.

Finché nel 2011 l’Eta si sciolse. Ma ricominciare, riallacciare, ricostruire: un’impresa? Di più. “A meno che piovesse, i due preferivano la bicicletta all’auto e agli autobus per le loro scorrerie in provincia alla ricerca di obbiettivi, la loro principale, per non dire la loro unica occupazione in quei giorni. Le biciclette permettevano loro di andare in uno stesso posto separati, ma senza perdersi di vista. E si erano accordati su un segnale che permetteva a chi pedalava davanti di avvisare di qualunque pericoloso chi veniva dietro. Distanza: non meno di cinquanta, non più di cento metri. E quando arrivavano in qualche paese non entravano mai nello stesso bar. Alla fine delle escursioni, prima l’uno, poi l’altro, portavano su in casa la bicicletta in ascensore. Messe in verticale, c’entravano”.

La bicicletta è una compagna. Una compagna che accompagna. Di qua, di là. Da una parte, dall’altra. Avanti e indietro. “Il Txato appese al chiodo la bicicletta. Per sempre. Un giorno la portò giù in garage ed è ancora lì, appesa al soffitto con due ganci e due catene… E la domenica, Bittori, che prima si lamentava perché, per una volta alla settimana che potevano stare insieme, lui se ne andava con i suoi amici cicloturisti, doveva rassegnarsi dalla mattina alla sera al malumore del marito”.

 

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

La Deceuninck Quick Step ha reso noto che il danese Mikkel Honoré è stato vittima di un incidente durante l'allenamento oggi. Dopo essere stato trasportato al pronto soccorso, Mikkel è stato sottoposto a numerose scansioni e indagini accurate, che per...


Un nuovo territorio è pronto ad accogliere l'élite del ciclismo con la prima edizione del Saudi Tour che si terrà da martedì 4 febbraio a sabato 8 febbraio. Cinque tappe con l’obiettivo di mettere in luce la storia culturale e...


Fuga tutta africana nella quarta tappa della Tropicale Amissa Bongo, protagonisti il burkinate Abdul Aziz Nikiema, il camerunense Clovis Kamzong, il marocchino El Houcaine Sabbah ed il ruandese Joseph Areruya. Ad imporsi sul traguardo di Mouila, al termine di 190...


  Oggi, presso la sede della Regione Lombardia, Mapei riceve l’Alta Onorificenza di Bilancio nell’ambito della 4^ edizione del Premio Industria Felix – La Lombardia che compete, la ricerca condotta dal trimestrale Industria Felix Magazine, in collaborazione con l’Ufficio Studi...


Mentre la stagione su strada 2020 sta iniziando proprio in questi giorni, quella su pista si appresta alle battute finali. Da oggi a domenica 26 gennaio, infatti, il velodromo canadese di Milton ospiterà la sesta e...


«Dopo la tempesta arriva il sole», Tony Monti risponde al primo colpo e il suo eloquio si distende come un velocista lanciato verso il traguardo, solo che in questo caso non è nemmeno necessario tirargli la volata con una domanda,...


L'economia della bicicletta e della mobilità sostenibile cresce e sono sempre di più i benefici dei pedalatori che vanno al lavoro in bici. Come è facile intuire in primis si ha un vantaggio in ternini di salute e, fortunatamente, pure...


CINQUE. Come i marchi di casa nostra che equipaggeranno quest’anno cinque team di World Tour. Cinque aziende di casa nostra non sono poche e per noi dev’essere motivo di orgoglio, uno dei pochi in questo interminabile periodo di vacche magre....


Per il terzo anno consecutivo, De Rosa fornirà le sue biciclette al team Professional Caja Rural-Seguros RGA. E quest’anno ci sarà la novità dell'arrivo dei componenti Full Speed ​​Ahead e Vision che porteranno ulteriore qualità alle bici della squadra spagnola....


Richie Porte è al settimo cielo dopo la prima vittoria della stagione, ottenuta nella terza frazione del Tour Down Under: «In primo luogo, devo togliermi il cappello davanti ai compagni di squadra. Oggi hanno riposto tutta la loro fiducia in...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155