SLONGO. «NIBALI? CONTINUIAMO A VIVERE ALLA GIORNATA, MA...»

TOUR DE FRANCE | 12/07/2019 | 11:29
di Guido La Marca

Prima di tutto i numeri: Vincenzo Nibali ieri ha concesso 51 secondi a Geraint Thomas, il migliore al traguardo tra i big che puntano alla maglia gialla. E in classifica generale, il capitano della Bahrain Merida è ventesimo a 1’56” da Ciccone e a 1’09” dallo stesso Thomas che occupa la quinta posizone assoluta.

Come valutare questi numeri? Lo abbiamo chiesto questa mattina a Belfort allo stesso campione siciliano e al suo allenatore Paolo Slongo. Ecco quello che ci hanno detto.

«È logico che non mi è mai piaciuto vedere tanta gente che mi sfila - spiega Nibali che ieri ha tagliato il traguardo in ventiduesima posizione - ma ero preparato. Sapevo che non sarebbe stato facile raggiungere un secondo picco di condizione dopo un giro d’Italia molto faticoso, così come sapevo che una tappa esplosiva come quella di ieri non era l’ideale per me e avrei potuto accusare qualche difficoltà anche al top della condizione. Diciamo che continuo il mio Tour in attesa di capire come potrà essere il futuro».

Da parte sua, Paolo Slongo approfondisce l’analisi: «Aspettavamo la tappa di ieri come il primo check del nostro Tour, era importante per valutare la reale condizione di Vincenzo dopo il periodo di recupero post Giro. Alla fine non abbiamo tanti motivi per sossridere ma nemmeno tanti motivi per piangere: è vero che Vincenzo ha pagato nell’ultimo chilometro, ma siamo in scia ad un gruppo molto folto. A parte Thomas e Pinot, che sappiamo come hanno preparato solo la Grande Boucle e ieri hanno mostrato di avere qualcosa in più, siamo molto vicini agli altri. E questo nonostante Vincenzo sia l’unico tra i grandi ad aver affrontato il Gior d’Italia. Cosa succede adesso? Che Vincenzo deve continuare a vivere alla giornata, studiando le situazioni che si presenteranno e provando ad inventare qualcosa. Poi a Parigi tireremo le somme...».

Copyright © TBW
COMMENTI
Slongo
12 luglio 2019 13:23 blardone
Nibali a qualcosa in piu dei suoi avversari ed e il cuore ..... ieri non era un arrivo per lui e si e difeso molto bene . Un consiglio da un tifoso fallo correre con la grinta che aveva hai tempi della Mastomarco . Meno tattiche e meno paure .... lui deve essere libero di osare .come va va ..... vorrei rivedere il Nibali delle corse in Toscana .... Osare era la sua virtu .Blardone Andrea . Ps abbiamo gia perso un giro d italia a cormauior per tattiche da bar ...... osiamo

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Sudore più sacrificio uguale successo. È questo il motto di Andrea Vendrame, che si appresta a fare il grande salto nel World Tour e a vivere una nuova pagina della sua promettente carriera. Il 25enne trevigiano, passato professionista nel 2017...


  "La grande cultura del ciclismo è quella di far ritrovare tanti amici che hanno come obiettivo la crescita dei ragazzi" e "questa stagione, ricca di risultati, è stata caratterizzata, fino ad ora, da 78 medaglie proprio nell'anno che precede...


  Tra le belle sorprese che ci ha regalato il 2019 c'è Nicola Venchiarutti. Ventuno anni, friulano di Osoppo, 30 chilometri a nord di Udine, Nicola è passista veloce che si difende bene anche in salita. Quest'anno con il Cycling...


La macchina organizzativa del Memorial Efisio Melis è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo delle edizioni precedenti in ricordo di un grande dirigente della Polisportiva Capoterra che ha guidato una delle più gloriose società ciclistiche...


Il Velo Club Sovico ha iniziato il cammino verso la nuova stagione. Sabato i sei atleti che il prossimo anno formeranno la squadra Esordienti hanno passato alcune ore assieme ai tecnici Gabriele Buttini e Mattia Redaelli per gettare le basi...


I prodotti utilizzati dai team professionistici di ciclismo fanno sempre gola agli appassionati. Succede così che quando i team decidono di mettere in vendita il materiale utilizzato durante l'anno, ci sia sempre molto interesse da parte dei fan. La regola...


  Partì da Boston il 27 giugno 1894: aveva 24 anni, una bicicletta-cancello (Columbia) di una ventina di chili, la gonna lunga e una pistola. Arrivò a Chicago il 12 settembre 1895: aveva 25 anni, una bicicletta da uomo (Sterling)...


Per diciotto anni è stato uno dei fari, dei punti di riferimento del gruppo. Uno dei più apprezzati e riconosciuti corridori in gruppo. Per il suo talento, la sua correttezza, per una storia fatta di vittorie raccolte per sé (54)...


La sua positività - ovviamente anonima, visto che M.C. ha solo 15 anni - riscontrata al termine di una corsa aveva creato naturalmente scalpore. Anche perché l’asettico cominicato di NadoItalia parlava genericamente di steroide anabolizzante. La sua assoluzione, decretata oggi...


Giornata importante, quella di oggi, per la famiglia Bonifazio: la Total Direct Energie ha infatti annunciato il prolungmaneo del contratto di Niccolò, che in questa stagione ha colto sette vittorie con la maglia del team francese, e l'ingaggio di suo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy