I MIGLIORI GIOVANI D'ITALIA A CACCIA DEL BELVEDERE

DILETTANTI | 13/02/2019 | 07:36

I numeri non mentono: su 80 edizioni del Giro del Belvedere, ben 69 hanno premiato un atleta italiano. D’altro canto, il digiuno azzurro nella classica internazionale U23 prosegue da tre edizioni, andate rispettivamente all’elvetico Patrick Muller (2016), al bielorusso Aleksandr Riabushenko (2017) e all’australiano Robert Stannard (2018).

Proveranno a invertire la tendenza le compagini italiane che Lunedì 22 Aprile si presenteranno ai nastri di partenza di Villa di Cordignano (Treviso). Avere la meglio sull’agguerrita concorrenza straniera non sarà semplice, ma rappresenta l’obiettivo delle migliori realtà del movimento giovanile nazionale.

L’ottantunesima edizione dell’appuntamento internazionale U23 di Pasquetta vedrà infatti al via tutte le otto formazioni italiane con licenza Continental: Biesse Carrera, Cycling Team Friuli, D’Amico UM Tools, Dimension Data for Qhubeka, Iseo Serrature-Rime-Carnovali, Sangemini-Trevigiani-MG.Kvis, Team Beltrami TSA-Hopplà-Petroli Firenze e Team Colpack. A queste si aggiungeranno le gloriose realtà del dilettantismo nazionale, a partire dalla Palazzago e dalla Zalf Euromobil Désiree Fior. Proprio la Zalf ha firmato l’ultima affermazione azzurra al Giro del Belvedere, nel 2015 con Andrea Vendrame.

Anche quest’anno, il meglio del nostro movimento giovanile sarà rappresentato al Giro del Belvedere - spiega il leader del comitato organizzatore Gianfranco Carlet. - Tante realtà italiane hanno sposato il progetto delle Continental e proprio da noi avranno l’opportunità di confrontarsi con formazioni straniere di livello. Inoltre, non mancheranno le squadre dilettantistiche che hanno fatto la storia di questo sport a livello giovanile. Si preannuncia un grande spettacolo, con contenuti tecnici di alto spessore”.

L’edizione 2019 del Giro del Belvedere vedrà gli atleti impegnati su un tracciato di 163 Km, caratterizzato da due anelli: nel primo, da ripetere 12 volte, i corridori dovranno affrontare la salita delle “Conche”, mentre il circuito finale (17,3 Km da ripetere in due occasioni) comprende la salita simbolo della corsa, il Montaner dal versante di Borgo Canalet, e l’insidioso strappo di Via delle Longhe.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

C'è la firma di Jasper De Buyst sulla quarta tappa del Giro di Danimarca. Il belga della Lotto Soudal ha battuto, grazie ad un colpo di classe nel finale, il connazionale Capiot - all'ennesimo piazzamento in questa corsa - e...


La squadra di Bradley Wiggins, il Team Wiggins Le Col, chiuderà la sua avventura agonistica a fine stagione e precisamente con il Giro di Gran Bretagna. "Il team Wiggins Le Col annuncia oggi che non sarà operativo nel 2020. Dopo...


Volata vincente di Tomas Trainini nel 23simo Trofeo Comune di Vertova internazionale per la categoria JUniores che stamane ha inaugurato la Due Giorni di Vertova che domani si concluderà con il Trofeo Paganessi. Il bresciano del Team Lvf (dodicesima affermazione)...


Tappa breve e spettacolare, la penultima del Tour de l'Avenir: a Tignes - laddove il Tour de France è stato respinto per via di grandine e frane - si è imposto l'ungherese Attila Valter, 21enne di Cosmor della Continental CCC...


L’UCI annuncia in un comunicato ufficiale che Alessandro Petacchi è stato sanzionato con un periodo di inagibilità di due anni per violazioni del regolamento antidoping (VRAD) commesse nel 2012 e nel 2013 (utilizzo di metodo/sostanze proibiti) sulla base delle informazioni...


Il problema c’è da tempo, ma non si vede. Nel senso che si fa finta di non vedere e quel che è peggio si fa finta di non sentire. Non è il caso di demonizzare nessuno, ma è anche bene...


Lutto in casa Astoria. Si è spenta Mina Simonetto, vedova di Vittorino e madre di Antonella, Paolo e Giorgio Polegato. Aveva festeggiato da poco i suoi 90 anni. Originaria di Valdobbiadene, dopo il matrimonio ha sempre vissuto a Crocetta ed...


Nove arrivi in salita, un paio di cronometro, tappe mediamente brevi: anche quest’anno la Vuelta non si discosta dal cliché che nelle ultime stagioni l’ha resa intrigante e divertente. Assenti gli ultimi due vincitori (per scelta Simon Yates, per infortunio...


Una vita fa. Sono passati due anni, un mese e diciannove giorni da quando Fabio Aru attaccò a più di due chilometri dall’arrivo in salita sulla Planche des Belles Filles e andò a prendersi una splendida vittoria in solitaria al...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy