IL PASTO IN VAL D'AOSTA. VAGNEUR, IL RIVOLUZIONARIO SAGGIO

STORIA | 12/07/2018 | 09:09
di Marco Pastonesi

Nel 1968 in Francia gli studenti gridavano “vietato vietare”, in Italia ripetevano “l’immaginazione al potere”, all’Olimpiade di Città del Messico Tommie “Jet” Smith e John Carlos sul podio dei 200 metri ascoltarono l’inno americano con il pugno chiuso, alle gare di ciclocross Franco Vagneur si presentava con un casco su cui aveva scritto, davanti, “no all’antidoping” e, dietro, “sì alla pillola”.

“Così manifestavo il mio amore per la libertà e per le libere scelte, perfino quella di mettere a repentaglio la propria salute, dunque la propria vita, ricorrendo a pratiche chimiche illecite”. Proprio lui che si era visto superare da corridori naturalmente inferiori eppure non si era piegato a certe tentazioni né si era affidato a facili scorciatoie.

Franco Vagneur, sette volte campione italiano di ciclocross, più di 200 gare vinte dal 1961 al 1982, 12 anni in azzurro più altri 11 da tecnico, era considerato un pazzo. “Perché la prima volta che mi proposero di fare una gara di ciclocross dissi di no, mi sembrava stupido saltare nelle pozzanghere o calpestare le aiuole. Perché venivo da una regione in cui non solo non esisteva il ciclismo, ma si andava pochissimo anche in bicicletta. Perché ero diplomato e poi perché mi sarei laureato, forse il primo corridore a laurearsi. Perché poi ero un insegnante e lavoravo come supplente alle medie. Perché facevo il corridore ma avevo i capelli lunghi. Perché osavo esibire quelle scritte sul casco, rivendicando il diritto di decidere della mia esistenza”.

Ma un po’ pazzo, forse, lo era veramente. “Se penso a quando in Svizzera arrivai al traguardo piangendo per il freddo alle mani, a quando mi rifiutai di andare alla compagnia atleti per il ciclocross perché dichiarai di sentirmi uno stradista, a quando andavo alle corse su una 500 con moglie, meccanico e un amico corridore con quattro bici sul tetto e una volta, al ritorno, legando sul tetto anche due materassi che ci erano stati dati in premio, a tutte quelle volte che mi domandavo se avessi ancora qualcosa da dare o da dire e decidevo di piantarla lì e poi per passione o per incoscienza o per orgoglio ricominciavo, allora forse sì, un po’ pazzo lo era veramente”.

Ha 74 anni, Vagneur, e qui al Giro della Valle d’Aosta è mito e memoria, testimonianza e rito, coscienza e traguardo. “Papà Arturo, contadino, figlio di contadini, tanto che ‘vagneur’ significa seminatore, dissodatore, agricoltore. Mamma Elvira, che emigrò a Chambery per fare la serva a un medico che morì in guerra sotto le bombe mentre cercava di salvare i suoi concittadini, e da allora aveva sempre voluto che mio fratello Pierino e io studiassimo fino a raggiungere quello che lei chiamava ‘un pezzo di carta’, ed era un diploma o una laurea. Pierino seguì studi da tecnico elettricista, io feci le magistrali, poi mi iscrissi alla Bocconi. Così andai ad abitare a Milano, anzi, a Corsico, dormivo nei bagni della sede della società ciclistica, mangiavo in trattoria, studiavo e mi allenavo, studiavo e correvo, studiavo e vincevo, mi laureai in lingue e letterature straniere con una tesi su Jean-Baptiste Cerlogne, poeta dialettale di Saint-Nicolas, il villaggio dei miei genitori”.

Non era una vita facile. “Volevo fare lo stradista, e invece mi ritrovai ciclocrossista. Avevo le doti per dedicarmi alle corse a tappe, e invece concentravo tutto in un’ora di corsa. Ma amavo troppo la libertà, forse ero un individualista, correvo da isolato, da indipendente, una volta conquistai il titolo italiano senza neanche appartenere a un gruppo ciclistico, indossavo la maglia di campione valdostano”. Però, che fenomeno. “Trentaquattro battiti al minuto, otto litri di capacità polmonare, più passavano i giorni e meglio stavo, ma in salita preferivo andare con i rapporti lunghi piuttosto che con quelli agili, e tutti mi criticavano”. Finché si verificò un miracolo. “Mia madre tornò da casa con un ciuffo di insalata avvolto in un foglio di giornale. Su quel foglio c’era un articolo di Gian Paolo Ormezzano in cui si raccontava come Jacques Anquetil prediligesse i rapporti lunghi anche in salita. Fu un’illuminazione. Allora non sono matto, mi dissi, se lo fa un campione come Anquetil, non deve essere del tutto sbagliato. Fu la mia salvezza”.

Nella foto, Franco Vagneur con il valdostano Laurent Rigollet
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

E’ finlandese, anzi, lappone di Rovaniemi, ma c’è chi dice che venga dalla Turchia, e comunque sa parlare qualsiasi lingua, volendo anche i dialetti. Ha un’età imprecisata e imprecisabile, a occhio potrebbe essere un’ottantina di anni, ma all’anagrafe potrebbe anche...


Sono Dario Belingheri e Stephane Mantey i vincitori del concorso fotografico “The Best of Cycling 2018”, dedicato ai fotografi di ciclismo professionisti o che seguono da vicino il mondo del ciclismo e organizzato da Sprint Cycling. Nella categoria Scenery ha...


Impegno, moralità e solidarietà gli ideali del Premio Internazionale Le Velò, istituito e portato avanti dal senatore Riccardo Nencini, giunto alla 22^ edizione, la cui cerimonia di premiazione si è tenuta alla Fattoria Il Palagio a Scarperia, ospiti di Leonardo...


Come un videogame: ci si fa incuriosire dall'amico che gioca, si scarica l'app, si fa qualche partita per provare, tanto cosa vuoi che mi interessi e poi si finisce per non smettere più e farsi travolgere dalla passione. Silvano Rodella...


Premi, riconoscimenti e onoreficenze sono sempre importanti per chi li riceve ma quando si trasformano nell’apprezzamento di una nazione e del suo popolo diventano un segno dal valore inestimabile.Nel 2018 la Polonia ha festeggiato i 100 anni dalla riconquista dell’...


Due giorni orsono vi abbiamo presntato la prima iniziativa del Gruppo Sportivo Sprint Ghedi che per celebrare il 46°anno di fondazione ha scelto la strada della solidarietà. Il sodalizio bresciano, guidato dallo storico presidente Luciano Grillo, ha deciso infatti di...


Si è chiuso oggi il secondo training camp del team NIPPO Vini Fantini Faizanè in vista della stagione 2019. La sei giorni alla Spezia, presso l’Hotel Il Gabbiano si è conclusa con un momento conviviale, una cena aperta ai fan...


Nella presentazione di questa mattina a Milano, Guerciotti, oltre a presentare i modelli E740 ed Eureka Air che utilizzeranno i corridori della Bardiani CSF su strada, ha illustrato tutti i suoi progetti legati al mondo del fuoristrada, nel quale la...


È iniziata ufficialmente la nuova stagione anche per la Bardiani CSF: stamane al Novotel di via Mecenate a Milano è andata in scena la presentazione del #greenteam della famiglia Reverberi. La formazione Professional che vanta, come da tradizione, solo corridori...


Guardateli bene perché difficilmente vi capiterà l'occasione di vederli ancora una volta vestiti così... Sono i nuovi acquisti della UAE Emirates accolti in maniera decisamente colorata dai loro nuovi compagni di squadra. Da Gaviria a Henao, passando per i fratelli...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy