IL PASTO IN VAL D'AOSTA. VAGNEUR, IL RIVOLUZIONARIO SAGGIO

STORIA | 12/07/2018 | 09:09
di Marco Pastonesi

Nel 1968 in Francia gli studenti gridavano “vietato vietare”, in Italia ripetevano “l’immaginazione al potere”, all’Olimpiade di Città del Messico Tommie “Jet” Smith e John Carlos sul podio dei 200 metri ascoltarono l’inno americano con il pugno chiuso, alle gare di ciclocross Franco Vagneur si presentava con un casco su cui aveva scritto, davanti, “no all’antidoping” e, dietro, “sì alla pillola”.

“Così manifestavo il mio amore per la libertà e per le libere scelte, perfino quella di mettere a repentaglio la propria salute, dunque la propria vita, ricorrendo a pratiche chimiche illecite”. Proprio lui che si era visto superare da corridori naturalmente inferiori eppure non si era piegato a certe tentazioni né si era affidato a facili scorciatoie.

Franco Vagneur, sette volte campione italiano di ciclocross, più di 200 gare vinte dal 1961 al 1982, 12 anni in azzurro più altri 11 da tecnico, era considerato un pazzo. “Perché la prima volta che mi proposero di fare una gara di ciclocross dissi di no, mi sembrava stupido saltare nelle pozzanghere o calpestare le aiuole. Perché venivo da una regione in cui non solo non esisteva il ciclismo, ma si andava pochissimo anche in bicicletta. Perché ero diplomato e poi perché mi sarei laureato, forse il primo corridore a laurearsi. Perché poi ero un insegnante e lavoravo come supplente alle medie. Perché facevo il corridore ma avevo i capelli lunghi. Perché osavo esibire quelle scritte sul casco, rivendicando il diritto di decidere della mia esistenza”.

Ma un po’ pazzo, forse, lo era veramente. “Se penso a quando in Svizzera arrivai al traguardo piangendo per il freddo alle mani, a quando mi rifiutai di andare alla compagnia atleti per il ciclocross perché dichiarai di sentirmi uno stradista, a quando andavo alle corse su una 500 con moglie, meccanico e un amico corridore con quattro bici sul tetto e una volta, al ritorno, legando sul tetto anche due materassi che ci erano stati dati in premio, a tutte quelle volte che mi domandavo se avessi ancora qualcosa da dare o da dire e decidevo di piantarla lì e poi per passione o per incoscienza o per orgoglio ricominciavo, allora forse sì, un po’ pazzo lo era veramente”.

Ha 74 anni, Vagneur, e qui al Giro della Valle d’Aosta è mito e memoria, testimonianza e rito, coscienza e traguardo. “Papà Arturo, contadino, figlio di contadini, tanto che ‘vagneur’ significa seminatore, dissodatore, agricoltore. Mamma Elvira, che emigrò a Chambery per fare la serva a un medico che morì in guerra sotto le bombe mentre cercava di salvare i suoi concittadini, e da allora aveva sempre voluto che mio fratello Pierino e io studiassimo fino a raggiungere quello che lei chiamava ‘un pezzo di carta’, ed era un diploma o una laurea. Pierino seguì studi da tecnico elettricista, io feci le magistrali, poi mi iscrissi alla Bocconi. Così andai ad abitare a Milano, anzi, a Corsico, dormivo nei bagni della sede della società ciclistica, mangiavo in trattoria, studiavo e mi allenavo, studiavo e correvo, studiavo e vincevo, mi laureai in lingue e letterature straniere con una tesi su Jean-Baptiste Cerlogne, poeta dialettale di Saint-Nicolas, il villaggio dei miei genitori”.

Non era una vita facile. “Volevo fare lo stradista, e invece mi ritrovai ciclocrossista. Avevo le doti per dedicarmi alle corse a tappe, e invece concentravo tutto in un’ora di corsa. Ma amavo troppo la libertà, forse ero un individualista, correvo da isolato, da indipendente, una volta conquistai il titolo italiano senza neanche appartenere a un gruppo ciclistico, indossavo la maglia di campione valdostano”. Però, che fenomeno. “Trentaquattro battiti al minuto, otto litri di capacità polmonare, più passavano i giorni e meglio stavo, ma in salita preferivo andare con i rapporti lunghi piuttosto che con quelli agili, e tutti mi criticavano”. Finché si verificò un miracolo. “Mia madre tornò da casa con un ciuffo di insalata avvolto in un foglio di giornale. Su quel foglio c’era un articolo di Gian Paolo Ormezzano in cui si raccontava come Jacques Anquetil prediligesse i rapporti lunghi anche in salita. Fu un’illuminazione. Allora non sono matto, mi dissi, se lo fa un campione come Anquetil, non deve essere del tutto sbagliato. Fu la mia salvezza”.

Nella foto, Franco Vagneur con il valdostano Laurent Rigollet
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Scatta con la tappa che porta da The Pointe a Dubai Silicon Oasis (148 km) la seconda edizione dell’UAE Tour, seconda corsa a tappe di WorldTour della stagione. Tanti i motivi di interesse legati ad un cast davvero importante, ma su...


Pochi giorni fa, di gennaio an­cora, era la Giornata della Memoria, a tenere ad ammonimento vivo lo sterminio antisemita e le sofferenze della Seconda Guer­ra Mondiale. Ma oggi, che siamo di febbraio, continua a stagliarsi ancora prima, come allora, la...


Dopo Arlenis Sierra e Olga Shekel, è Yareli Salazar la terza atleta dell'Astana Women's Team ad alzare le braccia al cielo in questo bellissimo inizio di 2020: la 23enne messicana si è imposta nella terza tappa della Setmana Ciclista Valenciana e per lei la gioia...


Il Cps Professional Team continua a stupire: oltre a cercare talenti nel territorio del centro sud Italia, il team campano rivolge la sua attenzione anche all'estero e ingaggia per questa stagione il francesino Luca Martin, che nella passata stagione in...


Il colombiano Miguel Angel Lopez ha colto il primo successo della stagione vincendo la quarta tappa della Volta ao Algarve. Sull'arrivo di Alto de Malhao, dopo aver percorso 169 chilometri dalla partenza di Albufeira, il corridore di Astana Pro Team,...


Il primo vincitore della stagione da applaudire è il ventunenne Leonardo Marchiori che con uno sprint capolavoro ha vinto la 33^ Firenze-Empoli, gara di apertura della stagione dilettanti Under 23 in Toscana, svoltasi in una luminosa giornata di sole che...


Tappa per uomini forti, quella di Granada della Vuelta a Andalucia, e gli uomini forti della classifica hanno imposto la loro legge. Volata a tre per assegnare la vittoria e successo di Jack Haig della Mitchelton Scott che ha superato...


Davvero un grande inizo di stagione per Nairo Quintana. Il colombiano della Arkea Samsic si è imposto oggi nella seconda tappa del Tour des Alpes-Maritimes et du Var, che si è conclusa al Col d'Eze. Alle sue spalle l'australiano Simon...


C'è la firma di Enrico Zanoncello, portacolori della Zalf Euromobil Fior, sull'edizione numero 96 della Coppa San Geo. Alle sue spalle, seconda posizione per Filippo Bertone della Iseo Serrature Rime Carnovali Sias e terza per Francesco Di Felice della Sangemini...


Egan Bernal ha sciolto le riserve e ha deciso di partecipare ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020. La scelta operata dal Team Ineos, che ha optato per portare il colombiano al Tour anziché al Giro come inizialmente ipotizzato, ha finito...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155