LE STORIE DEL FIGIO. LA SAGA DEI BAFFI

STORIA | 17/11/2017 | 07:09
E’ una famiglia ad alto, altissimo, coefficiente ciclistico quella di Adriano Baffi, ottimo velocista con un invidiabile palmarès conquistato nella sua lunga carriera, sia su strada, sia nei velodromi di tutto il mondo.

Assommano a sessantasei le vittorie per Adriano Baffi, nato a Vailate il 7 agosto 1962, figlio di Pierino, fortissimo professionista dal 1953 al 1969, vincitore di tappe in tutti e tre i grandi giri e di corse importanti, dotato di un ottimo spunto finale, poi direttore sportivo. Era una persona di grande umanità Pierino Baffi, nato a Vailate, in provincia di Cremona al limitare con quella di Bergamo, nel 1930 e prematuramente scomparso nel 1985. Umanità accoppiata a simpatia che esprimeva con il suo largo sorriso e la sua disponibilità verso tutti, in corsa e anche fuori corsa. Non esitava a prendersi il vento in faccia in favore dei suoi capitani e, se c’era l’occasione, provare a vincere in proprio sia con fughe da lontano, sia mettendo a frutto le sue doti nel finale.

E’ stato direttore sportivo in formazioni di primo piano fra i dilettanti. A lui è dedicato il velodromo della vicina Crema e l’affettuoso ricordo degli sportivi che hanno avuto modo di conoscerlo e apprezzarlo con la moglie, la mitica signora Giusta, di nome e di fatto, una presenza importante e discreta nella famiglia Baffi, così come il gruppo d’amici e compaesani, fra i quali il compianto Vito Fasoli, sempre pronti a incitare, con educazione e riservatezza.
Per entrambi, padre figlio e pure i nipoti, come vedremo, il terreno preferito era la pianura che caratterizza le loro zone.

Adriano Baffi, e il nome è attribuito alla grande amicizia che univa Pierino ad Adriano De Zan, a dieci anni era già in bicicletta, divertendosi. Da juniores, nel 1980, vince due titoli tricolori su pista. Ottima carriera da dilettante e quindi l’esordio fra i professionisti nel 1985 con l’Ariostea-Oece, quindi la Gis Gelati dal 1986 al 1988, ritorno all’Ariostea, dove trova quale d.s. Giancarlo Ferretti, e rimane fino al 1992. Passa poi alla MercatoneUno nel 1993-1994 e quindi approda alla Mapei per un biennio. Nel 1997 indossa la maglia dell’U.S. Postal, l’anno successivo è alla veneta Ballan e di nuovo, dal 1999 al 2002, il ritorno alla Mapei, dove termina la carriera ma non il rapporto d’affetto e d’amicizia che lo lega sempre alla famiglia di patron Giorgio Squinzi.

E’ ragguardevole pure il suo palmarès sui tondini di tutto il mondo con cinque titoli italiani in varie specialità e l’argento ai mondiali del 1988, a Gand, in Belgio. Nei caroselli delle Sei Giorni dove era assai ricercato, ha primeggiato in quindici competizioni in coppia con lo spettacolare specialista australiano Danny Clark, con Pierangelo Bincoletto, Giovanni Lombardi, il tedesco Andreas Kappes, il suo amico e vicino di casa Marco Villa e il romagnolo Andrea Collinelli.

Indica, come vittoria più bella, il suo primo successo, ovviamente in volata, al Giro d’Italia, quasi a casa, a Lodi, dove prevale nella tappa di km. 241 con partenza da Cuneo, lasciandosi alle spalle l’australiano Anderson e l’olandese Van Poppel.
Fra i protagonisti delle volate suoi contemporanei indica in Guido “Guidone” Bontempi e in Mario Cipollini quelli dotati di maggiore classe e forza, i più competitivi, mentre fra i corridori di corse a tappe e linea, quelli "completi", la sua preferenza è per Gianni Bugno e per Miguel Indurain.

Per conto della FCI si occupa poi, per un paio d’anni della pista
, nell’individuare e allenare i giovani più promettenti e, nel 2004, grazie anche all’interessamento di Ernesto Colnago, passa quale direttore sportivo alla belga Landbouwkrediet, formazione nell’orbita el costruttore di Cambiago. Nel 2005-2006 è all’elvetica Phonak, nel 2007 all’Astana e, per un paio d’anni, fa parte dello “staff” dei piloti delle vetture direzione corsa e giuria di RCS Sport e quindi approda nel 2011 alla Leopard-Trek, chiamato da Luca Guercilena ad occuparsi soprattutto di seguire dappresso i corridori più giovani  nel loro percorso di crescita. Ancora oggi è nella Trek-Segafredo, sempre con Guercilena, in giro per il mondo, in questo ciclismo globalizzato così diverso dalle placide abitudini del suo “centro del mondo”, la sua famiglia, la sua tranquilla e amata Vailate.

Il figlio e nipote d’arte, Piero, primogenito di Adriano e della moglie Mirella, classe 1990, la figlia è Marta, ha percorso nelle categorie giovanili le medesime strade del padre e del nonno ottenendo vari successi sia su strada, sia in pista. A ventidue anni però, inquadrato nella formazione “continental” guidata dal padre, anche a seguito di una serie d’infortuni, ha preferito lasciare il ciclismo pedalato e frequentare la facoltà di fisioterapia puntando magari a un rientro nell’ambiente dopo avere completato il suo corso di studi. Si è laureato con 110, a pieni voti, proprio lunedì 13 (complimenti vivissimi) ed è già in quota del Team Sky per la prima – e importante – esperienza della sua nuova professione.

I Baffi che pedalano non finiscono qui comunque. Stefano Baffi, figlio di Rosario, fratello di Adriano, si cimenta sui medesimi percorsi ciclistici della famiglia, con qualificati risultati ottenuti – ovviamente, verrebbe da dire – sia in strada, sia in pista, nella categoria juniores.

Dopo nonno Pierino, lo zio Adriano, il cugino Piero, Stefano Baffi è il quarto “prodotto” di un’affiatata famiglia, definibile anche come la “saga dei Baffi”, che ha la bicicletta e il ciclismo nel DNA e nei cromosomi.

E la sciura Giusta, come figlia, moglie, mamma e come nonna, ha sempre ruote che girano in famiglia, tenuto conto che suo papà, Alfredo Ferrari, è stato un ottimo dilettante negli anni ’30. Più di così…

Giuseppe Figini
Copyright © TBW
COMMENTI
Complimenti
17 novembre 2017 21:16 thered
Grande Famiglia quella dei Baffi, Atleti e Uomini di una volta, che ottengono tutto con la SERIETA' e la dedizione al proprio Lavoro, sia quando erano in Sella ed ancora oggi dall'Ammiraglia! Bravi e Complimenti a Piero per l'Ottimo risultato raggiunto in questi giorni! Ciao Adriano a presto

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

È un vero e proprio dominio, quello firmato da Andrea Piccolo nella classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Ulian. Il magentino del Team LVF, infatti, ha letteralmente stracciato gli avversari conquistando punti lungo tutto l'arco della stagione con incredibile regolarità, a...


Mai dire mai... ma sembra molto difficile che le rivali possano insidiare il successo di Marta Bastianelli nell'Oscar tuttoBICI Alé Cycling. La laziale, campionessa italiana in carica, ha infatti un ampio margine di vantaggio sulla pattuglia delle avvesarie, guidate da...


  Era il Coppi di Giuncugnano. E quando il Coppi di Castellania scoprì, scelse e adottò il Coppi di Giuncugnano nella Tricofilina-Coppi, anno 1959, almeno nell’Alta Garfagnana si pensava a una nuova stella. Fu invece una meteora. Silvano Lunardi era...


All'edizione 2019 della cronosquadre denominata 6XAndrea, in programma domenica 22 a Jesolo (Venezia) e valida per il Campionato Italiano della specialità, parteciperanno anche 12 corridori, suddivisi in due formazioni, appartenenti all'Associazione Glorie del Ciclismo Triveneto presieduta da Mario Beccia... per...


Sabato 21 settembre, presso la Pro-Loco Seregno, in via Cavour 25, alle ore 17.30, è in programma un incontro-dibattito con il titolo “RACCONTI DI CICLISMO - tra romanzo e storia” con gli autori delle pubblicazioni – Mauro Colombo e Gianni...


  Tutto pronto per la sessantesima edizione della Coppa Messapica, la classica del ciclismo dilettantistico élite e under-23 che si correrà sabato a Ceglie Messapica. Grazie alla regia dell’A.S.D.C G.S.C. Orazio Lorusso, andrà in scena una gara sicuramente combattuta con...


Si profila una nuova sfida per il Team Mortiloro Lanzarote che questo finale di stagione vede protagonista Stefano Cecini che, dopo aver gareggiato in tandem con Pierre Amighini per tutto l’anno, si cimenta ora in una prova estrema l’Adriatica Marathon 2019. Si tratta di una competizione...


Si preannuncia un finale emozionante, da correre sul filo di lana per eleggere la squadra Campione d’Italia 2019. La Ciclismo Cup è arrivata alla dodicesima prova, dopo Giro di Toscana e Coppa Sabatini, e sta andando in scena un testa...


Parla rumeno la seconda tappa del Giro di Slovacchia grazie a Eduard-Michael Grosu. Il portacolori della Delko Marseille Provencesi è imposto sul traguardo di Ruzomberok precedendo nell'ordine il belga Lampaer ed il francese Demare. Prorpio Lampaert si consola comunque strappando...


Alberto Bettiol era uno dei corridori più attesi oggi alal Coppa Sabatini, soprattutto in chiave mondiale. Il toscano, vincitore quest'anno del Giro delle Fiandre, racconta così sui social la sua giornata: «Correre con la maglia azzurra è sempre una grande...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy