TOUR. ROBBIE MCEWEN SCOMMETTE SU VINGEGAARD E CONTRO CAVENDISH

INTERVISTA | 30/06/2023 | 08:18
di Giulia De Maio

Il conto alla rovescia per la grande partenza da Bilbao del Tour de France sta per scadere ed è ora dei pronostici. Alla vigilia del pronti-via abbiamo scambiato due chiacchiere con Robbie McEwen, tre volte maglia verde alla Grande Boucle, e oggi tra le voci tecniche di Eurosport /Discovery. Il 51enne australiano, che in carriera ha conquistato 12 tappe, da domani commenterà la sfida in giallo dallo studio Cube di Londra.


Il tuo favorito?


«Jonas Vingegaard perchè è il campione uscente e si presenta al via al termine di una preparazione perfetta. La battaglia con Pogacar sarà ancora più serrata dell'anno scorso, mi aspetto un Tadej più forte rispetto a quello visto al Tour 2022».

Chi sarà il velocista più forte?

«A questa domanda è più difficile rispondere, ma ho fiducia in Jasper Philipsen».

Cavendish riuscirà a battere il record di vittorie di tappa di Merckx?

«Mmmmmh, non credo. Non penso Mark sarà in grado di vincere una tappa ma so che dirlo aumenterà la sua chances (ride, ndr)».

Ti piace questo ciclismo di baby fenomeni?

«Lo trovo interessante ed eccitante da vedere. I due contendenti più accreditati per questo Tour li consideriamo esperti per il loro palmares ma hanno solo 24 e 26 anni. I corridori di oggi non pensano troppo, corrono seguendo le sensazioni e spinti dall'adrenalina della competizione».

C'è un nuovo McEwen in gruppo?

«No, ma Dylan Groenewegen ha caratteristiche simili alle mie. Forse è quello in cui mi ci ritrovo di più».

È meglio commentare il Tour o correrlo?

«Parlarne da uno studio è molto più facile. Mi entusiasmo a seguire la corsa, amo l'adrenalina delle fasi salienti, mi diverto a leggere la gara. Commentare una vittoria non è paragonabile a viverla in prima persona, ma nemmeno raccontare di una giornata dura in montagna è lo stesso che sentire la fatica nelle gambe. Quella sinceramente non mi manca (sorride, ndr)».

Un augurio che vuoi rivolgere ai partecipanti del Tour 110?

«Spero che nessuno venga coinvolto in brutte cadute, sia costretto a fermarsi per colpa di malattie o sfortuna. Vorrei vedere i migliori lottare testa a testa, che tutti abbiano la possibilità di giocarsela e sono curioso di scoprire chi la spunterà».

 

nella foto Robbie McEwen un anno fa a Parigi con Marcel Kittel per la prima tappa del Tour de France Femmes

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Un grave lutto ha colpito Saverio Metti, presidente del Comitato Regionale Toscana della Federciclismo. Nel pomeriggio di oggi martedì 16 luglio, è morto suo padre Raffaello conosciuto da tanti amici come “Allolio”. Una scomparsa giunta improvvisa per Raffaello, dopo qualche...


Dopo il ritiro forzato dal Tour de France, Juan Ayuso è costretto a rinunciare anche alla prova a cronometro dei Giochi Olimpici di Parigi2024. Al suo posto correrà Oier Lazkano della Movistar. Ayuso resta tra gli iscritti della prova in...


Con il nuovo Cytal Carbon POC si conferma un marchio costantemente votato all’innovazione,  esattamente come accaduto in passato con i caschi Octal e poi Ventral. In questo caso ogni elemento essenziale di questo casco è stato ottimizzato, anzi, è stato...


I migliori atleti Under 23 si danno appuntamento dal 17 al 21 luglio al Giro della Valle d'Aosta che compie sessant'anni. La VF Group Bardiani-CSF Faizanè ha scelto i 5 giovani che prenderanno parte alla prestigiosa gara a tappe giovanile. Al...


In occasione del secondo giorno di riposo del Tour de France, torna protagonista Raymond Poulidor! La Alpecin-Deceuninck e @mathieuvanderpoel hanno lanciato infatti la nuova maglietta #MerciPoupou e la campagna di raccolta fondi 2024! Lanciata nel 2021 in ricordo del...


È la ricerca bellezza. È il nuovo ciclismo, la nuova frontiera della ricerca applicata allo sport, è un passo avanti dell'umanità nella direzione della perfezione e dell'armonia, perché questo insegue da sempre l'uomo e spesso lo fa prendendo abbagli e...


Il secondo giorno di riposo ha concesso un po' di tregua ai corridori del Tour, che vi sono arrivati dopo due tappe corse a velocità da record e due frazioni sui Pirenei che hanno segnato in maniera netta la classifica...


Jonas Vingegaard al Tour de France è venuto per vincere e lo ha confermato anche ieri durante la conferenza stampa nel giorno di riposo. Il danese ha vinto già due volte la Grand Boucle, ma questa volta deve confrontarsi con...


Il Tour de France 2024 riparte in direzione Nizza dopo il secondo e ultimo giorno di riposo per affrontare le ultime 6 tappe. Nelle 15 frazioni disputate finora sono 10 i corridori che hanno conquistato successi, in rappresentanza di 7...


Per uno come lui è giusto festeggiare il compleanno durante il Tour de France: ne ha vinte 5 edizioni consecutive, più 2 del Giro d’Italia. Auguri al grande spagnolo  Miguel Indurain che oggi 16 luglio festeggia il compleanno numero 60....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi