LOTTA AL DOPING, GLI STAKEHOLDER DEL CICLISMO AUMENTANO I FINANZIAMENTI AL PROGRAMMA DELL'ITA

ABBIGLIAMENTO | 02/12/2022 | 16:49

Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA all'inizio del 2021. Questo primo passo ha permesso di continuare gli sforzi già consolidati del ciclismo nello sport pulito, beneficiando non solo della maggiore infrastruttura di supporto dell'ITA, ma anche delle migliori pratiche e delle nuove sinergie derivate dall'esperienza dell'organizzazione nella gestione di programmi antidoping per 60 federazioni internazionali e organizzatori di grandi eventi. Un anno dopo il trasferimento delle attività operative del ciclismo all'ITA, un audit di successo da parte dell'Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha convalidato la qualità e la forza del programma antidoping guidato dall'UCI dall'ITA.


Il programma antidoping ciclistico compirà ora un ulteriore passo avanti: il Comitato di finanziamento del Programma Antidoping UCI - composto da rappresentanti dell'UCI, dell'Association Internationale des Groupes Cyclistes Professionnels (AIGCP), dell'Association Internationale des Organisateurs de Courses Cyclistes (AIOCC) e dei Cyclistes Professionnels Associés (CPA) - ha deciso di aumentare progressivamente i finanziamenti specifici per la categoria del ciclismo su strada professionistico maschile nelle aree di Intelligence & Investigations (I&I), test, scienza, analisi dei dati, archiviazione a lungo termine dei campioni e rianalisi dei campioni. Questo aumento sarà graduale, con ulteriori 1,5 milioni di euro investiti nell'espansione della capacità I&I, test e scienza dell'ITA nel 2023 e 2,4 milioni di euro dal 2024 in poi, con particolare attenzione alle misure preventive a lungo termine attraverso un'ulteriore conservazione e rianalisi dei campioni, nonché ulteriori analisi dei dati. Alla fine di questo ciclo biennale, il bilancio operativo annuale per la lotta al doping nel ciclismo sarà cresciuto fino a raggiungere un totale di circa 10 milioni di euro, il 35% in più rispetto ad oggi.


La strategia dell'ITA per l'utilizzo dei maggiori finanziamenti nei prossimi anni completerà il programma antidoping, già riconosciuto a livello internazionale come uno dei più solidi. Sebbene tutte le missioni di controllo antidoping siano già basate sui risultati del lavoro di I&I, le informazioni provenienti dai dati del passaporto biologico degli atleti (ABP), dagli indicatori di prestazione e/o da altre fonti, l'intensificazione degli sforzi nell'area dell'I&I è stata chiaramente identificata come la priorità principale. Inoltre, una maggiore capacità di conservare e rianalizzare i campioni in un secondo momento (fino a 10 anni dopo la raccolta dei campioni ai sensi del Codice mondiale antidoping) prolunga la capacità dell'ITA di rilevare le violazioni delle regole antidoping e fornisce una forma efficace di deterrenza. In linea con questi obiettivi principali, la maggior parte dei finanziamenti aggiuntivi sarà utilizzata per personale specializzato, piattaforme aggiuntive e strumenti informatici, nonché per i costi di stoccaggio e di laboratorio.

Questo aumento di bilancio significa che il ciclismo non solo anticiperà e affronterà potenziali lacune adottando un approccio complementare all'avanguardia, ma continuerà anche i suoi sforzi per proteggere i ciclisti e la credibilità del ciclismo anche in futuro. Mentre l'attuale aumento del budget si concentra sul ciclismo professionistico su strada maschile, l'ITA e l'UCI lavoreranno anche per migliorare gli sforzi sportivi puliti in altre discipline ciclistiche, poiché ognuno ha le proprie specificità quando si tratta di approcci antidoping. Dopo il successo dell'audit della WADA dello scorso anno che ha confermato la qualità e la forza del programma antidoping guidato dall'UCI dall'ITA, questa decisione dimostra ancora una volta l'impegno della comunità ciclistica per lo sport pulito e per rimanere in prima linea nella lotta contro il doping.

Copyright © TBW
COMMENTI
FCI
2 dicembre 2022 17:41 siluro1946
Nelle cose inutili siamo sempre i primi. Siamo anche i primi per numero di morti sulle strade. Avanti così fino alla fine


Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È un dominio assoluto e indiscutibile, quello della UAE Emirates al Giro di Svizzera. La quinta tappa ha portato la carovana da Ambrì a  Carì per 148, 6 km e in vetta alla salita conclusiva - davvero spettacolare - Adam...


Dopo la tripletta al Giro d’Italia, Tim Merlier torna alla vittoria sulle strade di casa: il velocista della Soudal Quick Step ha vinto infatti allo sprint la seconda tappa del Giro del Belgio. Sul traguardo della Merelbeke - Knokke Heist...


Le ragioni per cui si desidera una e-road sono tante. C’è chi la sceglie per conquistare salite altrimenti troppo impegnative, chi per esplorare percorsi lontano da casa, o chi per pedalare insieme agli amici più allenati. Qualunque sia la motivazione,...


Il conto alla rovescia per la quinta edizione della BERGHEM#molamia è cominciato. Domenica 16 giugno 2024 a Gazzaniga (Bergamo) sono attesi i 1647 ciclisti iscritti e che rappresentano un vero record per la manifestazione. Tra gli ospiti illustri annunciati dall’organizzazione...


Volata doveva essere e volata è stata a Cremona al Giro Next Gen 2024. Steffen De Schuyteneer (Lotto Dstny) si è aggiudicato la quinta tappa, saltando e battendo di pochi centimetri Tim Torn Teutenberg (Lidl-Trek), ancora secondo dopo la frazione di...


Ancora una volata serrata sulle strade del Giro di Slovenia: la seconda tappa - la Žalec-Rogaška Slatina di 177, 9 km - ha visto il successo del tedesco Phil Bauhaus che ha preceduto di pochi centimetri Alberto Dainese. Proprio le...


Amanuel Ghebreigzabhier si è laureato campione eritreo a cronometro per il secondo anno di fila. Il corridore di Asmara della Lidl Trek ha fatto segnare il miglior tempo sui 32 chilometri anticipando Henok Mulubrhan, della Astana Qazaqstan e Biniam Girmay...


A poco più di 40 giorni dall'appuntamento olimpico di Parig 2024 arrivano le prime convocazioni ufficilali. La Colombia ha deciso di affidare la maglia della nazionale a Dani Martinez ed Egan Bernal, compagni di squadra nella Ineos Grenadiers. Martinez, secondo...


La condizione di Tadej Pogacar in vista del Tour de France che lo aspetta, secondo il suo diesse in casa UAE Matxin. E poi, cosa pensano Gianni Motta, GB Baronchelli e Paolo Savoldelli dei due avversari più attesi alla...


È stata una giornata davvero sfortunata, quella di ieri per la EF Education Easypost: Richard Carapaz e Alberto Bettiol non saranno oggi al via della tappa 5 del Tour de Suisse a causa delle lesioni riportate nelle cadute che li...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi