NIERI. «NON ABBIATE FRETTA DI SUPERARE SCALINI! BARDIANI, ORGOGLIOSO DELLA TUA FIDUCIA»

INTERVISTA | 23/01/2022 | 08:10
di Nicolò Vallone

Continua la nostra serie di conversazioni coi numerosi neoprofessionisti della Bardiani Csf Faizané: oggi è il turno di Alessio Nieri


La tua storia ormai la sappiamo: inizi a pedalare nel 2018, a 16 anni, in mountain bike. Nel 2019 passi alla strada nella Big Hunter Seanese. Nel 2020 approdi in Mastromarco Sensi Nibali. Un paio di stagioni lì, ed eccoti catapultato ora nel professionismo con la chiamata della Bardiani. Com'è possibile arrivare così in alto in così poco tempo?


«Da quello che ho visto io, consiglio sempre di non voler superare per forza gli scalini. Vedo juniores che vogliono fare i dilettanti e dilettanti che sono praticamente dei professionisti. Così però non puoi migliorarti più dopo. Se invece stai coi piedi un po' più piantati a terra, tutto poi viene di conseguenza.»

Ripercorriamo i tuoi scalini, allora: perché decidi di entrare nel ciclismo, e perché nella MTB?

«Renzo Donati, che seguiva mia sorella quando lei faceva atletica, per anni quando ero ragazzino mi invitò a provare col ciclismo, perché potevo appassionarmi e poteva nascere qualcosa di bello. Prima non avevo voglia, poi piano piano mi sono convinto e ho deciso di correre. Trovare squadra su strada però era difficilissimo: solo più avanti ho capito quando fosse difficile per un team prendere uno juniores che non ha mai corso prima! L'unico modo era iniziare con la mountain bike ed è stata una giusta scelta: ti insegna a guidare bene il mezzo e faticare.»

Come sei riuscito quindi a passare subito da MTB a strada?

«Grazie a Gabriele Balducci, che è un caro amico di famiglia, sono entrato nel team della famiglia Fuochi. Lì feci discretamente bene e sono passato alla Mastromarco con lo stesso Balducci direttore sportivo.»

E alla fine arriva la Bardiani... quando hai ricevuto la chiamata?

«Il primo contatto è stato inaspettato, al termine di un Giro Under 23 nel quale ero al massimo arrivato 7° di tappa, e prima del quale non ero riuscito a correre nemmeno una gara a causa della pandemia. Siamo riusciti a chiudere la trattativa e tutto questo mi ha fatto davvero tanto piacere!»

Il 1 dicembre tu e gli altri neopro italiani avete ricevuto il saluto e i consigli del neo c.t. azzurro Daniele Bennati: cosa ti ha colpito di più?

«Quel giorno ho ricevuto in generale tanti insegnamenti che porto con me, Daniele con la sua grandissima esperienza ci ha suggerito di non vincere per forza ma di convincere, almeno nei primi anni. Dobbiamo crescere e maturare con calma: se ci sono doti e numeri, quelli emergono.»

Da atleta forte in altura, che effetto ti fa poter imparare da un uomo del calibro di Giovanni Visconti?

«Esatto, ho questo grandissimo onore. Abitiamo a mezz'ora di strada, io a Santa Maria a Monte e lui a San Baronto: abbiamo già potuto allenarci insieme diverse volte. Anche solo ricevere consigli da lui è stupendo, se penso che 4 anni fa montavo in bicicletta per la prima volta e lui al massimo lo vedevo in tv.»

Con quali corse inizierà il tuo 2022 da neopro e cosa ti aspetti da questa esperienza in ciclamino?

«Non lo sappiamo per certo, stiamo definendo ancora i programmi e stanno annullando delle corse. Ad adesso, potrei iniziare in Turchia (Tour of Antalya, ndr). Essere in questa squadra è motivo di orgoglio e voglio dimostrare che non si sono sbagliati a credere in me, voglio dare una mano quando c'è bisogno e, se si presenta l'occasione, puntare alla vittoria.»

Corse e corridori preferiti?

«Giro d'Italia, non potrebbe essere altrimenti. Inoltre tengo in particolar modo alla corsa di casa, il Giro di Toscana. Per quanto riguarda i miei modelli, uno su tutti Froome. Poi ovviamente faccio riferimento a Nibali.»

Curiosi di vedere fin dove arriverà la... scalata di Alessio Nieri, gli rivolgiamo il nostro in bocca al lupo!

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Arnaud DEMARE. 10. Alé! Non è solo il logo del produttore di maglie, ma è l’ennesimo grido di battaglia del velocista transalpino, prima dell’urlo finale: olé! Terzo squillo di tromba del ragazzo in maglia ciclamino, terzo acuto rossiniano di uno...


Non capisco ma mi adeguo, dicevano una volta in casa Arbore. Qui al Giro 2022 si va avanti così. Bisogna andare avanti così per forza, alternative non ce ne sono. Dicono tutti, sempre, in continuazione, che bisogna aspettare la terza...


Disagi per l’ingorgo stradale provocato dal Giro E, che ha bloccato buona parte del seguito autorizzato: è la conferma che in questo Giro il principale problema resta il tappo. Sta bene il tecnico che ha oscurato la Rai in sala...


Tris di Arnaud Demare al Giro 2022. Il francese maglia ciclamino,   già vincitore a Messina e Scalea, si è imposto a   Cuneo al temine di una tappa (150 km)  che ha tenuto col fiato sospeso perché il gruppo ha...


Da qualche settimana Egan Bernal è tornato in Europa, per allenarsi e proseguire il suo lento cammino di recupero dop il bruttissimo incidente del quale è stato vittima nello scorso mese di gennaio. Ieri sera era a Cuneo, dove ha...


Lo straordinario 2022 del ciclismo femminile italiano continua e soprattutto porta alla ribalta nuovi nomi. Oggi gli applausi sono per Matilde Vitillo, portacolori della Bepink; che ha vinto la seconda tappa Vuelta a Burgos, la Sasamón - Aguilar de Campoo...


Dopo 35 km il colpo di scena: Romain Bardet scende di bicicletta, si accascia, poi si siede sul marciapiede. Pochi minuti e arriva la notizia clamorosa del ritiro del francese, capitano della DSM. Marco Saligari, motocronaca di RaiDue, era al...


Domani col Gran Premio Santa Rita scatta la Due Giorni Marchigiana 2022. Le due competizioni unite da una challenge a punti si svolgeranno con partenza e arrivo nel territorio comunale di Castelfidardo, attiva cittadina adagiata sulle colline dell’entroterra di Ancona....


La puntata di Velò andata in onda ieri sera su TvSei è stata particolarmente interessante, si è parlato di Giro d'Italia con Luciano Rabottini, Riccardo Magrini e Valentino Sciotto: sotto riflettori la seconda settimana della corsa rosa. Se la volete vedere o rivedere, potete...


Imprenditori e amministratori pubblici uniti per collaborare attivamente con gli organizzatori della tappa del Giro Donne in programma il 7 luglio con partenza da Prevalle e arrivo al Maniva dopo 112 chilometri abbondanti. Prima, durante e dopo la presentazione svolta...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach