EVENEPOEL E VAN WILDER, GLI AMICI-RIVALI DIVENTANO COMPAGNI DI SQUADRA

PROFESSIONISTI | 20/11/2021 | 07:50
di Francesca Monzone

Nelle prossime stagioni Remco Evenepoel avrà un suo vecchio rivale in squadra: si tratta di Ilan Van Wilder che, svincolato dalla DSM, ha firmato con la Deceuninck-Quick Step. Quella tra Remco e Ilan è una storia di rivalità, amicizia e rispetto nata nelle categorie giovanili, dove si sono sempre sfidati perché entrambi sono nati nel 2000.


Ma se Evenepoel aveva trovato subito casa con Lefevre, discorso diverso è stato per Van Wilder, prima corteggiato dalla Lotto-Soudal, che poco aveva convinto il giovane belga, e poi dal Team DSM, che lo aveva ingaggiato lo scorso anno con un contratto biennale.


Ma il Wolfpack, quando ha capito che tra van Wilder e la sua squadra c’erano problemi, non ha voluto lasciarsi sfuggire l’occasione di prendere un giovane belga e così Lefevere ha fatto in modo di riunire i due rivali. Remco è felice dell’arrivo in squadra di Ilan, tanto da avergli dedicato un post di benvenuto sui social, in cui ha pubblicato una foto di quando a 18 anni vestivano insieme la maglia della nazionale belga.

Si tratta di un’immagine del 2018 quando Remco conquistò l’oro ai Campionati Europei a cronometro nella categoria junior e Ilan arrivò secondo. Remco a Brno prese anche l’oro nella prova in linea, mentre l'amico-rivale arrivò quarto. Quello fu l’anno in cui Evenepoel fu il signore indiscusso della sua categoria, conquistando anche il titolo di campione mondiale in linea e a crono.

Nati nello stesso anno ma con un percorso completamente diverso, su strade che si sono continuamente incrociate, come al Giro della Lunigiana, dove ancora una volta Remco ha chiuso la classifica generale davanti al suo rivale, così come nel 2017 quando si incontrarono a La Route des Geants.

Nel 2019 i due rivali si dividono, Remco ha fatto il salto entrando nella corte di Lefevere, mentre Ilan ha continuato a correre nella categoria under23. Nel 2020 però anche Van Wilder approda nel professionismo, con la DSM, che però non lo conquista. Arrivano così i dissapori e le insoddisfazioni tanto che, dopo il Delfinato, viene fermato al termine dei campionati nazionali e quella Vuelta che tanto desiderava disputare per lui resterà un sogno da realizzare. Inevitabile lo sfogo sui social con parole di delusione: «Mi hanno tolto il debutto in un grande Giro - aveva scritto Van Wilder -. Non riesco a spiegare la mia delusione. Una cosa è certa: spero di trovare la gioia e la motivazione in gara. Spero di poterlo fare in un ambiente nuovo dal prossimo anno».

Queste sono le parole che lasciavano intendere cosa sarebbe successo a breve, ovvero il passaggio ad un’altra squadra. Lefevere ha avuto la meglio su tutti, compresa la Lotto-Soudal che era tornata alla carica. Van Wilder aveva detto che tra i suoi desideri c’era quello di sfidare Evenepoel nel World Tour, ma così non sarà perché saranno compagni sotto la stessa bandiera e Ilan già sa che il suo ruolo per il momento non sarà di protagonista, ma lo vedremo al servizio di Re Remco.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si svolge oggi a Milano il corso organizzato da FCI, ACCPI ed LCP, dedicato ai ragazzi neoprofessionisti e alle ragazze neo-WorldTour. Ad aprire i lavori, l'intervento di Daniele Bennati, nuovo c.t. della Nazionale italiana maschile di ciclismo: «Oggi si...


L’inverno non è amico della bici, questo è poco ma sicuro. Il freddo, lo sporco, la pioggia, il gelo e il sale distribuito sulle strade sono da sempre fattori che mettono alle strette le parti meccaniche delle nostre bici e...


Il titolo italiano, quello europeo e poi la vittoria alla regina delle Classiche, la Parigi-Roubaix: Sonny Colbrelli è stato protagonista di una stagione davvero indimenticabile. Sidi ha deciso di concentrare le emozioni delle più belle vittorie sulla tomaia della sua Wire 2, una scarpa alla...


Prima o poi si torna alle origini. Capita anche a Sonny Colbrelli, il miglior ciclista italiano dell’anno: presentandosi nella sede della Merida Italy, a Corte Tegge, per ritirare una mountain bike realizzata in esemplare unico per lui, il Cobra rivive...


A pochi mesi dell'inizio della nuova stagione, il team Caja Rural-Seguros RGA completa la sua squadra con la firma di un corridore del valore e dell'esperienza di Mikel Nieve (Leiza, 1984). Il ciclista della Navarra arriva con la motivazione di...


Non è stato lui a scegliere la bici, ma la bici a volere lui. Come una dea che s’impadronisce di un guerriero fino a renderlo eroico, leggendario, mitico. E Piero Marchesi, a suo modo, eroico, mitico, leggendario lo è. Anche...


Oggi inizia dicembre, ultimo mese dell'anno solare ma già il primo della nuova stagione agonistica. Il calendario di un ciclista professionista non è lo stesso di una persona che svolge un lavoro con ritmi più canonici. Noi corridori in genere...


È una storia che va avanti quella tra Drone Hopper Androni Giocattoli e Bottecchia. Saranno, infatti, le biciclette dell’azienda di Cavarzere ad equipaggiare il team. Sarà il sesto anno di una partnership solida come spiega Marco Bellini, il responsabile sponsor...


Astoria Wines è protagonista non solo sul podio del grande ciclismo (come avviene al Giro d’Italia, a La Vuelta Espana o in tante altre occasioni internazionali), ma stavolta anche in gara. Filippo Polegato, AD di Astoria Wines, è stato infatti...


Il 2022 sarà l’anno dei colombiani: a dirlo è stato Rigoberto Uran alla stampa nazionale, fermamente convinto che il prossimo anno la vittoria al Tour de France sarà di Egan Bernal. A voler brillare però, non ci saranno solo i...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI