FANTINI GROUP SUPPORTA IL PROGETTO RACING FOR CHANGE: 60 BICICLETTE IN REGALO

INIZIATIVE | 29/07/2021 | 07:37

Le vie della solidarietà, dell’integrazione, della civiltà, insomma quelle che tracciano la direzione del nostro futuro in tutto il pianeta, possono essere anche percorse su due ruote. Pedalando, sul sellino di una bicicletta. Perché il ciclismo è uno sport che, forse più di altri, pone in primo piano la persona: la sua fatica, la sua determinazione, la sua umanità. Senza distinzioni di razza, di sesso o di classe sociale, mettendo così sullo stesso piano ricchi e poveri, privilegiati e negletti.


Ed è quindi bello che Fantini Group, giovane realtà vinicola col cuore in Abruzzo e che in pochi anni è diventata leader tra le aziende esportatrici del Sud Italia, abbia deciso di supportare direttamente il bel progetto di inclusione pensato da The Israel Start-Up Nation, l'unica squadra ciclistica professionistica israeliana della quale peraltro Fantini è tra i principali sponsor.


Nel maggio 2021 i membri del team The Israel Start-Up Nation si sono recati in Ruanda per partecipare per la quarta volta alla più grande corsa in Africa, il Tour du Rwanda. Ma non si trattava solo di prendere parte a una gara in bici, per quanto di richiamo internazionale. Perché nel Bugesera, una provincia del Ruanda composta da diversi villaggi e non lontano dalla capitale Kigali, è stata recentemente fondata l'unica squadra di ciclismo femminile dell’intero Paese. Nota bene: le biciclette sono uno stile di vita in Ruanda; sono un mezzo di sussistenza e, spesso, la chiave per la sussistenza stessa: diventano infatti uno strumento indispensabile per recarsi a scuola o per guadagnarsi da vivere. O per andare a procacciarsi acqua potabile, compito che è affidato essenzialmente alle donne. Nel Bugasera, solo pochi dei 1.400 studenti della scuola locale possono permettersi però una due ruote.

Così i dirigenti del team The Israel Start-Up Nation, supportato da Fantini Group, si sono recati a Kibungo, villaggio del distretto di Bugesera; e lì hanno lanciato e garantito il sostegno a un progetto ciclistico piccolo ma straordinario. Si chiama "Racing for Change"; mira ad aiutare a responsabilizzare i bambini del Ruanda attraverso il ciclismo, «è importante farlo in Paesi in cui il nostro contributo e la nostra assistenza possono fare la differenza», spiegano quelli di The Israel Start-Up Nation. Poi, si vuole anche promuovere la sicurezza stradale per i ciclisti attraverso l'educazione, in particolare per i bambini e gli automobilisti. Infine, un altro obiettivo è quello di promuovere l’attenzione nei confronti delle questioni ambientali.

Intenti nobili. Che Fantini Group ha voluto si sviluppassero attraverso il sostegno diretto al club ciclistico femminile di Bugesera. The Israel Start-Up Nation ha così iniziato ad aiutarlo donando divise e attrezzature, ma anche fornendo assistenza tecnica per riparare le biciclette dei bambini della zona. L’idea è anche quella di sviluppare questo progetto inviando un allenatore da Israele per aiutare a consolidare la squadra.
E Fantini Group ha deciso di fare persino di più. Ha infatti annunciato la consegna, a fine agosto, di 60 biciclette, come segno tangibile della sua vicinanza alle cicliste del Ruanda, e a tutti quanti vedano nel ciclismo un'opportunità per una vita migliore. Persino in questo Paese così lontano e difficile.

"È un progetto nel quale credo molto.  Vogliamo dare a queste ragazze l'opportunità di credere nei propri sogni e la scelta di avviarlo in Ruanda non è stata casuale, visto che è tra i primi paesi africani ad aver promosso  delle politiche di uguaglianza di genere.  Siamo certi che sia l'inizio di un progetto meraviglioso che ha l'obiettivo di divulgare un bellissimo messaggio di uguaglianza oltre che a sdoganare il concetto che il ciclismo sia legato prevalentemente ad un pubblico maschile" ha detto Giulia Sciotti Marketing Manager Fantini Group.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Grande vittoria di Alexander Kristoff nel Circuit Franco Belge, da Tournai s La Louvière per 175, 2 km. Dopo una corsa spettacolare, hanno tentato il colpaccio Alexander Kristoff (Intermarché), Jasper De Buyst (Lotto Soudal) e Dries Van Gestel (TotalEnergies). A...


Guillaume Martin vince la seconda tappa del Tour de l'Ain, la Saint-Vulbas - Lagnieu di 144 km - e conquista la maglia di leader della breve corsa a tappe francese. Lo scalatore della Cofidis ha sorpreso gli altri sei componenti...


Si sta per chiudere il “full circle” ideato da Nathan Haas: cinque biciclette con cinque differenti livree per ritornare sui percorsi sterrati degli albori della sua carriera, seguiti da dieci anni al servizio di squadre WorldTour su strada e per ridare nuova linfa...


Felix Großschartner ha siglato un accordo grazie al quale correrà per l’UAE Team Emirates nelle prossime due stagioni. Il ventottenne scalatore è campione austriaco in carica sia in linea che a cronometro, per un palmares che comprende sei successi...


Il catalano Abel Balderstone (Ullastrell, 2000) è il primo nuovo acquisto della Caja Rural-Seguros RGA per la prossima stagione. Il giovane scalatore sta vivendo un anno fantastico con la Caja Rural-Alea, raccogliendo vittorie e prestazioni che lo hanno portato a...


Maglia di miglior Giovane e quinto posto in classifica generale. E' il bottino finale di Gabriel Fede nella corsa a tappe internazionale Estivale Bretonne in Francia. Una bella prestazione davvero quella del giovane cuneese, 19 anni di Santa Croce di...


Ci ha lasciati Santo Conca per tutti Tino. Tecnico con provata esperienza, era nato a Spirano in provincia di Bergamo nel 1937 ma ha sempre vissuto a Bernareggio (Monza e Brianza). Nella sua lunga carriera di direttore sportivo nelle squadre...


Il 2023 porterà una grande novità nel mondo del ciclismo professionistico: arriverà infatti il primo UCI ProTeam della Nuova Zelanda. La squadra continentale UCI n. 1 al mondo, la Bolton Equities Black Spoke Pro Cycling, ha annunciato infatti di aver...


Mai banale Mario Cipollini quando parla di ciclismo: il nostro direttore Pier Augusto Stagi ha chiamato in causa il più grande velocista italiano di sempre per chiedergli conto sia del Tour de France e delle strategie di Jumbo Visma e...


Julian Alaphilippe è tornato in gara e per farlo ha scelto il Tour del’Ain con l'obiettivo di ritrovare la condizione migliore per l’ultima parte dell’anno, dopo una stagione iniziata bene, ma che ben presto ha messo in ginocchio il campione...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach