STRADE BIANCHE. VAN AERT CERCA IL BIS: «SPERO IN UN PO' DI PIOGGIA»

PROFESSIONISTI | 05/03/2021 | 14:14
di Francesca Monzone

Wout van Aert è arrivato a Siena e, dopo il giro di ricognizione sul percorso di Strade Bianche, è pronto a sfidare i suoi avversari sulle strade italiane.
«Penso di essere pronto, mi sento bene e questa è una corsa che mi piace. Le gambe non posso dire che siano al top come lo scorso anno, ma abbiamo fatto una buona preparazione e speriamo che ci sia anche un po’ meno polvere rispetto al 2020».


Queste sono state le parole che il belga ha detto ieri al pullman della sua squadra, parcheggiato fuori l’albergo che ospita il team Jumbo Visma.
Il campione fiammingo è stato in Spagna, a Tenerife sul Monte Teide, per preparare al meglio le corse di primavera e cercare di ripetere gli stessi risultati della scorsa stagione, quando aveva vinto Strade Bianche, la Milano-Sanremo e ottenuto poi ad ottobre un secondo posto al Giro delle Fiandre.


«Sicuramente ho potuto fare dei buoni progressi in quest’ultima settimana di preparazione. Abbiamo controllato tutto, le sensazioni sono buone e anche a livello di potenza mi sento soddisfatto. Per quanto riguarda le bici, ieri durante il giro di ricognizione non abbiamo avuto problemi, tutto il materiale montato è stato appositamente studiato».

Van Aert è rimasto in Spagna fino al 1 marzo e mercoledì ha preso un volo dall’Olanda che lo ha portato a Bologna, dove ha proseguito il viaggio fino a Siena. Il percorso il belga lo conosce bene, lo scorso anno è stato lui a vincere nella Strade Bianche ha dato la ripartenza al ciclismo mondiale dopo il lockdown.

Era agosto e il caldo era notevole, quest’anno si è tornati a correre in marzo, con un meteo incerto, ma il campione sa perfettamente come affrontare la corsa.

«Le strade sterrate sono leggermente migliori rispetto all’estate passata. L'anno scorso c'erano molti più dossi a causa del manto secco, ora sono mi sembrano più appiattiti. Io spero in un po’ di pioggia, che dovrebbe anche aiutarci ad avere meno forature».

Van Aert non ha partecipato alla Omloop Het Nieuwsblad e alla Kuurne-Brussels-Kuurne, ha preferito saltare il weekend fiammingo per completare la sua preparazione in vista delle classiche. «Il weekend di apertura era un po’ d'intralcio per me, dopo aver affrontato duramente la stagione del ciclocross. Avevo veramente bisogno di quelle tre settimane per prepararmi al meglio per un mese impegnativo di corse. Le settimane in altura sono veramente importanti per una buona preparazione, ma non dobbiamo aspettarci che i benefici di questo lavoro si sentano già tutti nella corsa di domani. Poi devo fare delle scelte e questa soluzione era quella che mi dava maggior fiducia, per poter essere pronto per le gare importanti che iniziano in marzo».

Van Aert ha seguito le gare belghe in televisione per capire a che punto erano i suoi avversari. Il fiammingo è rimasto colpito dal suo avversario di sempre, Mathieu Van der Poel, autore di una splendida Kuurne-Brussels-Kuurne. «Mathieu mi è sembrato molto forte, è stato veramente impressionante».
Il campione olandese sarà uno dei suoi principali avversari nella Strade Bianche, ma Van Aert non vuole guardare solo Van der Poel e Julian Alaphilippe, è convinto che altri corridori siano in grado di conquistare il successo a Piazza del Campo e tra questi mette anche il nome del britannico Pidcock. « Ci saranno molti più corridori con possibilità di vincere. Van der Poel e Alaphilippe saranno tra i più forti in corsa, ma penso anche che Tom Pidcock potrà essere tra i protagonisti».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Enric Mas era il grande favorito e non ha tradito le attese. Sul traguardo della terza tappa della Vuelta Valenciana, la Torrent-Alto de la Reina di 165 km, il capitano della Movistar ha imposto la sua legge staccando nel finale...


Volata incertissima sul traguardo di Marmaris e trionfo di Jasper Philipsen che grazie al colpo di reni batte André Greipel che aveva lanciato la volata. Il belga della Alpecin Fenix è riuscito a centrare il successo dopo tre secondi posti...


Per uno scalatore del calibro di Nairo Quintana, l’incontro con il Tour of the Alps potrebbe definirsi quasi naturale. Nonostante sia all’esordio assoluto sulle strade dell’Euregio, il colombiano del Team Arkéa-Samsic è uno dei più accreditati pretendenti alla nuova maglia verde di...


Una doppia telecronaca e una prima volta. In casa Rai starebbero pensando più che seriamente a qualcosa di estremamente innovativo a livello di narrazione che farà certamente storia, anche perché si tratta di Giro d’Italia, della corsa delle corse, il...


Dopo le gare in Italia a Capoliveri e Nalles, sabato 17 e domenica 18 il Trinx Factory Team affronterà la vicina trasferta in Austria. La formazione diretta da Luca Bramati sarà al completo nell’Ötztaler Mountainbike Festival 2021, gara UCI di Horse Category, che...


Sembrava una caduta come tante, invece quella avvenuta al Trofeo Laigueglia ha avuto conseguenze importanti per Andrea Bagioli. Il giovane valtellinese della Deceuninck Quick Step continuava ad avere dolori al ginocchio: lo staff medico della Deceuninck - Quick-Step, dopo approfonditi...


Da lunedì 19 aprile andrà in scena il Tour of The Alps. Tanti campioni al via con 13 formazioni World Tour e 8 squadre Professional pronti a dare spettacolo. 5 le tappe in programma con due ore di...


Nuova squalifica in Turchia in base ai nuovi regolamenti UCI entrati in vigore dal primo aprile. Questa volta a richiamare l’attenzione, è Alexander Richardson (Alpecin-Fenix), espulso dal Giro per non aver rispettato i nuovi canoni riguardanti la posizione in sella....


Nel giorno della notizia della wild card al Giro d’Italia, anche dalla strada sono arrivate buone notizie per l’Androni Giocattoli Sidermec. Nella tappa regina del Giro di Turchia, quella con l’arrivo in salita ad Elmali, l’argentino Eduardo Sepulveda, infatti, ha...


Jakob Fuglsang si prepara ad affrontare il suo primo grande obiettivo stagionale alle Classiche delle Ardennes, nell’ordine Amstel Gold Race, La Flèche Wallonne e la Liegi - Bastogne - Liegi. Vincitore della Doyenne nel 2019 Fuglsang punta a bissare quel...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155