FISCO, COSI' PER SPORT. RIFORMA DELLO SPORT, APPROVATI I PRIMI CINQUE DECRETI

SOCIETA' | 01/12/2020 | 07:50
di Umberto Ceriani

Con l'approvazione nella serata del 24 novembre 2020 in Consiglio dei Ministri di cinque dei sei decreti nei quali è stata suddivisa la Riforma dello Sport ex Legge 86/2019 si può confermare che l'iter di approvazione di questa Riforma ha preso finalmente avvio, anche se al momento non si conoscono le tempistiche di entrata in vigore dei Decreti.


Questi sono stati suddivisi come segue:


1 - Misure in materia di ordinamento sportivo (al momento è l'unico Decreto non ancora approvato);

2 - Disciplina delle ASD e SSD dilettantistiche e professionistiche, tesserati e rapporti di lavoro nello sport;

3 - Rapporti di rappresentanza degli atleti nonché accesso ed esercizio della professione di agente sportivo;

4 - Normativa in merito ad ammodernamento e costruzione di impianti sportivi;

5 - Semplificazione degli adempimenti relativi agli organismi sportivi;

6 - Misure in materia di sicurezza nelle discipline sportive invernali.

Tra le varie novità di maggior rilievo che sono state approvate ricordiamo ad esempio la gestione del Registro delle ASD e SSD che passerà come competenza dal CONI al Dipartimento dello Sport; l'introduzione della società di persone sportive dilettantistiche a responsabilità limitata, la distribuzione degli utili nelle SSD entro precisi limiti e nuovi limiti per quanto concerne lo svolgimento dell’attività commerciale.

Ma i maggiori problemi deriveranno da un lato dal nuovo inquadramento dei lavoratori sportivi, con la cancellazione delle agevolazioni attuali previste tramite l’applicazione dei cosiddetti "compensi sportivi" ex art 67 e 69 TUIR e la conseguente introduzione dell'obbligo di versamenti di imposte, ma soprattutto contribuzioni previdenziali Inps per tutti i lavoratori dello sport con aliquote previdenziali differenziate.

Questo sarà un vero cambio epocale, da un lato il superamento dell’attuale contrapposizione dilettantismo e professionismo per quanto concerne i contratti di lavoro e le tutele ad una ristrettissima cerchia di sportivi, dall’altro l’introduzione del concetto di “sportivi amatoriali” che non potranno percepire alcun compenso ma solo eventuali rimborsi spese per trasferte documentati e premi per i risultati sportivi ottenuti in competizioni. 

Prima di commentare le norme attendiamo di leggere i Decreti definitivi, tenuto conto che tutta la nuova normativa non dovrebbe entrare in vigore prima di settembre 2021 per quanto riguarda il nuovo inquadramento dei lavoratori sportivi e che, nella bozza di Legge di Bilancio del prossimo anno è stata introdotta la decontribuzione previdenziale per gli anni 2021 e 2022 a beneficio del nuovo lavoro sportivo.

 

www.consulenza-associazioni.com/

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach