L'ORA DEL PASTO. AIDA, UN'OPERA... LIRICA

NEWS | 12/12/2019 | 07:22
di Marco Pastonesi

 

Si chiama Aida, come la principessa etiope schiava in Egitto e innamorata del guerriero Radamès, come l’opera di Giuseppe Verdi rappresentata all’Opera del Cairo nel 1871 e alla Scala nel 1872, ma qui è l’acronimo di Alta Italia da attraversare. Novecento chilometri di pista ciclabile dal Moncenisio a Trieste, cioè dalla Francia all’Istria, toccando Torino e Milano, Verona e Padova, Venezia e Udine, da Piemonte a Friuli Venezia Giulia passando per Lombardia e Veneto. Fino al 15 dicembre è aperta la campagna di crowdfunding, una colletta pubblica, popolare, volontaria, per tracciare la via con il Gps, segnalare il percorso con ottomila crocevia adesivi, curare la manutenzione del percorso per tre anni e sostenere il progetto in Italia e all’estero.

La Fiab, responsabile dell’operazione Aida, ha già superato l’obiettivo minimo, fissato a trentamila euro. Ma si va avanti. “Un chilometro di ciclovia genera in media cinque posti di lavoro, oltre a centomila euro di indotto l’anno (fonte Eurovelo), attrae un turismo responsabile e attento, connette la tua città ad altri percorsi ciclabili e città d’arte, e ti consente splendide gite dal ritmo lento e autentico. Inoltre, Aida insiste su grandi arterie di ingresso alle città, che possono essere utili per i tuoi spostamenti casa-lavoro e la sicurezza di ogni giorno, unisce i tracciati esistenti invece che realizzare nuove infrastrutture, soddisfa la domanda cicloturistica e la domanda di mobilità locale, amplia la rete ciclabile nazionale e collega i beni Unesco”. 

Inserito nella rete Bicitalia, il 50 per cento del tragitto della ciclovia esiste già, si tratta solo di unire i tracciati. Il primo tratto dove verranno posizionati gli adesivi segnavia entro la prossima primavera è fra Desenzano e Verona, cioè il basso Garda, poi a seguire il tratto Brescia-Vicenza e allargandosi la Milano-Padova fino alla Susa-Trieste. I soldi raccolti in più, imprevisti, serviranno per creare un’app con il tracciato disponibile per i prossimi cinque anni. L’idea di attraversare l’Italia in bicicletta può diventare presto realtà, e avvicinarci a quel tipo di mobilità dolce che in altri stati europei, dalla Germania all’Austria, dalla Francia alla Slovenia, è ormai pratica e cultura ben diffuse.

La ciclistica Aida è un’opera turistica e salutistica, storica e geografica, comunque lirica.

Per informazioni: www.aidainbici.it. Link alla piattaforma raccolta fondi “Adotta 1 km della ciclovia Aida”: eppela.com/ciclovia-aida. Link al video dell’iniziativa: https://www.youtube.com/watch?v=OPTtiUfKAB4&feature=youtu.be.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ieri ci era andato vicino,  cogliendo il secondo posto. Oggi Jhonatan Restrepo al Tour du Rwanda ha centrato il bersaglio grosso andando a vincere la terza tappa (Huye-Rusizi di 142 chilometri). Il 25enne colombiano conferma così il suo grande stato...


Gli organizzatori del Giro di Svizzera, in programma quest'anno dal 7 al 14 giugno, hanno ufficializzato le due wildcard a loro disposizione. Ad affiancare le 19 squadre di WorldTour e la Total Direct Energie - formazioni ammesse di diritto alla...


Per Gregorio Ferri questa stagione è cominciata in salita. Il corridore bolognese classe 1997 del Team Beltrami TSA - Marchiol, dopo un grande 2019 (quattro vittorie e cinque secondi posti, con tanto di partecipazione in azzurro ad Europei e Mondiali...


Nessuno di loro era nato quando la Mapei dominava il nome del ciclismo, nessuno pensava di suscitare tanto clamore nell’indossare una maglia con quel logo e soprattutto con quei cubetti che sono stati per un decennio il colore del ciclismo....


La scena è successa a Vò Euganeo, paesino in quarantena per il Corona Virus. I Carabinieri chiudono l'accesso ed effettuano uno sbarramento all'ingresso del paese. Sono ben 10 i blocchi che chiudono l'accesso al borgo veneto. Un giornalista di Repubblica...


Alessandro Fancellu ha deciso di non far aspettare troppo i suoi tifosi e, alla seconda gara professionistica della carriera, si è ritrovato a lottare per la classifica generale del Tour of Antalya. Alla fine ha chiuso terzo, a soli...


  Michele Coppolillo, validissimo professionista nelle stagioni dal 1991 al 2001, è indicato dagli annuari quale terzo corridore ciclista originario della Calabria approdato al professionismo e poi, come vedremo, seguito da un quarto. L’hanno preceduto Giuseppe Canale, nato a Reggio...


Nice, multinazionale italiana con sede a Oderzo (Treviso) leader internazionale nei settori dell’Home Automation, Home Security e Smart Home, prende parte all’innovativo progetto di automazione del nuovo headquarter Pinarello. La storia di Cicli Pinarello inizia proprio a Treviso nel 1953,...


    Il Team Pieri Calamai di Settimello di Calenzano è una bella realtà del ciclismo juniores toscano, dove passione ed impegno vanno di pari passo sostenuti dal presidente Piero Pieri, da Leonardo Forconi e dal direttore sportivo Federico Fioravanti,...


Sono importanti le novità che vanno a caratterizzare questa nuova stagione dell'ASD GS Guadense, guidata dal presidente Angelo Gallio: una squadra storica nel panorama padovano, da sempre impegnata nell'avvicinamento per i giovani allo sport del pedale e molto attiva nell'organizzazione...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155