VUELTA. ATTENTI AD UN FINALE SPACCAGRUPPO

PROFESSIONISTI | 25/08/2019 | 07:40
di Paolo Broggi

Partenza e arrivo sul mare, per la seconda tappa della Vuelta, su strade che i corridori conoscono molto bene, visto che quasi tutte le squadre vengono ad allenarsi in inverno da queste parti. Partenza fissata a Benidorm, dove Gianni Bugno vinse il mondiale nel 1992, e traguardo finale a Calpe dopo 199,6 chilometri all’interno della provincia di Alicante.
Prima parte di tappa che si snoda su terreno sinuoso con due GPM: il Puerto de Confrides (2a categoria) al km 34 a l’Alto de Benilloba (3a categoria) al km 54. Salite lunghe (la prima misura addirittura 20 km ma al 3,6%) che serviranno probabilmente solo per dare il là alla fuga di giornata.

Molto più interessante l’Alto de Puig Llorença al km 174,8: salita di 3 km al 9,5 per cento che promette di spaccare il gruppo e di tagliare fuori alcune ruote veloci, anche perché poi la strada verso il traguardo non è tutta in discesa.

Per qualcuno dei big, vedi Roglic e Aru rimasti penalizzati dalla caduta di ieri nella cronosquadre, è già tempo di pensare a come recuperare terreno nei confronti della maglia rossa di Miguel Angel Lopez.

Per seguire la cronaca diretta della tappa a partire dalle ore 12.10 CLICCA QUI

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ciclisti sempre primi in solidarietà, anche in questo particolare e difficile momento. A Rufina in Provincia di Firenze a consegnare le mascherine alle famiglie per conto dell’amministrazione comunale, sono scesi in bici anche i fratelli Alessandro e Lorenzo Iacchi. Il...


Canyon è fiera di annunciare l’arrivo della prima bici da strada a pedalata assistita, ovvero la nuovissima Endurace:ON, disponibile fin da ora sulla piattaforma digitale di Canyon. Spesso chi  ha il desiderio di comprare una bici a pedalata assistita ha paura di...


Fernando Gaviria finalmente è tornato a casa. Ad oltre un mese e mezzo dal suo arrivo negli Emirati Arabi Uniti, il corridore della UAE ha potuto fare rientro in patria. Lo ha fatto a bordo di un volo partito dagli...


Il professionismo ai tempi del Covid-19 è una bella sofferenza, si è come leoni chiusi in gabbia, ancor di più se i rulli e Zwift non riesci proprio a sopportarli. È il caso di Andrea Vendrame, che ogni mattina si...


Parlare con Maurizio Bellin, European General Manager di FSA, significa trovarsi direttamente sul fronte della malattia e della crisi economica. L'ex professionista varesino, infatti, è in quarantena dopo aver sconfitto il coronavirus e segue con grande attenzione il mondo del...


Claudio Bortolotto, veneto, trevigiano precisamente, nato a Orsago nel 1952, il 19 marzo, giorno di San Giuseppe e della Milano-Sanremo, almeno a quel tempo, è stato un valido corridore professionista con carriera che si è sviluppata dal 1974 al 1984...


È un tweet che fa davvero felici tutti quello che è stato postato nella notte dalla Gazprom Rusvelo: «Igor Boev e Dmitry Strakhov, che si sono completamente ripresi dal coronavirus, hanno lasciato gli Emirati Arabi Uniti dopo un mese di...


In questa puntata Giancarlo Gentina e Italo Zilioli. Due piemontesi. Gentina, gregario, e Zilioli, battitore libero. Gentina lo incontrai al Ghisallo, con un altro campione fra i portatori d’acqua, Germano Barale. Con Zilioli è stata una frequentazione più assidua, tra...


Il mondo del ciclismo scende in campo, o meglio sulle strade virtuali del Giro d’Italia, e si attiva per dare un contributo nella lotta contro il Coronavirus. Sono stati Mario Cipollini (recordman di vittorie alla Corsa Rosa) e Gianni Bugno,...


Voijslav Peric è un talento ancora tutto da scoprire. Cognome veneto, nome ucraino grazie alla madre Nataliya, nata in un piccolo paesino della Ucraina al confine con la Polonia. Peric è nato in Italia, a Thiene, nel Vicentino, l'8 novembre...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155