MERCKX: VIAGGIO NELL'INFANZIA DEL CANNIBALE A BRUXELLES

EVENTI | 09/06/2019 | 07:59
di Diego Barbera

La tre giorni a Bruxelles in occasione degli eventi preparatori per il Grand Depart del Tour de France 2019 si è trasformata in un viaggio nel tempo nell'infanzia e nelle prime pedalate di un Eddy Merckx ancora non Cannibale, soprannome che peraltro non ha mai amato particolarmente. Tra le vie storiche, i palazzi in stile Art Nouveau e gli innumerevoli parchi si è rivissuta la storia del grande campione che nella capitale belga è cresciuto.

Siamo stati a Bruxelles per conoscere come la città si stia preparando per accogliere al meglio le prime tre tappe della Gran Boucle prossima ventura e la seconda e terza giornata è stata dedicata a una pedalata su e giù per le strade della capitale, per vedere da vicino i luoghi del cuore del Cannibale.

La prima tappa è stata nel quartiere di Woluwe-Saint-Pierre (uno dei comuni che compongono la fascia periferica della città) dove Eddy è cresciuto e ha avuto residenza per 27 anni. In mezzo al dedalo di viuzze che si inoltrano nel pittoresco e ordinato centro residenziale c'è una sorta di rotonda ovale con al centro un piccolo giardino, la targa cita "Merckx Square".



Già, Eddy è una delle poche persone al mondo ad avere una piazza dedicata ancora da vivo: è stata inaugurata lo scorso fine marzo per omaggiare i tanti anni trascorsi in quei luoghi. Il monumento al centro mostra una stele con il busto in rilievo e sul pavimento un breve riassunto delle più importanti tra le oltre 500 vittorie in carriera.

Proprio in quella piazza i genitori Jules e Jenny gestivano un piccolo negozio di alimentari contiguo all'abitazione e il piccolo Eddy dava una grossa mano come garzone, naturalmente in bicicletta. Lui che aveva iniziato a pedalare a tre anni appena, che aveva ricevuto la prima bici a nove anni sfrecciando ogni giorno per le consegne e per andare e tornare da scuola, le prime corse sono iniziat sette anni dopo.

Plurivittorioso già da dilettante, firmò il primo maggio (dice lui, ma altri fonti parlano del 29 aprile) del 1965 non ancora ventenne con la Solo Superia di Rik Van Looy e diretta da Hugo Marien, l'anno dopo la vittoria nella prima Sanremo con la Peugeot BP Michelin e il resto è storia.

Il ristorante preferito di Eddy a Bruxelles è La Belle Maraîchère e proprio nell'elegante sala al secondo piano abbiamo cenato con un percorso tra alcune specialità belghe come soprattutto le crocchette di gamberetti, del quale il Cannibale va molto ghiotto e che ordina regolarmente ogni volta che torna. La sua foto compare in diverse sale e il passare del tempo sul suo volto rivela la sua passione per il locale situato nella deliziosa Place Sainte-Catherine.

Il giro in bici a pedalata assistita per Bruxelles ci ha fatto transitare anche davanti la caserma dove ha prestato servizio militare terminando giusto un mese prima del trionfo alla prima Milano Sanremo. Tuttavia, non siamo passati per il sobborgo di Meise, dove aveva sede la Eddy Merckx Cycles, fondata nel 1981 spinto anche dall'idea del produttore Ugo De Rosa - vista la spiccata passione meccanica e inevitabile competenza di Eddy - e poi ceduta perché "Ero stufo", come ha semplicemente spiegato.

Insomma, a Bruxelles si respira aria di Merckx e tutto parla di ciclismo. Non c'è dubbio che Eddy sarà perfetto ambasciatore della città il prossimo 6 luglio, giorno in cui scatterà la corsa gialla

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Giornata importante, quella di oggi, per la famiglia Bonifazio: la Total Direct Energie ha infatti annunciato il prolungmaneo del contratto di Niccolò, che in questa stagione ha colto sette vittorie con la maglia del team francese, e l'ingaggio di suo...


La Israel Cycling Academy si rafforza con due nuovi arrivi: il veterano spagnolo Daniel Navarro e il giovane talento emergente belga Jenthe Biermans entrambi quest’anno in forza alla Katusha Alpecin. Navarro metterà al servizio del team la sua esperienza di...


L’Unione Ciclistica Internazionale ha ufficializzato oggi l’elenco delle nazioni e il numero dei corridori che hanno diritto a partecipare alle prove olimpiche di Tokyo 2020. Per le prove maschili sono 130 i corridori ammessi alla prova in linea e 40...


E' partita dal basso, ora guarda verso l'alto. Più che un team una scuola di ciclismo il Team Bramati di Vaprio d'Adda indirizzata a ragazzi e ragazze dai 6 ai 18 anni che praticano la multidisciplina, vale a dire mountain...


  La Coppa Piemonte di ciclocross domenica ha fatto tappa a Bornate, frazione di Serravalle Sesia, per la sua terza prova. Alla manifestazione organizzata dal Pedale Valsesiano hanno partecipato 157 atleti divisi nelle varie categorie. Sul gradino più alto del...


Sabato 23 novembre, alle ore 17.30 presso le Scuole Elementari (Piazzale Carlo Porta) a Lurago d'Erba nel Comasco, si terrà la presentazione del libro "ALFABETO FAUSTO COPPI" 99 storie di Gino Cervi e Giovanni Battistuzzi. Per l'occasione saranno esposti cimeli,...


Una visita al tempio... Tadej Pogacar è stato ospite questa mattina di Ernesto Colnago nella storica sede di Cambiago, alle porte di Milano. Il giovane talento sloveno della UAE era accompagnato dal suo procuratore Alex Carera, dalla fidanzata Urska Zigart...


In occasione del ritrovo conviviale degli Amici della Fondazione Fabio Casartelli presso il Ristorante Il Corazziere di Merone in provincia di Como, è stata presentata la 22° edizione della Medio Fondo Fabio Casartelli, intitolata all’indimenticato campione di Albese con Cassano...


Ci sono uomini vestiti d'azzurro che si aggirano sulle strade della Bretagna. Viaggiano a gruppi di tre e sono pronti a sfruttare qualcsiasi mezzo di locomozione - dal cavallo di san Francesco al treno - pur di raggiungere i punti...


L'irlandese Rory Townsend della Canyon DBH - che ha anche la nazionalita britannica grazie a suo padre proprio come Dan Martin - ha vinto in volata la seconda tappa del Tour of Fuzhou davanti al promettante australiano Blake Quick, campione...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy