LA FAVOLA DI BETTIOL E L'IMPORTANZA DELL'ATTIVITA' GIOVANILE

APPROFONDIMENTI | 08/04/2019 | 14:15
di Giulia De Maio

Gabriele Balducci ha seguito da Under 23 Alberto Bettiol alla Idea Shoes e alla Mastromarco. L'ex pro' toscano, che ha militato nella massima categoria dal 1997 al 2008 e in carriera ha toccato l'apice vincendo una tappa al Giro d'Italia 2007, ammirando il suo pupillo trionfare al Giro delle Fiandre dei professionisti non ha trattenuto l'emozione e sulla sua pagina facebook ha scritto: «Chi mi conosce bene lo sa che non sono solito affidare i miei pensieri e i miei commenti ai social network, ma le emozioni che ho vissuto oggi assistendo alla vittoria di Alberto Bettiol al Fiandre mi impediscono dal trattenermi perché sono troppo forti ed intense. Innanzitutto faccio i miei complimenti ad Alberto che ha dimostrato di essere un professionista serio. Le classiche monumento sono gare che non si vincono per caso. Ora dovrà confermare quello che ha fatto vedere al mondo oggi, ma intanto anche se per un giorno è stato il numero uno, il migliore, il più forte. Ha messo in fila tutti, uomini come Sagan, Van Avermaet, Valverde, in quella che è una delle università del ciclismo, il Fiandre, il tempio dei muri e del pavé». 

E ancora: «Bettiol è tuttora un vero amico oltre ad essere stato un mio corridore. Con me ha fatto tutto il percorso da Under 23 prima in Idea Shoes e poi alla Mastromarco prima di passare tra i professionisti nel World Tour con la Cannondale, squadra di livello, nella quale ha potuto correre e maturare facendo fin da subito un calendario serio accanto a corridori importanti. Questo mi fa pensare che il lavoro che facciamo con i nostri giovani può ancora dare i suoi frutti e ha un senso. Mi va bene tutto, i nuovi progetti delle squadre continental e tutto il resto... Ci mancherebbe, il ciclismo deve evolvere, migliorare sempre e stare al passo con i tempi. Ma migliorare credo voglia dire vedere i giovani che escono dai nostri team Under 23 avere la possibilità di passare tra i prof in squadre importanti per poter poi un giorno cercare di realizzare i logo sogni, dimostrare il loro valore contro i colleghi stranieri, perché anche noi italiani siamo forti come loro e magari un giorno siamo in grado di realizzare un’impresa come quella che ci ha regalato Bettiol oggi. Bravo Alberto, lo dico con il cuore e grazie per l’emozione che mi hai fatto vivere oggi. Ne avevo bisogno. Tutto il movimento italiano ne aveva bisogno. E adesso continua così, ci aspettiamo di vederti ancora in alto».

Dopo le parole, oggi l'emozione più bella. Toccare il premio del vincitore della Ronde, che è già arrivato in Toscana.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
"Maurino" Ortigni
8 aprile 2019 16:21 Melampo
Chissà, se da lassù, "Maurino" Ortigni sarà orgoglioso di quanto ha fatto un "suo" ragazzo ...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Se progettiamo le città per le auto e il traffico, avremo come risultato auto e traffico; se progettiamo per le persone e gli spazi pubblici, avremo persone e spazi pubblici. Dalla citazione di Fred Kent, fondatore e presidente dell'organizzazione no...


E' Tran Tuan Kiet, portacolori della Dopagan Dong Thap, a firmare il successo nella decima tappa della HTV Cup, la prima corsa a tappe del dopo pandemia che si sta disputando sulle strade del Vietnam. Fuga a sette andata fino...


Reagisce con forza, Jonathan Vaughters, alle voci sulla possibile uscita di scena della EF e sulla chiusura della squadra, pubblicate questa mattina dal quotidiano L'Equipe. Affidandosi a messaggi su twitter, il team manager statunitense chiarisce: «EF Education First sarà ancora...


"Filippo Simeoni era convintissimo di vincere a Bergamo il tricolore 2008. Me lo disse già la sera precedente in camera, durante il massaggio. Volle farsi massaggiare per ultimo e mi chiese fare un buon lavoro, meglio ancora di quello che...


I lunghi mesi del lock down per la pandemia di Coronavirus hanno modificato la percezione che abbiamo della strada: l’assenza di traffico ha mostrato l’ampiezza delle carreggiate, vuote e senz’auto in transito, così come l’esiguità degli spazi riservati a chi...


Il gergo giornalistico e il bisogno di sensazionalismo possono portare ad abusare di termini ed epiteti. Pensiamo ad aggettivi come “incredibile” o “pazzesco”, a de­finizioni come “magia” e ad attributi come “eroe”, “guerriero” o “lottatore”. Ecco, concentriamoci su quest’ultima area...


Dal 9 al 31 maggio si sarebbe dovuto disputare il Giro d’Italia 2020. Tuttobiciweb lo corre comunque, giorno per giorno, con la forza della memoria. Oggi la diciannovesima tappa: Cristian Gasperoni ci racconta quella del 2003. “Davanti a noi un...


La cultura è uno dei settori che più sta soffrendo per le conseguenze dell’emergenza scatenata dal coronavirus. Nell’ultima puntata di BlaBlaBike ne abbiamo parlato con Luciana Rota, giornalista e autrice, che scrive di ciclismo, di storia del ciclismo, di vini...


"L’idea di una città in cui prevale la bicicletta non è pura fantasia”. Marc Augé aveva ragione: questo mezzo di trasporto ha due secoli alle spalle eppure non è mai stato tanto vivo. Forse perché la vita, su due ruote,...


Organizzazione della 23^ 6 Giorni delle Rose Internazionale e ripresa dell’attività giovanile: sono questi gli obiettivi ai quali sta lavorando lo staff del Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza). La manifestazione di ciclismo su pista di Classe 1 è...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155