LANGKAWI. PELUCCHI: «SPERO DI RIPAGARE PRESTO LA FIDUCIA DELLA ANDRONI». AUDIO

PROFESSIONISTI | 08/04/2019 | 13:37
di Diego Barbera

Matteo Pelucchi ha conquistato il secondo posto nella terza frazione del Tour de Langkawi 2019 con arrivo a Putrajaya, battuto soltanto dalla strategia perfetta della Floyd’s per il nuovo leader McCabe. Il velocista della Androni Giocattoli Sidermec ha anticipato Andrea Guardini regolando il resto del gruppo e, dopo Genting Highlands, punterà al successo per battezzare la nuova maglia.

La stagione è iniziata con quattro top 5 consecutive nelle tappe finali del La Tropicale Amissa Bongo ed è proseguita con alcuni ritiri dovuti a problemi fisici vari, ma ora la condizione sembra essersi messa sul giusto binario. Le sue impressioni dopo l’arrivo.

È arrivato un buon secondo posto oggi.
«Ci hanno anticipato all’ultimo km, sono riuscito a vincere la volata del gruppo, peccato perché poteva essere la prima vittoria in stagione».

Come è stata la tappa?
«Anche oggi è stata lunga, un po’ vallonata, ma niente di speciale. Ci sono tante scaramucce con numerosi attacchi e il gruppo che si divideva e ritornava insieme. Una frazione un po’ nervosa sotto il profilo della tattica, insomma. Nel finale la Bardiani ha iniziato a tirare e siamo riusciti a rientrare sulla fuga».

E lo sprint?
«La volata è stata piuttosto lineare, ma appunto la Floyd’s ha preso velocissimo l’ultima curva ed è riuscita a metterci nel sacco»

Come è iniziato l’anno con la nuova maglia?
«Ho avuto parecchi problemi di varia natura che mi hanno un po’ condizionato. Sono partito per la Malesia senza pretese per ritrovare il feeling con i chilometri e il mio fisico: ieri stavo bene e oggi anche, siamo sulla buona strada. Spero di di ripagare presto la fiducia che la Androni mi sta dando, credono in me».

Come è stato il primo impatto con la Androni?
«Mi trovo molto bene, l’ambiente è più famigliare, tutto è più diretto e semplice».

In squadra c’è un altro velocista come Benfatto: c’è uno dei due che è designato per gli sprint o decidete in corsa?
«Ieri la volata l’ha fatta lui e io gli ho dato una mano, oggi è toccato a me, si vedrà nelle prossime tappe, ma siamo amici e ci sentiamo in corsa per decidere come muoverci in base alle sensazioni e alle gambe».

E domani lavorerete per Kevin Rivera?
«Abbiamo anche Bisolti e Munoz che sono forti. L’obiettivo è lavorare per loro tre e vediamo chi di loro farà meglio, speriamo bene».



Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La giornata di denuncia della violenza sulle donne tocca ogni settore della società e naturalmente anche lo sport e il ciclismo. Il segno rosso sul viso campeggia sul volto di tanti campioni e le panchine rosse sono il simbolo di una lotta...


«Michele Bartoli è stato un campione straordinario, buono come il pane. E con me ha vinto sette classiche, dico sette...». Giancarlo Ferretti, il sergente di ferro, apre il suo cuore nella nuova puntata di BlaBlaBike e racconta i suoi campioni,...


È stata la riunione più veloce della storia di Zoom: non per problemi tecnici, anzi, ma per l'accordo praticamente unanime sulla decisione da prendere: conferma totale delle indicazioni espresse dai lettori di tuttobiciweb, Marco Villa conquista l'Oscar tuttoBICI come miglior...


Il campione kazako Alexey Lutsenko ha rinnovato il suo contratto con l’Astana - Premier Tech per un'altra stagione, mentre il canadese Steve Bauer e il kazako Dmitriy Muravyev entreranno nel team come direttori sportivi. Così l’Astana- Premier Tech ha completato...


Dallo scorso 11 ottobre, dopo la corsa a Montecatini Terme in Toscana, ha attaccato la bici al chiodo e ha già trovato lavoro, ma il suo obiettivo è arruolarsi nell’Esercito. Questa è la storia di Aldo Caiati, nato il 19...


«Mi sentivo come su un Ferrari nel traffico di Milano alle 8 del mattino... magicamente questo test negativo mi ha proiettato direttamente nell’autodromo di Monza ! Finalmente!»: Filippo Ganna esulta e torna finalmente libero. Il quarto tampone ha dato esito...


La data è di quelle da ricordare: il 25 novembre del 1945, a poco più di 13 anni e mezzo, con tanto di documento “aggiustato” per raggiungere l’età consentita, Ernesto Colnago varcava i cancelli della “Gloria” e iniziava ufficialmente il...


I medici in questo periodo fanno, comprensibilmente e giustamente, più notizia degli sportivi. Non è però per questo che Matteo Bellia ha deciso di appendere la bici al chiodo e indossare il camice. Il 23enne di Domodossola, fino a quest’anno...


La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno...


Enrico Battaglin, Bardiani-CSF-Faizanè, Capitolo II. I Reverberi lo avevano lanciato nel mondo dei grandi nel 2012 e ora, cinque anni dopo l’arrivederci, lo riaccolgono, ritrovando un corridore più maturo, consapevole dei propri pregi e difetti, e con ancora tanto da...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155