DOSSIER SICUREZZA. MARINA ROMOLI, LA DONNA CHE LOTTA PER GLI ALTRI - 2

STORIA | 11/01/2019 | 07:23
di Alessandra Giardini

Volete sapere come si racconta lei? «C’era la luce, c’era la strada, c’era la bici. C’era Matteo a riempire il cuore e rendere dolce la pedalata. C’era un bel po’ del mio mondo quella mattina su quella statale. C’era un allenamento da compiere per far bene in corsa. Perché correre in bici è come correre dietro a un sogno: vincere, diventare una campionessa».

Marina Romoli cullava quel sogno da sempre e a 21 anni aveva tutto per continuare a inseguirlo. Aveva tutto e poteva tutto. Finché non è arrivata quell’auto e la sua manovra assassina. «Lo schianto. Il buio. Dal tutto al niente, in pochi secondi». Marina si risveglia in un ospedale con la sua bella faccia massacrata e una paralisi agli arti inferiori. E’ sopravvissuta all’incidente, ma la diagnosi è impossibile da accettare alla sua età.

Era l’inizio di giugno di nove anni fa. Oggi Marina è una giovane donna, dalle sue Marche si è spostata a Cesena per laurearsi in Psicologia, e adesso si sta specializzando in neuroscienze cognitive e riabilitazione psicologica. «Cosa vuoi, le cose semplici non mi sono mai piaciute», ride.

Voleva fare la campionessa, ha dovuto inventarsi un’altra vita. «Sì, d’accordo, sarò anche stata forte, ma sinceramente io non ho avuto scelta: o morivo o trovavo qualcos’altro. Non lo so nemmeno io come ho fatto, ti viene da dentro, quando perdi tutto ti aggrappi anche alle piccole cose, cominci a costruire te stessa pezzo per pezzo. Io sapevo non avrei fatto la ciclista per tutta vita, sapevo che ero intelligente, e che studiare mi avrebbe protetto da qualsiasi cosa. E ho sempre saputo nella vita non si può avere solo un piano A, ci vuole anche un piano B e magari anche un piano C, non si sa mai».
  
Ha dovuto aspettare cinque anni per avere un risarcimento, «e dire che nel mio caso la dinamica era chiara, e poi erano le undici del mattino, c’erano molti testimoni. Ma sono cambiati i giudici e chissà perché in questi casi si ricomincia quasi da capo...». Oggi Marina con la sua Onlus si batte perché cambi il mondo: in termini di prevenzione, perché quello che ha dovuto passare lei capiti sempre meno, ma anche dopo, quando l’incidente purtroppo c’è stato. «I termini dei risarcimento a volte sono ridicoli. Se hai l’incidente con uno che non è assicurato, o non si trova, rimani senza niente, solo con l’assicurazione della federazione, decine di migliaia di euro che non risolvono niente. L’iter burocratico è incredibile, nel migliore dei casi ci vogliono quattro anni per concludere tutto il percorso: avvocati, udienze, stress, ci vorrebbe un aiuto psicologico anche per la famiglia, invece c’è spesso poco tatto da parte delle autorità, delle assicurazioni. Ti scontri con un mondo molto cinico. Se la dinamica non è chiara, possono non bastare dieci anni».
  
Purtroppo, quando si parla di sicurezza non è mai quella delle strade. «Quella passa sempre in secondo piano. Non voglio sottovalutare il terrorismo, ma volete mettere quanta gente muore ogni giorno sulle strade?».

2 - continua

ARTICOLI CORRELATI

DOSSIER SICUREZZA. L'URLO DI MARCO SCARPONI: «FERMIAMO LA STRAGE»

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Alejandro Valverde, il campione del mondo, ha voluto a tutti i costi essere presente alla Milano-Sanremo e sappiamo che non si schiera mai al via di una corsa per fare semplice atto di presenza: «Sono molto contento di essere qui,...


Vincenzo Nibali è al via della Sanremo con il numero 1 sulle spalle dopo la splendida impresa dello scorso anno: «Grande emozione, grande responsabilità e un sole che non vedevamo da tanti anni. Noi abbiamo diverse carte da giocare, io,...


Greg Van Avermaet ha le idee chiare: «Il punto chiave della Sanremo sarà il Poggio. La Cipressa è importante ma poi c'è il tempo di organizzarsi, mentre se c'è un attacco importante sul Poggio recuperare diventa difficile. Ed è lì...


Mai banale nelle risposte, Peter Sagan è laconico a pochi miuti dal via della Sanremo: «Come sto oggi? Dopo 250 chilometri di corsa capirò come va la gamba. La stagione fin qui poteva andare meglio ma anche peggio, però sono...


Fernando Gaviria ha un feeling particolare con la Sanremo, ha "rischiato" di vincerla alla sua prima partecipazione e crede nelle sue possibilità di successo: «Speriamo di avere la gamba giusta per vincere. Sono tranquillo perché ho lavorato bene quest'inverno. La...


Elia Viviani è sereno e sorridente alla partenza della Sanremo: «Dall'anno scorso, quando mi sono mancate le gambe in volata, aspetto questo momento. Ho fatto tutto il possibile per arrivarci al meglio, la Tirreno-Adriatico mi ha aiutato a perfezionare la...


Dopo un breve periodo di riposo, senza toccare la bici, Eva Lechner è pronta a rientrare alle competizioni. Lo farà domenica 24 marzo in Slovenia nella Grici XCO Vrtojba 2019, gara internazionale di mountain bike del calendario UCI in programma...


Trasferta elvetica per la squadra juniores della Energy Team diretta da Lavio Siviero e Fabio Dante. Domani, la formazione arancio-nera sarà al via della prima edizione del Gran Premio Ticino che si svolgerà a Malvaglia, nel comune svizzero di Serravalle....


Niccolò Bonifazio è l'uomo di casa della Sanremo, nato e cresciuto tra la Cipressa e il Poggio. «Arrivo a questa, che è la mia corsa del cuore, in grande condizione. Alla Parigi-Nizza ho lavorato bene, nonostante il vento che ha...


Wout Van Aert è alla sua prima Sanremo e si guarda attorno con aria stupita: «L'atmosfera è davvero fantastica, anche se confesso di non conoscere i dettagli di questa corsa. D'altra parte non si può fare la ricognizione di ogni...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy