CHINA, MOSCA: «HO ANTICIPATO TUTTI E MI È ANDATA BENE». AUDIO

PROFESSIONISTI | 11/09/2018 | 07:00
di Diego Barbera

Un urlo di felicità per Jacopo Mosca sul traguardo in mezzo alla foresta di bambù della quarta tappa del Tour of China I 2018 partita 70 km prima da Chongqing.

Il 25enne portacolori della Wilier Triestina, vincitore dell’Hainan 2017, mette a segno un colpo perfetto partendo al momento giusto nel posto giusto, anticipando i rivali più temibili e rimontando a velocità doppia Crome, poi secondo.

Oggi solo 70 km, ma davvero a tutta.
«È stata una tappa strana, perché con 70 km è venuta fuori un’ora e quaranta di gara davvero molto intensa. Dopo 20 km ci siamo messi in fila indiana in salita e le strade non erano certo quelle tipicamente cinesi. Siamo stati abituati a autostrade a quattro corsie qui, mentre è da tre giorni che troviamo stradine con su e giù continui».

Come è andata la tappa?
«Sul primo gpm, quello più difficile, è partito Kevin Rivera davvero fortissimo. Così forte che abbiamo pensato addirittura che non l’avremmo più ripreso, però la Manzana Postobon si è messa a controllare e a tirare per tutto il tempo per difendere la maglia gialla come ormai ci hanno abituato non solo qui, ma anche al recente Qinghai Lake. Sull’ultima salita probabilmente Molano non aveva le gambe e così ha attacco il compagno Higuita e lo abbiamo inseguito con Lizde e la maglia a pois Fulgereido e io».


E la volata?


«Siamo rimasti in cinque, ma con poca collaborazione così ci hanno ripreso all’ultimo km, ma ero messo ancora in buona posizione agli ultimi 500 metri. Molano ha provato a uscire ma è rimasto chiuso, io ho anticipato tutti e mi è andata bene».

La Cina ti porta bene
«Devo di dire di sì. L’anno scorso ho vinto a Hainan e quest’anno una tappa qui. Siamo venuti al China con Mareczko e nonostante i problemi che ha avuto oggi è riuscito a rientrare dopo la prima salita dimostrando che le gambe ci sono e sicuramente nei prossimi giorni si farà vedere»

Un bilancio dopo metà China I e il China II che vi aspetta?
«Dopo oggi il mio bilancio diventa molto positivo, avremo altri tre giorni per le volate e tutto il China II per Jakub. Siamo una squadra molto competitiva e un gran bel gruppo, sono sicuro ci faremo vedere ancora tanto».

E la cronometro che vi aspetta nel China II?
«Sono 20 km da affrontare con la bici tradizionale. È tutto un po’ diverso dal solito, perché hai la bici da strada, le ruote da 50 e non hai le protesi. Non ci sono veri e propri favoriti, se prendi la giornata buona e le gambe rispondono ci si può difendere molto bene»

Le impressioni di Damiano Cima (Nippo Vini Fantini), terzo: «Terzo posto che da morale, speriamo di continuare così perché la corsa è ancora molto lunga e vivremo giorno per giorno. Ero a ruota della maglia gialla e sapevo che era il più veloce, ma si è perso all’ultima curva. Mosca è stato bravo ad anticiparci e ha preso quei metri che gli hanno permesso di vincere. Ho risalito qualche posizione nella classifica generale, cercherò di fare sempre qualcosa di meglio»


Copyright © TBW
COMMENTI
Plauso
11 settembre 2018 08:51 FrancoPersico
Plauso a questi ragazzi che accettano di andar a correre nell'ignoto, con ignoti concorrenti, più che al risultato.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Un altro debutto. Un’altra prima volta. Un’altra giornata fatta di emozioni con un pizzico di incredulità. Sabato il team EOLO-KOMETA sarà al via della quindicesima edizione della Strade Bianche: la prima corsa di categoria UCI WorldTour per il nostro team...


Dopo l'ottimo debutto in campo nazionale la Work Service Marchiol Vega si prepara per due appuntamenti infrasettimanali di assoluto primo piano: domani, mercoleì 3 marzo, infatti, gli uomini dei patron Demetrio Iommi, Renato Marin, Giuseppe Lorenzetto e Massimo Levorato saranno...


Caro Direttore, ad essere Altolocati , ce la si potrebbe cavare con un indiscutibile " La Giustizia non è di questo mondo". Amen, e buonanotte suonatori.Siccome non vedo  in circolazione nessuno che sia... a due dita dal Padreterno, dobbiamo arrangiarci...


Roadlite:ON è stata ed è una bici importante per Canyon, infatti, questa fitness e-bike ha fatto capire anche ai più restii quanto mezzi come questo possano mantenere in salute chiunque li utilizzi con regolarità. Versatile e sportiva, Roadlite:ON sfrutta il compattissimo sistema...


Stima e credibilità. Attributi che calzano a pennello ad Andrea Schiavone, il massofisioterapista non solo di ciclisti professionisti e dilettanti, ma anche di personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport come Ignazio Moser, Cecilia Rodriguez, Marco Melandri, Alice Arzuffi,...


Tadej Pogačar e l’UAE Team Emirates hanno un ulteriore motivo per gioire dopo il successo nell’UAE Tour: le strade del giovane talento sloveno e quelle della squadra emiratina saranno unite fino ad almeno il 2026. Matar Al Yabhouni, Presidente dell’UAE...


La vittoria più bella per Michele e Rigoberto Uran è arrivata da poche ore: si chiama Carlota ed è la bellissima primogenita della coppia. Ad annunciarlo è proprio il coorridore colombiano della EF Educational NIPPO con un post sui social:...


Nonostante le difficoltà del periodo attuale a Larciano è ormai tutto pronto per il Gran Premio Industria e Artigianato Larcianese che, il prossimo 7 marzo, andrà in scena con la sua 43ˆedizione. Vista la situazione che sta colpendo in particolare...


L'inizio di ogni stagione porta con sé una serie di domande e incertezze. Questo è ancora più vero con l'avvicinarsi dell'inizio della Parigi-Nizza 2021, a causa di rinvii e cancellazioni di gare nelle prime settimane dell'anno, aggiunte a significativi cambiamenti...


La speranza è l'ultima a morire era stato il mantra della nostra intervista a Riccardo Minali il 20 novembre. E come nel più lieto dei lieti fini, proprio nella settimana finale del 2020, il quasi 26enne veronese ha firmato con...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155