Cunego: il mio anno straordinario

| 31/10/2004 | 00:00
Sei mesi fa, alla vigilia del Giro d’Italia nessuno lo conosceva. Era un ragazzino dal viso pulito e dalle belle speranze e nient’altro. In pochi avrebbero puntato sul giovane airone di Cerro Veronese per la vittoria finale nella corsa rosa. Invece Damiano ha stupito tutti, lui per primo, concludendo questo magnifico 2004, cavalcato a ritmo di rock con la sua bici rosso fuoco, in vetta alle classifiche mondiali. Ha conquistato 2245 punti nel ranking Uci. E’ la misura del primato e del valore del biondo dal ciuffo ribelle che, da quando era bambino, è abituato a svegliarsi all’alba, prima per prendere la corriera che da Cerro (800 metri sui monti Lessini) lo portava a scuola a Verona, ora per salire in sella alla sua bici e macinare chilometri (37mila in questo 2004). Damiano Cunego, si sveglia ancora al canto del gallo? “Spesso, quando siamo in giro per le gare, la sveglia suona anche molto prima. Alla vigilia di tappe molto lunghe ci si alza presto. Ma questo non mi pesa, è il mio lavoro e mi piace”. Da febbraio a ottobre ha fatto 37mila chilometri tra gare e allenamenti. Ha percorso più strada in bici o più autografi alle migliaia di fans che incontra in ogni manifestazione? “Dopo i quattro giorni passati in Giappone per la Japan cup sicuramente gli autografi superano di gran lunga i chilometri fatti. Lì sono veramente fanatici. Da quando ho iniziato a vincere dopo ogni corsa c’è l’assalto per un mio autografo. Questo mi fa molto piacere”. La sua è una stagione da incorniciare. Si ricorda un giorno o un episodio particolare in cui ha capito che la sua sarebbe stata un’annata da numero uno? “Al Giro dei Paesi Baschi, un mese prima della corsa rosa. In uno scatto in salita scollinai per primo. Quello è stato il segnale che avevo fatto un buon lavoro d’inverno e che mi sarei potuto prendere qualche soddisfazione”. Il giorno più bello e quello più brutto del 2004? “Il giorno più bello sicuramente la tappa di Falzes: lì ho capito che potevo vincere il Giro. Falzes assieme al Lombardia sono sicuramente i momenti più entusiasmanti. I momenti più brutti li ho passati alla Vuelta, ma ho stretto i denti e l’ho conclusa”. Si ricorda un episodio divertente? “Sì. Qualche giorno prima del giro di Lombardia. Rientravamo da un sopralluogo del tracciato quando l’ammiraglia è stata fermata da un corteo funebre. All’inizio le persone sono sfilate via tranquille. A un certo punto però, disinteressandosi completamente del funerale, molti si sono fermati per salutarmi e chiedermi autografi: ho creato un po’ di scompiglio...”. Dovendo scegliere tra la famiglia, la squadra e la morosa, a chi va il più grande merito per i suoi successi? “Dalla famiglia alla ragazza senza dimenticare la squadra, tutti hanno avuto un ruolo fondamentale. Per fare bene il mio lavoro ci vuole equilibrio e serenità e questi gli ritrovo tra gli affetti più cari”. Quante telefonate riceve ogni giorno? “Prima mi cercavano in pochi, ora ho dovuto addirittura cambiare il numero di telefono a casa. Dopo il Giro mi invitavano a centinaia di feste e mi telefonavano per darmi consigli. C’è un signore che, ogni volta che lo incontro, mi suggerisce come affrontare senza problemi le discese. Come se ne fosse un decano delle corse”. Se le venisse proposta una campagna pubblicitaria in cui dovesse promuovere l’uso della bicicletta per risolvere il problema del traffico, che cosa direbbe alla gente? “La bicicletta non inquina e fa bene alla salute. Visto che tra non molto è Natale sarebbe un bel regalo da mettere sotto l’albero”. Ad appena 23 anni, lei ha già girato il mondo, ma conosce la sua regione? Che cosa le piace di più del Veneto? “Venezia e le altre città d’arte, come la mia Verona, appena posso le visito con piacere. Vado volentieri in montagna, sulle Dolomiti, appena gli impegni delle corse me lo consentono”. Ora arriva il meritato riposo. Dove andrà in vacanza? “Non ci ho ancora pensato. Purtroppo in Giappone mi sono preso la febbre ma appena mi riprendo, da qualche parte andrò. Un bel viaggio nei mari caldi non sarebbe male, magari alle Maldive”. Nel 2005 correrà il Giro o il Tour? “Sicuramente il Giro. Sono la maglia rosa in carica e la devo difendere. Non sarò più la sorpresa, con me la concorrenza sarà più agguerrita. Al Tour, se deciderò di andarci, sarà solo per fare esperienza. L’anno in cui sarà competitivo per la Grande Boucle sarà il 2006”. Anche alla vigilia dell’ultimo Giro lei dichiarava di voler fare esperienza… “Sì, è vero… è stata un’esperienza indimenticabile”. Alessandro Tomaselli (da il Corriere Veneto del 30.10.2004)
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Capita, in una splendida mattinata di sole. Capita di salire in bicicletta nonostante il freddo e di fare un incontro speciale. Come quello che sui social racconta Paolo Viberti, il quale siamo sicuri ci perdonerà quel "vecchio" nel titolo... «Non...


Fenomeno Van Aert: alla sua prima gara ufficiale di Ciclocross il talento belga domina la quinta prova del Superprestige che si è disputata a Boom, in Belgio. Una maschera di fango Van Aert che subito prende la testa della corsa...


Presente e futuro. La Drone Hopper Androni Giocattoli guarda sempre più al domani, proseguendo sul solco di un progetto giovani vincente. In questo quadro si inserisce l’ingaggio per il 2023 di Riccardo Ciuccarelli. 21enne scalatore di talento e prospettiva, Ciuccarelli...


Sarà un sabato sera all’insegna del grande ciclocross, della suspense e delle immagini spettacolari quello che le frequenze di Rai Sport regaleranno oggi agli appassionati delle due ruote. La trasmissione della quinta tappa del Giro d’Italia Ciclocross, il Gran Premio...


Non molla un colpo Lucinda Brand (Baloise Trek Lions) e si aggiudica anche la quinta prova del Superprestige di Ciclocross che oggi si è svolta a Boom, in Belgio. Su un terreno proibitivo reso durissimo dal fango e della pioggia,...


La nostra anticipazione di due giorni fa su Luna Rossa che cerca ciclisti per la prossima Coppa America è finita oggi anche sulla Gazzetta, che è un po’ come ricevere un attestato di stima e di buon lavoro. Ne scrive...


Non è uno che ama galleggiare, anche perché Wolfango Poggi non ha mai avuto un buon rapporto con l’acqua, diciamo pure che fino a poco tempo fa non sapeva nemmeno nuotare. “Wolf” non è tipo da prendere le cose alla...


«Molteni, storia di una famiglia e di una squadra» è un libro che mancava e che va a colmare una lacuna, riportando in auge i fasti di una delle formazioni più importanti nella storia del ciclismo tutto. È il racconto...


E' la regione Friuli Venezia Giulia a brindare in Coppa Italia. La rappresentativa regionale si è infatti aggiudicata la seconda prova che si è svolta a Fanano, nel Modenese. I ragazzi friulani l'hanno spuntata per un solo punto sulla Lombardia...


Lo scorso settembre avevamo lasciato Patrick Lefevere dubbioso sul tema di una possibile squadra femminile con la sua Quick-Step - Alpha Vinyl: con parole pungenti, il dirigente belga aveva parlato di un cattivo investimento quello del ciclismo in rosa. Oggi...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI