ALAPHILIPPE: CHE TRISTEZZA LA CHIUSURA DELL'ARMEE DE TERRE

PROFESSIONISTI | 10/01/2018 | 07:02
Dopo un ottimo 2017, è atteso a un super 2018. Julian Alaphilippe ha le idee chiare per la stagione che sta per iniziare: «Voglio trasformare in vittorie i tanti podi e piazzamenti importanti ottenuti l'anno scorso». Per il suo palmares non sarebbe niente male, visto che nella stagione scorsa il 22enne talento francese è riuscito a salire sul podio sia della Milano-Sanremo (3°) che de Il Lombardia (2°) e si è messo in mostra al campionato del mondo insieme al nostro Gianni Moscon, con il quale nei prossimi anni siamo certi sarà artefice di grandi battaglie nelle corse di un giorno più prestigiose.

«Ci eravamo lasciati a Guangxi, in Cina, a ottobre e rieccoci qua. L'inverno è volato come non mai, tra impegni e vacanze. Dieci giorni con gli amici in Messico e il meritato tempo a casa con la famiglia prima di riprendere gli allenamenti in modo graduale» ci racconta dal ritiro di Calpe.

Nei mesi scorsi è arrivata la notizia della chiusura della Armee de Terre, la formazione militare in cui lui è cresciuto e nella quale militava suo fratello Brayan. «Mi ha colpito particolarmente perché ho dei bellissimi ricordi legati agli anni passati in quella formazione, prima di essere notato dalla Quick Step e del passaggio al professionismo. Purtroppo per motivi politici sono stati bloccati gli investimenti sportivi. Mio fratello ha trovato spazio in un team di dilettanti, ha 22 anni ed è molto motivato, e altri suoi compagni hanno pensato ad altre soluzioni, come Le Roux che grazie al crowdfunding si è potuto permettere un contratto alla Fortuneo Samsic. Peccato, era davvero un bel gruppo e una bella scuola per i giovani ciclisti francesi».

Il suo 2018 dovrebbe iniziare in Colombia, quindi proseguire con Abu Dhabi, Classiche delle Ardenne, Parigi-Nizza e Tour de France. «Non si discosterà molto dal calendario della passata stagione, spero solo di evitare cadute e infortuni, per quelle evito volentieri il bis (sorride, ndr). Voglio continuare a migliorare e crescere, ogni anno l'ambizione è muovere un passo in avanti. Quest'anno in particolare vorrei trasformare i buoni risultati ottenuti nel 2017 in grandi vittorie».

da Calpe, Giulia De Maio

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quella che avrebbe dovuto essere una grande festa per la ripartenza in Belgio, si è trasformata in una giornata di tragica tristezza. È accaduto a Wortegem-Petegem, dove la madre del campone del Belgio Tim Merlier ha organizzato una corsa amatoriale...


Il campione del Sudarica Ryan Gibbons ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo il canadese Pier-André Coté della rally Cycling e l'australiano Nick Schultz della Mitchelton-Scott, mentre Mathieu van der Poelè rimasto ai piedi del podio....


La neoprofessionista britannica April Tacey, portacolori della Drops, ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo in una ppassionante testa a testa la statunitense Kristen Faulkner (Tibco-SVB) e l'olandese Chantal van den Broek-Blaak (Boels-Dolmans). Tra le grandi...


Un filo di voce, ferma. Come una vita spezzata. «Sono a pezzi, non ho parole - spiega a tuttobiciweb Marco Velo -. Eravamo in mezzo alla campagna, dove il traffico in pratica non c'è. Avevamo proprio scelto la campagna per...


E' una di quelle decisioni che un organizzatore non vorrebbe mai trovarsi costretto ad assumere. Una scelta che diventa ancor più difficile e triste quando quell'organizzatore risponde al nome dell'appassionatissimo Giampietro Bonin e la corsa in questione è il 45° Gp Sportivi...


Il giovane talento belga Mauri Vansevenant ha firmato ufficialmente un contratto con la Deceuninck Quick Step fino alla fine del 2023 e dal 15 luglio sarà a tutti gli effetti un professionista. «Volevo concludere la scuola prima di questo salto,...


"Abbiamo appreso con sorpresa da fonti parlamentari del ritiro dell'emendamento al Decreto rilancio, depositato dall'On. Nobili in fase di conversione e finalizzato a introdurre alcune importanti modifiche al codice della strada: è una decisione che prende in contropiede il mondo delle...


Una tragedia, l'ennesima, che scuote il mondo del ciclismo tutto e va a toccare una delle figure più conosciute del nostro movimento, Marco Velo, braccio destro di Davide Cassani. Questa mattina ha perso la vita la compagna dell'ex professionista bresciano,...


Per il protocollo sicurezza varato dall’Uci e dal Direttore sanitario dell’organizzazione mondiale del ciclismo il Professor Xavier Bigard ai primi di maggio vale solo un punto: «il protocollo rimane dipendente dalle leggi e dalle misure locali e nazionali in vigore...


Nairo Quintana dovrà osservare due settimane di riposo assoluto dopo l'incidente di cui è stato vittima ieri, quando è stato investito da una vettura mentre si allenava insieme al fratello Dayer e a Cayetano Sarmiento. Colpito dallo specchietto retrovisore di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155