GIRO. AMADORI: ITALIA, CI SONO MOTIVI PER SORRIDERE

PROFESSIONISTI | 18/05/2017 | 12:06
L'italiano non va di moda sotto lo striscione del traguardo. Ma il cittì della Nazionale Under 23, Marino Amadori, non fa drammi. "Il bicchiere bisogna comunque vederlo sempre mezzo pieno, perché la mancanza di vittorie tricolori ha una serie di concause. Cominciamo col dire che corridori come Diego Ulissi, Elia Viviani, Fabio Aru o Sonny Colbrelli non sono al Giro. Senza parlare del dolore per l'assenza di Michele Scarponi. Ma io credo che Vincenzo Nibali abbia ottime possibilità per giocarsela per la vittoria finale, visto che nella terza settimana cresce sempre e il percorso può esaltare le sue caratteristiche".

Amadori ha altri motivi per vedere sereno all'orizzonte: "Ci sono tanti ragazzi che stanno crescendo e lo stanno facendo molto bene. Penso a Formolo, a Petilli, a Ravasi, ad Albanese, o allo stesso Consonni che questo Giro non lo corre. C'è in atto un ricambio generazionale e penso ci siano i ragazzi giusti per arrivare ai più alti livelli internazionali". E il percorso di crescita, per Amadori, passa proprio anche da Forlì, "dove i prossimi 11 e 12 giugno arriverà e ripartirà il Giro Under 23, come due anni fa fece il Giro d'Italia proprio qui. La Romagna ha dimostrato anche ieri una grandissima organizzazione e ha dato una bellissima risposta".

da Forlì, Stefano Arosio
Copyright © TBW
COMMENTI
18 maggio 2017 14:53 tempesta
CE Da piangere,ci vuole coraggio ha pensare quello che dice Amadori. Riguardo il corridore Formolo devo dire che ero un suo Tifoso ma Credo che il Salto di qualita per vincere qualcosa non lo fa piu.SPERO DI SBAGLIARMI.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani (ACCPI) si è riunito ieri virtualmente per fare il punto sull’emergenza Covid-19 e confrontarsi direttamente con i propri associati su come affrontare i problemi con i quali si stanno e dovranno interfacciarsi a causa...


“La bicicletta ha scenari di sviluppo molto ampi – fa notare il presidente di Confindustria ANCMA, Paolo Magri, commentando i dati elaborati dall’associazione -  soprattutto se paragoniamo l’uso del mezzo nel nostro paese rispetto a quello di nazioni più avanzate in...


Pochi oggetti nel mondo dello sport vantano un apparato di significati più vasto di quello di cui è dotata la borraccia nel ciclismo. Fondamentale strumento di sopravvivenza fisica dei corridori, la borraccia rappresenta «l’anello di congiunzione tra l’ordinarietà del pedalatore...


La Società Ciclistica Carnaghese ha deciso di annullare il 24esimo Gran Premio dell’Arno – Coppa d’argento Comune di Solbiate Arno, gara internazionale per la categoria juniores in programma domenica 7 giugno. E’ solo l’ultima in ordine di tempo delle gare...


Il Tour de France ad agosto? È un'idea che piace a Tom Dumoulin. Rispondendo alle domande di Sporza, l'olandese della Jumbo-Visma ha detto la sua sul possibile calendario. «Secondo me si può fare, facendo slittare un poco la Vuelta. Penso...


Marta Bastianelli è caduta e si è rialzata così tante volte che ha perso il conto. Lo farà anche questa volta, con il carattere che contraddistingue i campioni. Anche se il suo sogno più grande, quello a forma di cinque...


Aretino di Laterina, Enrico Baglioni è un giovane promettente con licenza di vincere. Come dimostrano i suoi quattro successi nelle due ultime stagioni con gli juniores nel team Stabbia, tra cui quella conquistata a marzo dello scorso anno nel Memorial...


Ne sono certo, abbiamo bisogno di novità, di fiducia nel domani e di una carica positiva probabilmente fuori dal comune. Occorre essere sul pezzo e mi raccomando, non abbassate la guardia, ma possiamo combattere questa situazione negativa anche concentrandoci su...


Una grave emergenza sanitaria ha colpito il nostro Paese. E’ stato un susseguirsi di avvenimenti che hanno portato il governo a prendere decisioni restrittive per il bene del paese: scuole chiuse, attività produttive non essenziali chiuse e la forte raccomandazione di restare...


  La quarantena è una buona occasione per rimediare a omissioni e dimenticanze. Così, finalmente, ecco Luciano Soave, ieri gregario, oggi artista. “Ero un coppiano. Stravedevo per lui. Quando morì, piansi. Avevo 17 anni”. “L’unica cosa in cui avrei potuto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155