IZAGIRRE e il dubbio della ruota. VIDEO

PROFESSIONISTI | 03/02/2016 | 19:27
Pochi secondi di immagini, quasi una sensazione più che una certezza. Ma la ruota  posteriore di Ion Izagirre sembra proprio che continui a girare da sola e anche piuttosto forte dopo la caduta del corridore spagnolo. Che fra l'altro cerca di ripartire proprio con la stessa bicicletta e solo in un secondo tempo si convince a cambiarla. Giudicate anche voi...

per vedere il filmato CLICCA QUI
Copyright © TBW
COMMENTI
chiedo
3 febbraio 2016 19:50 effepi
Secondo Voi dopo quello che è successo 3 giorni fa una squadra come la Movistar usa una bici con il motorino per vincere la vuelta valenciana ?

3 febbraio 2016 20:17 limatore
Nemmeno dopo aver visto schemi di montaggio avete capito come funziona. che giri la ruota è normale. Il motore agisce sull'asse delle pedivelle e quelle sono ferme. Quelle dell'omino della Garmin invece giravano dopo la caduta. A limite potrebbe essere il motore magnetico sulla ruota lenticolare..... ma questa è fantascienza, dai!!!!

3 febbraio 2016 20:20 Line
ma l'inerzia scusate ? https://www.youtube.com/watch?v=KNB0Jc7fGYY questo video mi fa pensare !!!!!

Qualche dubbio.
3 febbraio 2016 20:26 Carmelino
I pedali non girano,ma ora esiste questo sistema inserito nella ruota,e il fatto che vogli ripartire con la bicicletta lascia dei dubbi.
Certamente il ciclismo non aveva bisogno anche di questo. Bisogna fare chiarezza velocemente.

Tutto bici....
3 febbraio 2016 21:54 Monti1970
Che poveretti che siete. Adesso vedete motorini da tutte le parti. Andate a farvi curare. \"Aiuto aiuto!!! Un motorino dentro una bici\" Motorini dentro le bici!!! TUTTO MOTOBICI WEB

Inerzia
3 febbraio 2016 22:45 gianni
Scusate la battuta volutamente provocante: non siete mai caduti da una bici? Le ruote non continuano a girare per forza d'inerzia? E soprattutto, in discesa come nel caso in questione. Quanto ad Hejsedal: i suoi pedali erano fermi.
saluti
gianni cometti

motorino ah ah
4 febbraio 2016 07:01 baro
Ma dai vediamo motorini da per tutto adesso . Ragazzi dai capisco che il dubbio lo abbia uno che non mastica ciclismo dalla mattina alla sera, ma chi ne sa qualcosa di ciclismo non dovrebbe avere questi dubbi!devo dar ragione a EFFEPI,-GIANNI E MONTI! EVVIVA IL CICLISMO

Ma quale motorino...
4 febbraio 2016 08:54 The rider
QUESTA VOLTA è ovvio che si tratta di inerzia, anche se ci fosse il motorino magnetico nella ruota posteriore, le pedivelle girerebbero comunque (vedi: trasmissione catena, pignorni, corona), altrimenti questo fantomatico motorino magnetico farebbe girare la ruota al contrario...
Pontimau.

Inerzia
4 febbraio 2016 09:25 Bufalino
Anche per me niente di eclatante. Tutto riconducibile alla forza di inerzia da quello che vedo.

Michele Bufalino

Andare a fondo del problema
4 febbraio 2016 10:59 runner
Dal filmato non si può dedurre molto, ma neppure escluderlo.
Anche il video della caduta di Hesjedal era dubbio, ma anche lì era strano che la ruota continuasse a girare così tanto...
Secondo me, invece, c'erano pochi dubbi circa la progressione innaturale di Cancellara nella Roubaix di alcuni anni fa. Ma in quel caso tutto venne messo a tacere... (intoccabile).
Al contrario la poco conosciuta ciclista olandese è finita in pasto ai mass media su tutti i telegiornali del mondo.
Comunque è giusto andare a fondo e organizzare controlli seri su questo nuovo problema. Che è un problema REALE e non inventato. Mettersi le fette di salame sugli occhi non serve a nulla.

Motorino
4 febbraio 2016 13:02 Massimoge
Anch'io mi sentirei di escludere che in questo caso si tratta di un motorino. A mio avviso bisogna invece approfondire l'argomento su quanti, e sappiamo chi sono, hanno il vezzo di cambiare la bicicletta in corsa.

mah...
4 febbraio 2016 14:00 pickett
Chiunque sia andato in bici,e abbia avuto la sfortuna di cadere mentre andava ad alta velocità,sa che per qualche istante la ruota continua a girare.Mi pare però che in questo caso(a differenza del caso di Hesjedal,confrontate i 2 filmati)la ruota giri decisamente troppo forte.

4 febbraio 2016 14:25 foxmulder
Questo video non mi dice assolutamente nulla rispetto alla presenza di un motorino. Anzi, mi fa propendere per il contrario. Il clima è sicuramente quello da caccia alle streghe e non aiuta. Ma allo stesso tempo è sicuramente necessario continuare se non intensificare i controlli. E se, il cielo non voglia, qualcuno viene pescato con le mani nella marmellata, a casa lui, ma anche tutta la sua squadra. Ché non mi si racconti che nessuno sapeva e che è colpa dell'idiota di turno.
Gradirei molto, quest'anno, assistere, senza che per questo occorra necessariamente innescare alcuna polemica, ad una frenata delle medie di corsa che di sicuro non aiutano a pensar bene, specialmente per quanto riguarda i grandi giri.

4 febbraio 2016 15:47 Tarango
Scusate, probabilmente sono ingenuo, o poco preparato sull'argomento. Ma quale sarebbe la ruota che continua a girare, quella posteriore? Le scritte in bianco non mi pare che girino, la ruota è lenticolare e il riflesso può creare una sensazione di movimento. Non so, non mi pare così evidente.

4 febbraio 2016 17:41 Melampo
Mai sentito parlare di conservazione del momento della quantità di moto?

www.youtube.com/watch?v=aN7HjwZI-k0

Prima di scrivere, meglio informarsi ...

Rettifico
4 febbraio 2016 20:52 Bufalino
Mi hanno linkato un video più completo mi permetto di postarlo. ... http://www.youtube.com/watch?v=GO-NBqya6x0&sns=em qui si vede proprio l\'impatto, la ruota che si blocca e subito dopo riprende ad andare. E questo mi da dei pensieri in più che prima non avevo dato che mi mancava proprio la parte relativa alla dinamica della caduta.

Michele Bufalino

Bufalino
4 febbraio 2016 22:55 fedaia66
A me sembra che inganni molto il riflesso delle lenticolari.la ruota puo' sembrare che giri..molto probabile invece essa e' ferma.

Ragà fermi tutti!!
5 febbraio 2016 10:22 Bartoli64
Provate a bloccare ripetutamente il filmato nei primi secondi e vi renderete conto che le tre scritte Campagnolo sulla lenticolare si trovano sempre nella stessa posizione.

Si tratta solo di un effetto ottico dovuto al riflesso del sole sulla ruota.
Tutto qui!

Bartoli64

scusate
5 febbraio 2016 11:15 fedaia66
Correggo lo strafalcione di ieri.."molto probabile che essa sia ferma"

A Bartoli 64
5 febbraio 2016 12:18 Tarango
Quindi più o meno come dicevo io.

Tarango tranquillo!
5 febbraio 2016 13:40 Bartoli64
Hai il copyright dell'osservazione!

Io mi sono solo limitato a suggerire il modo (e il dettaglio) con cui vedere meglio che si tratta di un effetto ottico.

Bartoli64

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

A circa un mese dalla partenza della Milano Sanremo incontriamo Davide Formolo e con il campione italiano parliamo del suo debutto nella Classicissima e degli obiettivi di una stagione che potrebbero proiettarlo in una nuova dimensione.Nei primi anni tra i...


A soli 20 anni Andrea Bagioli sta vivendo le sue prime pedalate da professionista con la Deceuninck - Quick-Step e ci racconta i suoi pensieri.«Le prime settimane della nuova stagione sono andate molto bene. Ho fatto due camp di addestramento...


Luca Guercilena e la sua Trek Segafredo, la più ‘italiana’ fra le formazioni World Tour e Gianni Savio e la sua Androni, la più vincente fra le formazioni italiane. Saranno questi gli ospiti di Radiocorsa, in programma stasera alle...


Reduce da un'intervento all'acetabolo destro (la parte di bacino su cui articola la testa del femore) pochi giorni fa, Matteo Moschetti è già risalito su una bici, seppur indoor, per pianficare il suo rientro. Le immagini sono a dir poco...


È l'apertura tradizionale della stagione - la Coppa San Geo - e segna anche l'inizio della corsa verso l'Oscar tuttoBICI Under 23. Sabato avremo la prima corsa e la prima classifica della challenge che in questa edizione sarà promossa dalla...


  Nell’anno di ricorrenze particolari su Gastone Nencini, 90 anni dalla nascita (1 marzo 1930), 60 dalla vittoria al Tour de France (17 luglio 1960), 40 dalla morte (1 febbraio 19080), si è inserita la cerimonia svoltasi al “Nencini Bike”...


Volata serratissima sul traguardo di Lagos, dove si è conclusa la prima tappa della Volta ao Algarve e successo per il campione olandese Fabio Jakobsen che ci è ripetuto a distanza di un anno. È stato Viviani, che aveva battezzato...


Mentre in Andalusia e Algarve i grandi big del ciclismo mondiale cominciano a mettere chilometri sulle gambe in vista di una lunga stagione, alcuni pesci più piccoli, ma per questo non meno importanti, sono pronti a darsi battaglia sulle strade...


Subito spettacolo alla Vuelta a Andalucia: il Puerto de Palomas (13 km al 5, 9%), ultima salita di giornata, ha ispirato Jakob Fuglsang della Astana e Mikel Landa della Bahrain McLaren, che si sono involati a metà salita e non...


La Casillo Petroli Firenze Hopplà arriva ai primi appuntamenti della stagione con tranquillità e serenità. Le prime sfide motivano i ragazzi di Matteo Provini e Gianni Faresin che saliranno sul palcoscenico agonistico quattro volte nell’arco di quarantotto ore.Pronti dunque i...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155