VALLI CUNEESI. Numero di Bongiorno, nuovo leader Zardini

| 30/07/2012 | 16:16

Lampo tricolore di Francesco Manuel Bongiorno sul traguardo della tappa

regina del Giro delle Valli Cuneesi, che ha condotto la carovana dal centro di Fossano ai

1400 metri di altitudine di Artesina passando per il Colle Prel, una delle salite più

impegnative mai affrontate da questa gara a tappe nella sua ormai lunga storia.

Sotto lo striscione d’arrivo il campione d’Italia degli Under 23 ha regolato agevolmente allo

sprint il trentino Luca Benedetti, che il giorno precedente aveva conseguito lo stesso

piazzamento alle spalle del corregionale Facchini, ed il veronese Edoardo Zardini,

portacolori el Team Colpack. Il leader della corsa Davide Villella, anch’egli alfiere del club

bergamasco, ha accusato un ritardo di 56’’ dal terzetto di testa e ha così dovuto cedere il

simbolo del primato al compagno di squadra Zardini, che alla partenza da Fossano era

terzo e accusava un ritardo di soli 10’’.

Prima del gran finale in montagna la terza tappa del “Valli Cuneesi” era stata caratterizzata

dalla lunga fuga di nove corridori (Salvetti, Rosa, Barbero Piantino, Capillo,

Demarchi, Valsecchi, Borella, Tizza e il francese Duculty) i quali, usciti dal gruppo

dopo soli 4 chilometri di corsa, per un buon tratto hanno fatto fatica a guadagnare

terreno, poiché tra i fuggitivi era presente un uomo di classifica come il cuneese Diego

Rosa. Quando quest’ultimo, dopo una ventina di chilometri, ha desistito e si è lasciato

raggiungere dal gruppo, il vantaggio degli otto corridori rimasti al comando è rapidamente

aumentato, fino a superare la soglia dei 2’ dopo 65 chilometri. Poco dopo, alle prime

asperità della giornata, il gruppetto di testa si è frantumato. Sulla salita di Mortè (km 73)

hanno perso contatto Capillo, Barbero e Duculty, e subito dopo, salendo verso Frabosa

Soprana, sono rimasti al comando solo Salvetti e Borella, mentre il gruppo riduceva le

distanze.

Si è poi assistito alla controffensiva del campano De Ieso, che usciva dal gruppo,

raggiungeva e superava i due battistrada e attaccava da solo la scalata ai 1614 metri del

Colle Prel. Ma poi entravano in scena i grossi calibri e anche De Ieso doveva arrendersi.

Nel tratto più impegnativo restavano al comando in quattro: Bongiorno, Benedetti, Zardini

e Manfredi, poi quest’ultimo perdeva contatto e la situazione non mutava più fino

all’arrivo, dove Bongiorno coglieva la quinta affermazione stagionale e Zardini detronizzava

il compagno di squadra Villella, peraltro autore di una pregevole rimonta nel tratto conclusivo. Domani il Giro vivrà l’ultima tappa con cinque corridori racchiusi in classifica

nello spazio di 50’’. Le emozioni non sono ancora finite.

ORDINE D’ARRIVO: 1^ Francesco Manuel Bongiorno (Hopplà-Vega-Truck), km

123,100 in 3h20’22’’, media 36,862; 2° Luca Benedetti (Bedogni-Anico-

Natalini) a 2’’; 3° Edoardo Zardini (Team Colpack); 4° Davide Villella (Team

Colpack) a 56’’; 5° Alessio Taliani (Futura Team Matricardi); 6° Patrick Facchini

(Team M.I. Inpianti Casati); 7° Gian Marco Di Francesco (Monturano

Civitanova) a 1’06’’; 8° Sebastian Anaya Galvis (Ven, Team Cerone-Rodman) a

1’16’’; 9° Ricardo Pichetta (Monviso-Venezia) a 1’26’’; 10° Andrea Manfredi

(Hopplà-Vega-Truck) a 1’38’’.

CLASSIFICA GENERALE: 1° Edoardo Zardini (Team Colpack) in 7h36’45’’; 2°

Luca Benedetti (Bedogni-Anico-Natalini) a 16’’; 3° Francesco Manuel Bongiorno

(Hopplà-Vega-Truck) a 17’’; 4° Davide Villella (Team Colpack) a 44’’; 5° Patrick

Facchini (Team M.I. Impianti Casati) a 50’’; 6° Alessio Taliani (Futura Team

Matricardi) a 1’24’’; 7° Andrea Manfredi (Hopplà-Vega-Truck) a 2’07’’; 8°

Ricardo Pichetta (Monviso-Venezia) a 2’08’’; 9° Gian Marco Di Francesco

(Monturano-Civitanova) a 2’25’’; 10° Sebastian Anaya Galvis (Ven, Team

Cerone-Rodman) a 2’47’’.

Il Giro delle Valli Cuneesi nelle Alpi del Mare prosegue così:

Martedì 31 luglio: quarta tappa e ultima, Bene Vagienna-Terme di Vinadio di km.

151,300. Partenza alle ore 10. Arrivo in dolce salita a quota 1247. Gli ultimi 5 km

presentano una pendenza media del 5,65%, massima dell’11,50%.

Copyright © TBW
COMMENTI
30 luglio 2012 20:10 ciao21
Bongiorno l'anno scorso, correndo, senza problemi fisici, ha fatto due piazzamenti, quest'anno VOLA!!dubbi grandi!!

ebbèèè!!!
30 luglio 2012 20:26 ciao21
bongiorno ho molti dubbi, lanno scorso ha sempre corso, senza problemi fisici e ha fatto due piazzamenti, quest'anno VOLA!
benedetti NO PAROLE, VOLA!!!MOLTI DUBBI!
buonaserata!

31 luglio 2012 09:35 elvi
Se qualcuno ha sempre dei dubbi e' meglio che vada da un'analista.Vivere cosi' non va bene per la salute. E' cosi' bello sognare

Commenti inutili..
31 luglio 2012 13:27 blue
Questi sono commenti inutili..Manuel due anni fa.. ha dimostrato di che pasta è fatto..dimostrando di essere un talento ( andate a guardavi il giro della val d'aosta)! poi l'anno scorso è andata come è andata.. ma finalmente ha ritrovato la strada giusta..e credo proprio che ne sentiremo parlare.

..la strada giusta!
31 luglio 2012 17:15 piuomeno
Dici bene quando dici che ha trovato la strada giusta. E se invece non ne dovessimo sentire parlare? A cosa si imputerà stavolta, alla lontananza dalla amata terra natia? Ai compagni che non concedono spazio o alla squadra che non crede alle potenzialità? Qualcuno dice che l'anno scorso andava come un treno. Vero! E l'anno prima, quello prima ancora...se guardate troverete un andamento che le montagne russe non gli fanno neanche un baffo.
In bocca al lupo Manuel!

Personalmente....
31 luglio 2012 17:50 Fra74
..dispiace sempre quando si leggono certi commenti che INSINUANO qualcosa...BONGIORNO io l'ho visto da juniores ed andava forte...da under, i primi due anni li ha fatti tranquillamente con buoni risultati, vedi il Giro della Valle D'Aosta, certo..l'anno scorso è stato sottotono, ma ci può stare....cmq, bravo Lui e pure quelli del Team Colpack che stanno raggiungendo ed ottenendo, almeno per me che non li conosco bene, dei risultati sorprendenti...e spero che pure Manuel Senni fra poco mostri delle buone cose che già ha fatto intravedere in questi primi due anni...da under 23....
Francesco Conti - Jesi (AN).

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Matteo Montaguti è stato uno dei protagonisti della giornata della Bici al Chiodo: «Dico sempre che non ho appeso la bici ma il numero, quindi è giusto che io riceva il Premio alla Carriera che non quello della Bici al...


Rinaldo Nocentini ha ricevuto stamane il premio Bici al Chiodo e ne abbiamo approfittato per fare due chiacchiere con lui sulla sua “nuova vita”. «Sono felice di aver preso questa decisione. Ci stavo pensando già da un paio d’anni, poi...


Anche Moreno Moser è stato omaggiato con un Premio alla Carriera durante la grande festa de La Bici al chiodo: «Fa un effetto strano essere qui, mi rendo conto che sarà una delle ultime manifestazioni di questo genere alle quali...


Volata a tre a Nommay, Francia, e successo di Annemarie Worst. Come al solito sono Ceylin Del Carmen Alvarado (Alpecin Fenix) e Annemarie Worst (777 CX Team) a fare la corsa nell'ottava manche della Coppa del Mondo di Ciclocross per...


Caleb Ewan vince la prima volata dell'anno: l'australiano delal Lotto Soudal ha conquistato il successo nel Criterium del Tour Down Under, tradizionale "aperitivo" della corsa a tappe che scatterà martedì. Ewan ha battuto sul traguardo di Adelaide Elia Viviani e...


Scansione in 3D per i ciclisti, è questa l'attività in cui sono impegnati il tedesco Tony Martin e il tecnico della Lotto Visma durante una fase del training camp. A cosa serve? E' un lavoro che viene effettuato per riprodurre...


Nel 2019 ha vinto di tutto e di più sull’ammiraglia della Deceuninck Quick Step (70 corse di alto e altissimo livello). E ha bissato il successo del 2016 vincendo l’Oscar tuttoBICI come miglior direttore sportivo dell’anno. Stiamo parlando di Davide...


Con una volata lunga e potente, Simona Frapporti reagala all'Italia femminile il primo successo della stagione. La portacolori della Bepink ha vinto ad Adelaide la quarta e ultima tappa del Tour Down Under. Il successo finale nella corsa australiana è...


Più che un semplice segnale d’allarme, è un grido, una sirena, una campana a martello. Il doping torna ad affacciarsi nel mondo del grande ciclismo: lo scorso anno sono stati 32 di positività tra i corridori di alto livello, contro...


  E’ un desiderio, un’innocenza, o forse un’illusione. E’ un’atarassia, un’allegria, o forse un’assenza. E’ un traguardo, una meta, o forse un viaggio. E’ uno stato d’animo, un modo d’essere, o forse un’opera d’arte. La felicità è un amore, una...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155