Secolo XIX. La Sanremo è in cerca del traguardo

| 23/10/2010 | 09:26
L’amministrazione comunale vuole riportare il traguardo della Milano-Sanremo sulla storica via Roma, ma gli uffici non sono convinti e lanciano l’allarme-viabilità: temono che la mossa paralizzi la città per un intero pomeriggio, con rischi anche per la sicurezza, visto che già via Matteotti è chiusa al traffico e che il lungomare Calvino è di fatto inutilizzabile. Ancora una volta, dunque, a Sanremo le esigenze turistico-sportive e l’organizzazione delle manifestazioni si scontrano con una rete viaria cronicamente insufficiente.

La questione è emersa in una riunione organizzata ieri mattina in Comune dagli assessori Alessandro Il Grande (viabilità) e Giuseppe Di Meco (turismo), con i dirigenti Claudio Frattarola (polizia municipale) e Rita Andena (attività produttive) e il responsabile del Servizio viabilità, Lorenzo Bongiovanni, più Mario Cattaneo, presidente della Us Sanremese Ciclismo. Secondo gli uffici, rispetto al passato (cioè al periodo tra il 1994 e il 2007, prima dell’”esilio” sul lungomare Calvino) le mutate condizioni della viabilità cittadina rendono problematico il ripristino dell’arrivo in via Roma. «Di fatto – è l’obiezione – la città resterebbe paralizzata dal primo pomeriggio, quando viene chiusa al traffico la direttrici corso Cavallotti-centro, sino alle 18-19». Una volta, rilevano i responsabili della viabilità e dei vigili, c’erano le alternative costituite da via Matteotti, oggi pedonalizzata sino al cinema Centrale, e del lungomare, ormai percorribile (e in modo limitato) soltanto da levante verso ponente, per la presenza della ciclopista-bis in corso Trento Trieste e del parcheggio di Area 24 sulla passeggiata Calvino e sul piazzale Dapporto.

E visto che sul lungomare Calvino è complicato smantellare le attrezzature del posteggio a pagamento, ieri è stata ipotizzata un’ulteriore soluzione: ricavare l’ultimissimo tratto di corsa, dall’incrocio tra via Bixio e corso Mombello alla vecchia stazione Fs, sulla pista ciclabile. Ma ciò richiederebbe la demolizione dell’aiuola realizzata a margine della ciclopista dietro l’ex Sporting.

Claudio Donzella
Il Secolo XIX

Copyright © TBW
COMMENTI
A questo punto sorge una domanda?
23 ottobre 2010 19:28 The rider
L'amministrazione comunale di Sanremo, vuole ancora l'arrivo della Milano Sanremo? Oppure dal 2011 dovremmo assistere alla Milano-Arma di Taggia?

Maurizio Ponti.

24 ottobre 2010 18:24 ciceinge

Ma allora perchè non tornare all'antico e mettere l'arrivo in corso Cavallotti subito dopo la fine della discesa dal Poggio?. Magari cosi tornerebbero a vincere la Sanremo quelli che riescono a fare la differenza sul Poggio.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tadej POGACAR. 10. “Gna fà”, non ce la fa a regalar tappe. È un agonista e come tale si comporta. Non è qui per fare le pierre, è qui per vincere il Tour de France, a viso aperto. I saggi...


Ancora una volta UAE Development Team conquista una Top 5 e ancora una volta la velocista Sara Fiorin ha ottenuto un buon risultato. Dopo il terzo posto conquistato nella seconda tappa del Baloise Ladies Tour oggi è andata in scena...


In questo Tour de France non ce n'è per nessuno, anche sulle Alpi Marittime Tadej Pogacar (UAE) va a prendersi il suo trionfo vincendo l'ennesimo duello di questa edizione con Jonas Vingegaard (Visma Lease a Bike). A completare il podio della...


Dopo 17 anni è tornato il ciclismo dilettanti sul circuito collinare empolese di Corniola ed al termine di una gara selettiva con soli 23 arrivati sui 94 partenti, è stato il valdarnese di Incisa Matteo Regnanti ad aggiudicarsi il Gran...


La legge della salita è una sola: chi ha le gambe vince. E questa è anche la legge di Jarno Widar (Lotto Dstny Development) che a Champoluc si prende tappa e maglia gialla di leader. Il belga, già vincitore del...


Doppio colpo per Erazem Valjavec al Giro del Veneto juniores. Il figlio d'arte della Autozai Contri trionfa nell'arrivo in salita a Passo Croce d'Aune dove lo sloveno si scatena rifilando 40" ad Andrea Bessega (Borgo Molino Vigna Fiorita) e 43"...


Questa settimana Radiocorsa va in onda oggi, sabato 20 luglio, alle 18 su Raisport. Per celebrare due donne, due cicliste, che hanno fatto grande il movimento azzurro negli ultimi tempi. La piemontese Elisa Longo Borghini, con la sua vittoria al...


Era un pistard e con la maglia gialloblu della nazionale ucraina aveva partecipato a diverse edizioni dei campionati europei stabilendo anche dei record nazionali nel km da fermo e nella velocità a squadre. Andreyi Kutsenko aveva studiato all'università di Leopoli,...


Le lacrime e il lungo abbraccio con la moglie Trine: questa è l’immagine di Jonas Vingegaard dopo il traguardo a Isola 2000. Il danese che il Tour lo ha vinto già due volte, nella diciannovesima tappa si è arreso, ammettendo...


Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi