Doping, perquisizioni anche al Giro

| 26/05/2004 | 00:00
L' indagine sul doping che ha scosso oggi il mondo dello sport - con l’operazione denominata “Oil for drug” - è nata dopo la morte di un ciclista in Toscana e in seguito alla registrazione di numerosi malori soprattutto tra ciclisti dilettanti. Lo hanno spiegato gli investigatori, coordinati dal colonnello dei Nas Stefano Ortolani nel corso della conferenza stampa che si e' tenuta nella sede di piazza Albania a Roma. L'inchiesta, partita nel mese di giugno dello scorso anno, si è' sviluppata nell'ambiente del ciclismo amatoriale, da cui sono emersi subito preoccupanti collegamenti tra i corridori di alcune società e i tecnici preparatori, ma anche medici, e l'uso indiscriminato di farmaci ad azione dopante ''ai fini dell'esaltazione delle prestazioni agonistiche, per altro sospettate di aver provocato il decesso di alcuni ciclisti amatoriali. Le indagini sono continuate attraverso intercettazioni, controllo e pedinamento. Dalle indagini è emerso uno spaccato preoccupante perché vi sono molti atleti che sono vittime. Abbiamo scoperto aspetti di assuefazione nei tempi brevi e danni gravi per l' uso protratto del doping soprattutto nel settore dei non professionisti - ha detto il pm Paolo Ferraro -. Vi è un uso disperato di sostanze dopanti e sicuramente un fenomeno di sfruttamento degli atleti che richiede la necessità di interventi». Tra i 138 indagati vi sono 15 ciclisti professionisti (otto presenti al Giro: Galletti, Scirea, Mazzoleni, Speziletti, sacchi, Muraglia, Marzoli e Simone Masciarelli) e 77 dilettanti e amatori. Con loro altri sette atleti di varie specialità (tra cui l'atletica leggera: il campione del mondo dell’asta Giusepep Gibilisco, il discobolo Vizzoni e la maratoneta Fiacconi). Sul registro degli indagati della procura di Roma sono stati iscritti anche i nomi di nove infermieri che lavorano presso ospedali e strutture pubbliche di cui fanno parte fisioterapisti e massaggiatori di societa' sportive; due medici, cinque medici farmacisti, nove direttori sportivi di squadre diverse di ciclismo amatoriale, e altre nove persone che hanno avuto ruoli differenti a seconda della singola posizione. Tra le strutture pubbliche perquisite vi sono l'ospedale militare del Celio e il Policlinico a Roma, l' Ospedale Santa Chiara a Pisa (in particolare i reparti di oncologia e ortopedia dove vengono utilizzate le sostanze utili per il doping) e l' Ospedale Civile di Viareggio. Il dottor Carlo Santuccione, indicato tra i principali indagati nell'operazione dei Nas contro il doping fra gli atleti, figurava già tra gli inquisiti, nel 1998, nell'ambito dell'inchiesta sul doping nel ciclismo che coinvolse l'allora rettore dell'Università di Ferrara, Francesco Conconi, condotta dalla Procura di Ferrara. L'indagine - il Pm era Pierguido Soprani - era nata dal dossier presentato nel 1996 dal direttore del settore ricerca e sperimentazione del Coni, Sandro Donati. A Santuccione - allora preparatore atletico, fra gli altri, del ciclista Rodolfo Massi - erano contestati i reati di illecito sportivo e di somministrazione di farmaci pericolosi alla salute. Le ipotesi dell'accusa seguivano una traccia precisa, ovvero se il Coni finanziasse il Centro di Conconi, impegnato nella ricerca. Il nome del medico pescarese tornò, nel 2001, in uno degli stralci prodotti dall'inchiesta, conclusasi poi con l'assoluzione di Conconi nel novembre 2003 per prescrizione dei reati. I dodici stralci erano stati inviati per competenza territoriale ad altrettante Procure di tutta Italia e riguardavano complessivamente una ventina di persone, tra Ct, direttori sportivi, medici e ciclisti, questi ultimi accusati di ricettazione. Nella maggior parte degli stralci era ipotizzata la frode sportiva come reato principale. Collegamenti tra i corridori di alcune societa', di tecnici preparatori e medici nell'uso indiscriminato di farmaci ad azione dopante per il miglioramento delle prestazioni agonistiche, prestazioni sospettate di aver provocato la morte di alcuni ciclisti amatoriali. Lo sviluppo delle indagini, alle quali prendono parte anche i Nas di Viterbo e di Latina, hanno avuto un'impennata grazie anche ad intercettazioni telefoniche, pedinamenti e riprese video e fotografiche che portavano all'individuazione di un sodalizio che gestiva da anni una rilevante fetta dell'illecito mercato nella zona dell'Italia centrale, in particolare Lazio, Abruzzo e Toscana. Sodalizio che andava a coprire tutte le attivita' connesse al doping, dal procacciamento al commercio, dalla prescrizione alla somministrazione, con la possibilita' di condizionare, se non eludere completamente, i controlli antidoping conoscendo in anticipo le date e i nominativi degli atleti da sottoporvi. Nell'ambito dell'inchiesta sono inoltre emersi canali di approvvigionamento delle sostanze in alcune strutture sanitarie pubbliche dove, grazie ad infermieri compiacenti, venivano sottratte specialita' medicinali e materiali per emo-trasfusione, nonche' tre farmacie nel Lazio e in Toscana che fungevano da luogo di rifornimento degli atleti. Nel quadro degli accertamenti e' stata sequestrata una partita di ormone della crescita (Gh) di provenienza lituana, intercettata lo scorso marzo nei pressi del confine italo-sloveno, di sospetta provenienza umana. L'inquietante ipotesi degli investigatori e' che la partita sia stata ottenuta non con tecniche di ingegneria genetica, ma estratta da ipofisi di cadaveri. Le perquisizioni sono state eseguite in 28 citta' delle regioni: Toscana, Lazio, Abruzzo, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche, Lombardia, Puglia, Basilicata e Sicilia. Negli accertamenti e' coinvolto anche un funzionario della Federciclismo Nessun sequestro di materiali o sostanze dopanti e' stato fatto per le otto perquisizioni effettuate al Giro d'Italia. Nel corso della operazione, che prevedeva la perquisizione di otto ciclisti, i carabinieri hanno individuato anche un cicloamatore di Rieti, Maurizio Spadoni, che era al Giro in qualita' di meccanico e autista per la Formaggi Pinzolo. Si e' appreso che i due corridori della Domina Vacanze, Galletti e Scirea, hanno fatto la verbalizzazione della perquisizione nella caserma dei carabinieri e non in albergo come e' avvenuto per tutti gli altri ciclisti, solo per l'impossibilita' materiale di stilare il verbale nell'albergo della squadra. Come spesso e' accaduto nelle inchiesta sul doping, anche questa volta gli investigatori del Nas che ascoltavano le telefonate dei commercianti di sostanze proibite si sono imbattuti in un linguaggio di copertura per indicare la consegna dei farmaci che potenziano le prestazioni sportive. Nell' inchiesta della Procura di Roma che ha portato all' operazione di oggi, ad un certo punto i carabinieri hanno sentito una telefonata in cui si parlava di una consegna di 30 ruote. La consegna, avvenuta sotto gli occhi dei militari, fu in realta' di un sacchettino. Le ruote - hanno cosi' scoperto gli investigatori - indicavano la quantita' di prodotti proibiti. Oltre di ruote nelle telefonate si parlava di raggi: ad esempio di ''30 ruote da 40 raggi''. La traduzione e': 30 confezioni da 40mila unita'. I vasi di miele poi indicavano l' Epo, Lulu' voleva dire Lutrelef, un medicinale a base di ormoni. Nelle chiamate c' era spazio anche per ''il grande fratello'', un modo per indicare l' Igf, fattore di crescita insulino-simile. Comunque la ricerca di sostanze proibite nella operazione di oggi ha avuto esiti concretri: sono state sequestrate circa 1000 confezioni, a partire dall' Epo, apssando per Gh e Nesp, arrivando agli ormoni.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Filippo Ganna ha un sorriso grande così quando scende dal podio e racconta: «Questa è stata una trasferta importante, cinque prove nelle quali ci siamo migliorati tanto. Col quartetto abbiamo mostrato che siamo in corsa per ottenere qualcosa di grande...


Marco Villa sorride per la seconda sera di fila di fronte alle prestazioni dei suoi ragazzi: «Direi che anche stasera siamo andati bene. Quarto mondiale per Filippo con record del mondo in qualifica, quarto posto per Milan a soli 19...


Jonathan Milan è al settimo cielo nonostante la sconfitta subita da Corentin Erfmenault nella finale per il bronzo mondiale: «Questo mondiale è stata un’esperienza più che positiva per me, ho cercato di dare il massimo per il quartetto e nel...


Che spettacolo, che emozione! Filippo Ganna non tradisce le attese e conquista il suo quarto titolo di campione del mondo dell'inseguimento individuale (2016, 2018 e 2019 i precedenti). In finale il piemontese volante ha sgretolato lo statunitense Ashton Lambie dal...


È scesa la notte ad Abu Dhabi, notte illuminata dalle luci artificiali che disegnano le avveniristiche skyline. È scesa la notte ma non ci sono novità per gli oltre 500 membri della carovana dell'UAE Tour. Da 24 ore sono chiusi...


Inizia con un colpo di scena l’omnium donne: la favorita, l’olandese Kristen Wild, è stata retrocessa nello scratch per aver causato una caduta a due giri dalla fine. Ma andiamo con ordine: gara che non dice assolutamente nulla fino a...


Un conto è sentire che il record è nell'aria, un altro è vedere la sensazione che si traforma in realtà. Filippo Ganna approda alla finale del torneo dell'inseguimento segnando il nuovo recordo del mondo con il tempo di 4'01"934 alla...


Il Presidente della Federazione Danese e vice Presidente UEC, Henrik Jess Jensen ci ha confermato che ieri lui e i suoi collaboratori sera sono venuti a conoscenza del "caso" UAE Tour mentre Michael Morkov stava raggiungendo l'hotel della squadra a...


I rappresentanti delle squadre al momento negli hotel dell'Isola di Yas ad Abu Dhabi fanno sapere che la situazione è in via di miglioramento, almeno per quato riguarda la situazone logistica. «Avremo alle 15 ora italiana i risultati dei test....


La notizia rimbalza da Berlino: Micheal Morkov, che non era partito ieri nella quinta tappa dell'UAE Tour per volare a Berlino e disputare i mondiali su pista, al suo arrivo in Germania è stato chiuso nella sua camera d'albergo. La...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155