ADAM YATES. «JOAO ED IO CI SIAMO PARLATI, LUI DOMANI PUO' VINCERE CRONO E GIRO DI SVIZZERA»

PROFESSIONISTI | 15/06/2024 | 19:00
di Giorgia Monguzzi

Al Tour de Suisse prosegue il dominio della Uae Team Emirates che firma il quarantunesimo successo con un arrivo trionfale di Adam Yates e Joao Almeida, i due padroni della corsa elvetica. La vittoria è andata al britannico, per la seconda volta a segno in questa edizione del Tour de Suisse che ha consolidato il primato nella classifica generale  confermando un ottimo stato di forma.


«Non è stata una tappa semplice, c’erano pochi in chilometri in programma, ma era praticamente tutta salita - ha spiegato Adam Yates dopo il traguardo -: ho avuto delle buone sensazioni fin dalla prima salita e con la squadra abbiamo scelto di puntare tutto sull’ultima ascesa. Il Team Ineos ha preso in mano la situazione e abbiamo lasciato fare aspettando il momento buono per attaccare. Sono molto soddisfatto del mio stato di forma, sicuramente non sono al 100%, ma con questo Tour de Suisse sto dimostrando di avere costanza e di essere pronto per un grande giro. La squadra è stata incredibile in tutti i giorni di corsa, abbiamo dominato e controllato ogni tappa, domani possiamo giocarci il successo finale».


Yates e Almeida hanno tagliato il traguardo tenendosi per mano e facendosi i complimenti a vicenda. Negli ultimi chilometri hanno parlato molto incitandosi e anche decidendo a chi dovesse andare la vittoria, è stato lo stesso britannico a spiegare in sala stampa la decisione dietro il suo successo. «Joao ed io durante la salita ci siamo parlati, volevamo arrivare insieme e quindi abbiamo fatto un ritmo che potesse andare bene ad entrambi. Sia lui che io abbiamo chiesto all’altro se volesse vincere, poi mi son fatto avanti e ho chiesto se potevo tagliare io per primo il traguardo, lui mi ha detto subito di sì. Non ho voluto peccare di prepotenza, semplicemente abbiamo pensato allo scenario di domani: Joao va fortissimo a crono e potrebbe vincere non solo la tappa, ma addirittura la classifica finale. Almeida è un ragazzo straordinario sempre pronto ad aiutare i suoi compagni di squadra e anche oggi non è stato da meno».

Attualmente la classifica finale vede Adam Yates in maglia gialla con 31” di vantaggio sul compagno di squadra Joao Almeida, ma la cronometro finale di 15,7 km potrebbe cambiare la situazione. «Non so come andranno le cose, domani c’è la salita, ma le cronometro non sono proprio il mio terreno. Molto probabilmente perderò la maglia, ma sono sicuro che Joao Almeida farà una crono incredibile e ci penserà lui a portare  a casa la vittoria finale».



Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Jarno Widar vince il Giro della Valle d’Aosta, sul traguardo di Cervinia la tappa va a Arias Torres (Uae). Widar si presenta ai duecento metri dall’arrivo con Dostiyev, vincitore della prima frazione e davvero l’uomo che meglio ha saputo resistere...


na maglia importante in una prestigiosa vetrina internazionale per Under 23. Il Team Biesse Carrera brilla al Giro della Val d'Aosta, terminato oggi e dove il toscano Tommaso Dati (classe 2002) si è aggiudicato la classifica finale dei Traguardi volanti,...


Si è concluso oggi a Selve di Teolo, nel Padovano, il Giro del Veneto categoria juniores. La frazione conclusiva è stata conquistata allo sprint dall'azzurro Alessio Magagnotti, della Autozai Contri, che ha regolato Riccardo Fabbro (Industrial Forniture Moro C&G Capital)...


Un brindisi al Muro, che l’ha accolto trionfalmente il 25 maggio, nella penultima tappa dell’edizione numero 107 del Giro d’Italia. E, soprattutto, un brindisi a lui, che ha scelto Ca’ del Poggio per festeggiare – ieri, sabato 20 luglio -...


L’imbattibile Tadej Pogacar in fondo alla classifica di una corsa? Sembrerebbe impossibile, eppure c’è stato un tempo in cui le prendeva... e come se le prendeva. Una cosa che sembrerebbe incredibile, soprattutto oggi che si appresta a vincere il suo...


Un Tour storico come quello del 2024 si chiude con un'altra pagina di storia: per la prima volta in 111 edizioni, infatti, la Grande Boucle non si concluderà a Parigi. La capitale, che da giovedì ha cominciato ad accogliere gli...


Raffica di statistiche sulla ventesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 6+5: POGACAR INFRANGE UNA NUOVA BARRIERA Con una 5a vittoria di tappa al Tour de France, dopo averne vinte 6 al Giro...


Una normale giornata di allenamento in quota - la Soudal Quick Step è in ritiro al Passo San Pellegrino con Julian Alaphilippe, Ayco Bastiaens, Gil Gelders, Antoine Huby, William Junior Lecerf, Paul Magnier, Tim Merlier, Pepijn Reinderink, Pieter Serry, Martin...


Ancora un piazzamento per Jonas Vingegaard, che ieri nella tappa numero 20 da Nizza al Col de la Couillole è arrivato secondo alle spalle di Tadej Pogacar. Il danese non ha vinto questo Tour, ma ha lottato in ogni modo...


Il Tour del 1903? “Quella prima frazione durò circa 18 ore. E dopo averla vinta, Garin si saziò con due polli, quattro bistecche, una frittata con 12 uova e 12 banane”, “Nella seconda tappa verso Marsiglia, alla stazione di Montélimar...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi