OLIMPIADI. PERCORSI E ALTIMETRIE DELLE GARE

TOKYO 2020 | 23/07/2021 | 08:10
di Diego Barbera

Sarà un percorso impegnativo quello che attenderà gli atleti maschili e femminili alla prova in linea di ciclismo alle Olimpiadi di Tokyo 2020. E anche l’altimetria delle cronometro è tutt’altro che da altissime velocità. Facciamo il punto con tutto ciò che c’è da sapere sulle quattro prove.


Prova ciclismo maschile su strada

altimetria percorso ciclismo tokyo 2020


Con una lunghezza di 234 chilometri e un’altimetria con 4865 metri di dislivello, si può comprendere immediatamente che sarà una prova molto esigente quella maschile su strada che partirà dal Musashinonomori Park e arriverà al Fuji International Speedway nella mattina di sabato 24 luglio (dalle ore 4, copriremo questo e gli altri eventi in LIVE). 

 

La partenza della gara sarà semplice, con 40 km in pianura fino al primo Gpm di giornata di Doushi Road (4,3 km alla pendenza media del 6,1%). In vetta, i corridori saranno attesi da un tratto in falsopiano che porterà alla seconda ascesa del Kagosaka Pass (2,2 km al 4,6%), dunque una lunga discesa verso Gotemba che porterà al piatto forte ovvero la suggestiva scalata di uno dei simboli di Tokyo e del Giappone intero: il Monte Fuji, la cui vetta è a quasi 100 km dal traguardo.

 

Saranno 15 i km con una pendenza media del 6% e massima oltre il 10%. Si scenderà dunque verso il primo passaggio sul traguardo per poi recarsi al momento topico della prova, che verosimilmente deciderà la corsa ossia la salita impegnativa di Mikuni Pass (6,5 km al 10,6% con massima a ben 22%). Da quel momento, rimarrà poco terreno (34 km) per recuperare perché si proseguirà verso la seconda scalata del Kagosaka Pass e quindi gli ultimi veloci 21 km all’arrivo. 

Prova ciclismo femminile su strada

La prova femminile del 25 luglio si terrà su una distanza di 137 km sempre con partenza presso il Musashinonomori Park e traguardo a Fuji International Speedway con 2692 ostici metri di dislivello. A differenza degli uomini, non si scalerà il monte Fuji né il Mikuni Pass, ma si dovranno affrontare sia il Donushi Road sia il Kagosaka Pass, con un tracciato dunque molto simile ai colleghi con il finale che prevede una discesa per 14 km per completare un giro e mezzo del circuito ondulato finale. 

Cronometro maschile e femminile

Piuttosto semplice la descrizione del percorso della cronometro di Tokyo 2020 visto che uomini e donne utilizzeranno lo stesso tracciato, ma i primi completeranno due volte l’anello da 22.1 km. Come anticipato, non sarà affatto piatto, come si evince dai 423 metri di dislivello per giro: la partenza sarà molto veloce in discesa, dunque si affronterà la prima salita, si scenderà verso l'ingresso del Fuji Speedway e andrà di nuovo ad affrontare un tratto sempre in leggera ascesa.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Movistar è la storia del ciclismo moderno. Può sembrare un'affermazione forte, ma diventa lampante se pensiamo che questa squadra, quattro decenni e altrettanti nomi fa, è nata nel 1980. E c'è un uomo che, prima come direttore sportivo e...


Inizia l’ultima settimana del Giro d’Italia 2024 dopo la giornata di riposo della carovana a Livigno, con il suo abitato che si sviluppa in lunghezza parallelo all’andamento delle cime che lo contornano. il “piccolo Tibet”, così detto per l’elevata quota...


Seconda vittoria italiana al Tour of Japan 2024 e bis per il JCL Team UKYO: dopo il successo di Malucelli, oggi è arrivata l’affermazione di Giovanni Carboni. Nella tappa con partenza ed arrivo ad Inabe, il 28enne ciclista marchigiano ha...


Dopo lo straordinario spettacolo che ci ha regalato Tadej Pogacar nella tappa di domenica e dopo il secondo giorno di riposo, il Giro d'Italia parte per affrontare la sua ultima settimana. Se la vittoria finale appare saldamente nelle mani del...


Una nuova realtà che unisce scienza e conoscenza, tecnologia ed esperienza, capacità e innovazione e mette tutto al servizio del ciclista, tanto dei campioni quanto dei cicloamatori e di coloro che in bicicletta semplicemente amano pedalare alla scoperta del mondo....


  Il primo ad apparire è Felice Gimondi: maglia Bianchi, mani strette al manubrio, il simbolo della volontà. Dopo di lui – dopo di lui!, dopo! – c’è Eddy Merckx: maglia iridata, braccia al cielo, il gesto del trionfo. Ecco...


Un poco alla volta le notizie su Jonas Vingegaard iniziano ad arrivare. Il due volte vincitore del Tour de France, dopo aver lasciato l’ospedale in Spagna, era tornato in Danimarca a Glyngøre e nelle scorse settimane aveva postato una foto...


In questi giorni le tinte rosa del Giro dominano l’Italia ma Piacenza sta cominciando a colorarsi di giallo Tour. La cittadina emiliana, sede di partenza della terza tappa della Grande Boucle 2024, si sta preparando allo storico evento del prossimo...


“Un giro nel Giro”, il circuito di pedalate amatoriali, dedicato a clienti e appassionati ciclisti, sul percorso del Giro d’Italia organizzato da Banca Mediolanum, da ventidue anni sponsor ufficiale della Maglia Azzurra del Gran Premio della Montagna, è pronto a...


Ci sono novità ai vertici di Specialized: Armin Landgraf è il nuovo CEO in sostituzione di Scott Maguire, che guiderà la nuova divisione di innovazione e tecnologia del marchio. per proseguire nella lettura vai su tuttobicitech.it  


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi